Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Sempre piu' difficile spedire camion nel Regno Unito

A Calais e Dunkerque, i funzionari della dogana francese proseguono la loro protesta per dimostrare quello che potrebbe accadere dopo la Brexit, quando dovranno essere messi in atto maggiori controlli per coloro che attraversano il canale della Manica. Dicono che la Francia non è pronta per la Brexit.

La protesta è cominciata all'inizio di questa settimana e ha causato enormi ritardi, con camion bloccati dal traffico per diversi chilometri, e alcuni costretti dalla polizia francese ad aspettare in Belgio. Questa situazione sta causando enormi problemi al settore ortofrutticolo europeo.

Troppo rischioso per gli esportatori
Peter Davis di Davis Worldwide ha dichiarato: "Le merci caricate mercoledì si prevede non arrivino prima di domenica nel Regno Unito, e quelle caricate lì oggi impiegheranno 5-6 giorni per arrivare qui. E' tutto molto imprevedibile. Il problema non è solo il ritardo: alcune compagnie di autotrasportatori si rifiutano di mandare i camion nel Regno Unito. Inoltre, c'è il problema dei mezzi fermi sulle autostrade che portano a Calais e che vengono occupati dai migranti, e gli esportatori non vogliono correre il rischio di arrivare nel Regno Unito e trovarli nei loro camion, il che significa che il prodotto deve essere distrutto, oltre al fatto che le società vengono anche sanzionate dalla dogana del Regno Unito".

Peter vede questo come un test di quello che accadrà nel momento in cui il Regno Unito lascerà l'Europa, con l'elevato rischio - vista l'attuale situazione parlamentare britannica - di farlo senza alcun accordo con l'Ue.

Carenza di camion che vanno nel Regno Unito
Philippe Jean, direttore commerciale dell'azienda di esportazione di mele francese, Cofruid'Oc, afferma: "Stiamo facendo fronte a una carenza di camion diretti nel Regno Unito, perché la rotazione è molto più lenta del normale. Questo ha già causato gravi ritardi nelle consegne, già da alcuni giorni. E' sempre un problema modificare i programmi di consegna. Oltre a questo, alcuni trasportatori stanno rinunciando al Regno Unito, preferendo altre destinazioni. Ciò contribuisce alla carenza di mezzi disponibili per quella destinazione. Oggi avremmo dovuto caricare un camion che doveva consegnare i nostri prodotti nel Regno Unito. Ieri la compagnia di trasporti mi ha chiamato per dire che non avevano mezzi disponibili".


Data di pubblicazione :
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto