Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Applicare l'illuminazione a LED e ridurre i costi energetici dei coltivatori che utilizzano HPS

"Se si guarda al settore e all'attuale crisi energetica, ci sono vari asset che i coltivatori devono gestire quotidianamente, ad esempio elettricità, gas e acqua. Abbiamo anche sentito di coltivatori che spengono le luci un'ora prima, per risparmiare sulla bolletta. Con tutto ciò che sta accadendo nel mondo in questo momento, si presume che il costo dell'energia continuerà ad aumentare. Con le nostre lampade a LED, i coltivatori possono affrontare il problema dei costi energetici", afferma James Fleet della GE Current-a Daintree company, che sarà presto conosciuta come Current.

"Con tale obiettivo in mente, abbiamo affrontato un altro problema: come possiamo aiutarli a passare all'illuminazione a LED? In tanti offrono soluzioni tecnologiche per il risparmio energetico, ma queste devono combinarsi con uno strumento finanziario che renda più accessibile l’implementazione. È qui che entrano in gioco i nostri pacchetti di finanziamento. Abbiamo trovato un modo per limitare il capitale d’investimento dei coltivatori che pagheranno all’inizio per i loro progetti LED".

La Current eredita un’attività di 130 anni che risale a Thomas Edison, l’inventore della prima lampada a incandescenza. Il loro background nel settore dell’orticoltura risale al 2011, inizialmente incentrato sull'agricoltura verticale. Oggi forniscono soluzioni di illuminazione e controllo sia per vertical farms che per impianti serricoli. Oltre a essere presente in America, la sua attività europea comprende installazioni in vari Paesi: ad esempio, numerosi progetti di cetrioli e pomodori in Finlandia, progetti di pomodori, lattuga e fragole nel Regno Unito e pomodori e fiori nel nord Italia e in Spagna.

"La nostra filosofia aziendale rimane la stessa, indipendentemente dal raccolto: consentire ai coltivatori di adottare facilmente soluzioni di illuminazione e controllo affidabili e sostenibili, che migliorano i raccolti riducendo il consumo di energia".

Tecnologia collaudata
Secondo James, ora i LED sono adottati sul mercato come una tecnologia collaudata. "Molto dello scetticismo iniziale è ormai superato, grazie agli studi di casi comprovati che dimostrano che i LED non compromettono la resa. Naturalmente, anche l’illuminazione a High Pressure Sodium-HPS (lampade al sodio ad alta pressione, ndt) è una tecnologia collaudata, ma consuma moltissima energia, che è ciò che ci porta alla questione fondamentale del perché i LED sono diventati sempre più interessanti: i coltivatori oggi devono ridurre la loro elevata spesa operativa (OPEX) per l'energia. L’illuminazione a LED è un modo semplice per farlo".

Rendere accessibile la tecnica
Ma c’è un'altra questione da affrontare: rendere la tecnica accessibile ai coltivatori. GE Current ha sviluppato dei modelli che consentono ai coltivatori di adottare facilmente queste tecniche di illuminazione. James spiega che hanno esaminato tre punti chiave per garantire che il passaggio al LED abbia successo. "Uno è non scendere mai a compromessi sulla resa. Negli ultimi due anni, c’è stata una tendenza sul mercato a considerare l'efficienza più importante della resa, con storie sulla massima efficienza dell’impianto d’illuminazione e dello spettro luminoso. Potrebbe essere vero dal punto di vista energetico, ma una tecnologia che vuole essere efficiente lo dovrebbe essere anche dal punto di vista delle prestazioni produttive dell'impianto. Non vogliamo scendere a compromessi sulla resa".

"Inoltre, non siamo mai scesi a compromessi sulla qualità del prodotto, e non lo faremo mai", aggiunge James. "La tecnologia è collaudata e testata, e riteniamo di avere le migliori referenze per aiutare i coltivatori a ridurre il consumo di energia mantenendo la resa, una realtà che inizia a diventare molto interessante ora che le tariffe dei servizi pubblici sono aumentate del 60%, e raggiungeranno il 100%, se ritengono affidabili le proiezioni del mercato. Investire nei LED garantirà un risparmio energetico dal 50 al 60%".

Si prendano ad esempio i Paesi Bassi. "Le tariffe energetiche che sono passate da 7 ct/kwh a 15 ct/kwh, raggiungeranno i 20 ct prima di quanto pensiamo, raddoppiando di fatto il costo dell'elettricità per un coltivatore. Questo è un grafico lineare: non importa quale sia la superficie, purché le ore di illuminazione non cambino. Con la nostra tecnologia a LED, offriamo una sostituzione one-for-one che non richiede il ricablaggio del layout elettrico esistente e che produce un'uscita HPS leggermente superiore, ma approssimativamente la stessa di 400 W, 600 W o 1000 W, riducendo al contempo i costi energetici del 60%. Quindi investire nei LED riduce i costi operativi".

Modelli di leasing per limitare la spesa iniziale
Ma, ovviamente, il LED è più costoso delle lampadine HPS e, al momento, il mercato è impegnativo. "Ecco perché abbiamo ideato modelli per limitare la spesa iniziale dell'acquisto dei LED".

In parole povere, questo significa che Current può finanziare la sostituzione di un sistema di illuminazione a LED. L'azienda offre modelli di finanziamento che assorbono dal 50% fino al 100% dell'investimento CAPEX, con una scadenza a 1, 3 o 5 anni. "Oppure, se i coltivatori preferiscono, possono noleggiare i modelli e fare in modo che i vantaggi energetici superino i benefici del leasing", afferma James.

Opzioni di sovvenzione locale
Dalla sua introduzione, il sistema è stato applicato a vari progetti di serre in tutta Europa. "Abbiamo realizzato una serie di modelli di finanziamento adattati appositamente ai mercati in cui operiamo. Ad esempio, i coltivatori olandesi hanno opzioni di sovvenzione diverse rispetto a quelli finlandesi e, naturalmente, aiutiamo a incorporare anche queste. Pensiamo di escludere il CAPEX dalla decisione iniziale e di sostituirlo con uno schema che renda il risparmio energetico superiore ai pagamenti. In generale, forniamo ai coltivatori un modello che mostra in dettaglio come implementare l’impianto a LED e perché è vantaggioso per il loro funzionamento. Li aiutiamo a raggiungere una migliore efficienza energetica, che preserva anche il flusso di cassa. Ciò è particolarmente necessario, considerato l’attuale contesto economico".

Per maggiori informazioni:
James Fleet
GE Current, a Daintree company
retrofit@gecurrent.com 
www.arizegrow.com/retrofit


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto