Andmi sollecita l'operativita' dell'Osservatorio

In Germania solo 17 mercati all'ingrosso contro i 134 in Italia

Diciassette mercati all'ingrosso contro 134. E' questa, più o meno, la proporzione fra Italia e Germania, con la nazione tedesca che, pur contando 80 milioni di abitanti, circa 20 milioni in più dell'Italia, ha 123 mercati in meno.

L'Andmi, l'associazione dei direttori dei Mercati all'ingrosso presieduta da Pietro Cernigliaro, ha stretto rapporti con l'Unione dei mercati tedeschi per crescere nella collaborazione. "In Italia in 10 anni (2007 - 2017) il canale tradizionale - ha affermato Cernigliaro - è passato dal 50% della quota al 37% il che significa, in quantità, da 4,18 milioni di tonnellate a 2,97 milioni di ton. In Germania, dai mercati transita l'11% dei volumi di ortofrutta, in Gran Bretagna il 15%, nei Paesi Bassi il 20%, in Spagna il 28%, in Francia il 31%". 

"Anche in Germania, i mercati all'ingrosso come piattaforme commerciali e logistiche urbane - ha scritto Frank Willhausen, Consulente GFI Unione Mercati Tedeschi nell'ultima newsletter Andmi - sono al centro della catena di valore dei prodotti freschi. Nel sistema distributivo alimentare, i Mercati all'ingrosso partecipano con il 32% per frutta e verdura, 14% per fiori e piante e 5% per pesce e carne. I mercati all'ingrosso tedeschi si possono considerare ognuno per sé e quindi nella loro particolarità come unici. Eppure valgono per tutte le stesse sfide, comprese anche la sottovalutazione dell'importanza economica, sociale, culturale e nutrizionale dei mercati all'ingrosso".

Anche in Germania i mercati all'ingrosso come piattaforme commerciali si trovano in diretta concorrenza con le catene oligopolistiche della grande distribuzione, che si avvale di una grande lobby politica anche a livello di EU. I mercati all'ingrosso in Germania non ricevono sussidi o contribuzioni statali.

"Tanto maggiore è il nostro orgoglio per il fatto che gli operatori dei mercati all'ingrosso sono inseriti in un contesto di economia redditizia. Raggiungiamo questo obiettivo attraverso una efficiente gestione del mercato, che crea e garantisce i necessari requisiti organizzativi e infrastrutturali per permettere agli operatori di mercato di raggiungere la necessaria competitività".

Andmi sta lottando in tutti i modi per istituire e rendere efficace un Osservatorio sui mercati: non tanto per andare a sopprimerne il numero, quanto per fare unioni e sinergie e preservare il ruolo di vicinanza al consumatore, puntando sulla freschezza e qualità.

"Accogliamo con favore l'istituzione di un osservatorio dei mercati in Italia - continua Willhausen. Il progetto elaborato da Andmi e presentato da Uniontrasporti è innovativo e fortemente opportuno. Sarebbe importante che gli attori in Italia venissero a conoscenza degli obiettivi, dei contenuti e dell'organizzazione dell'Osservatorio il prima possibile".

"In Germania non esiste una struttura di questo tipo, a causa della diversificata dimensione e del limitato numero dei mercati all'ingrosso. Non è peraltro necessario, poiché lo sforzo di coordinamento e di indirizzo dei 17 mercati è facilmente gestibile. Lo scambio di informazioni e il coordinamento delle gestioni viene garantito dall'associazione GFI Deutsche Frischemärkte - Unione Mercati ingrosso della Germania nella quale sono riuniti gli Enti gestori e i direttori delle strutture annonarie, con l'inclusione dei mercati rionali. Raccogliamo e sfruttiamo tutti i dati e le informazioni in base a una struttura organizzativa definita, accedendo, ove necessario, ai dati forniti da partner esterni, con i quali siamo adeguatamente collegati in rete".

Contatti:
Pietro Cernigliaro
ANDMI
Email: pcernigliaro@hotmail.it
Web: www.andmi.it


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto