Con reportage fotografico!

L'importanza della standardizzazione e la forza di un tweet: resoconto del 1st EU Fresh Forum

Si è svolta a Rotterdam dal 3 al 4 dicembre 2014 la prima edizione dell'EU Fresh Info Forum, nel quale imprese di primario livello hanno mostrato le potenzialità che discendono dalle applicazioni di information technology (ICT) per il settore del commercio ortofrutticolo: dal risparmio di carta all'efficientamento delle collaborazioni nell'export grazie all'utilizzo dei dati. Un ampio e ricco programma di presentazione, che ha visto alternarsi 14 relatori. E se pensate che concetti come Big Data, codici a barre e soluzioni ICT non siano interessanti per i commercianti, beh il Forum è pronto a farvi cambiare idea.

Scopri di più nell'album fotografico sul Forum.


Come sarebbe il mondo dei commerci se non ci fosse più bisogno di carte per ogni procedura di esportazione ma solo documenti in formato digitale? Il relatore Theo Hesselink dell'Organizzazione mondiale delle dogane ha spiegato che tipo di lavoro viene portato avanti su questo fronte.

Nonostante la crisi, dal 2009 i commerci internazionali sono cresciuti; ma già nel lontano 1997 l'allora G7 aveva sottolineato l'importanza della standardizzazione negli interscambi commerciali tra i diversi paesi. Anche l'Organizzazione Mondiale del Commercio auspica un processo in questa direzione.

A livello mondiale, ben 100 paesi sono alle prese con l'implementazione di standard: "Potrà l'informatica uccidere la carta?" pare proprio di sì. Ma anche la qualità dei dati è importante. Quando ad esempio la nave container MSC Napoli si arenò sulle coste dell'Inghilterra nel 2007, venne fuori che i container erano più pesanti di quanto fosse scritto nelle carte.

Clicca sul tasto Play per un'impressione video sul Forum realizzata dalla Schouw Informatisering


Commerciare senza carta
Nei Paesi Bassi, il ministero degli affari economici è già attivo su più fronti. L'Autorità per i beni alimentari e le merci (NVWA) sta lavorando ad un nuovo sistema di import/export senza documenti cartacei, al fine di ridurre il carico amministrativo, rendere più snello il lavoro anche da parte delle istituzioni e ostacolare le frodi; per un paese incentrato sugli scambi commerciali come l'Olanda è dunque di tutta evidenza che la digitalizzazione comporterà vantaggi per tutti gli operatori coinvolti. Così ad esempio, per talune esportazioni come quelle destinate a Stati Uniti e Shanghai già oggi non è più necessaria una certificazione cartacea per molti prodotti.

L'importanza della standardizzazione per il commercio internazionale è stata sottolineata anche da Tom Quets della Capespan. Nell'emisfero meridionale, il processo verso la digitalizzazione e la standardizzazione delle informazioni, per taluni paesi, procede a rilento, ma ad esempio in Sudafrica si sente di meno perché per lungo tempo questo paese ha avuto un ruolo di monopolio nelle esportazioni. Le autorità sudafricane rendono i dati quanto più accessibili possibile, in quanto costituiscono un utile strumento di orientamento per i coltivatori, ad esempio indicando loro dove e in quale anno un dato raccolto è stato effettuato.

Velocizzazione dei processi e sistemi intelligenti
I vantaggi che derivano dall'implementazione e dall'utilizzo dei database sono di natura assai concreta. Edward Heijnen ne ha dato un esempio illustrando la pratica dello Speed Docking, una gara tra piattaforme distributive all'ingrosso e al dettaglio finalizzata a ridurre i tempi di ciclo delle consegne in entrata.

Mediante l'analisi dei dati, centri logistici e rivenditori possono collaborare in modo più efficiente. Se per esempio i dati mostrano che un camion, il quale avrebbe dovuto arrivare per tempo secondo le carte, deve invece attendere che il carico sia prelevato, da queste informazioni si potranno comprendere le cause del ritardo e operare delle correzioni. E' sulla base di queste ottimizzazioni che si basa la competizione di Speed Docking in diversi paesi europei.

Da parte sua, Jens Kugl della catena tedesca Metro ha posto in luce come il consumatore stesso oggi richieda maggiori informazioni e che quelle riguardanti la filiera possono essere organizzate in vari modi: Metro utilizza un sistema bel quale ogni anello della catena di fornitura immette informazioni in un unico database e dove il consumatore può accedere attraverso un QR-code.


Un momento dell'intervento di Jens Kugl, in rappresentanza del retailer tedesco Metro.

Iniziative come Foodloop (una app con la quale i supermercati possono vendere a sconto i prodotti più vicini al loro termine di scadenza) e Lovemysalad.com intendono invece utilizzare i nuovi media al fine di ridurre gli sprechi alimentari e stimolare i consumi di verdure. Ma il futuro starà anche nei sistemi intelligenti, come illustrato da Nicole Koenderick dell'Università di Wageningen: sulla base delle preferenze del consumatore e nell'ottica di risparmiare tempo e lavoro, potranno essere realizzati perfino frigoriferi intelligenti in grado di ordinare gli alimenti da acquistare e saremo sempre più immersi in un ambiente fatto di dispositivi intercomunicanti in grado di prendere decisioni autonomamente.

Qual è la forza di un tweet?
Degno di menzione è anche il progetto condotto da Sandjai Bhulai dell'Università di Amsterdam VU. Un sistema di intelligenza artificiale si inserisce nel flusso di messaggi su Twitter, estrapolandone i temi ricorrenti attraverso parole chiave e combinazioni di termini: in questo modo si possono individuare gli argomenti più frequentemente discussi sul canale social.

Questa metodologia di analisi è stata utilizzata ad esempio per valutare la campagna promozionale Big Bang Broccoli (vedi anche precedente articolo).


Un momento dell'intervento di Sandjai Bhulai.

"Ad un certo punto abbiamo registrato un picco di tweet con argomento il cavolfiore e ci siamo domandati quale fosse la causa - ha spiegato Bhulai - trovandola, grazie al nostro software di analisi e di 'social listening', in un precedente tweet proveniente proprio dal sito Big Bang Broccoli che menzionava una situazione particolarmente difficile sul mercato dei cavolfiori. Un successivo tweet, sempre dallo stesso sito, ma due settimane dopo, relativo ad una nuova abbondante fornitura di cavolfiori, ha innescato invece una tendenza in calo nella discussione sociale su questo argomento".

Scopri di più nell'album fotografico sul Forum.

Insomma il 1st EU Fresh Forum ha consentito ai partecipanti di cogliere le nuove frontiere del commercio ortofrutticolo e comprenderne le più avanzate tendenze in atto: la competizione si gioca oggi ad un livello inimmaginabile rispetto al passato, favorita dalle più recenti acquisizioni tecnologiche. Rimanere al passo è fondamentale per non trovarsi del tutto tagliati fuori dai flussi commerciali che contano, ora e in futuro.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto