Israele: coltivare utilizzando acqua salmastra

L'AgroCenter, situato nel deserto del Negev in Israele, ha condotto delle ricerche per scoprire quali colture e varietà possono andare bene per coltivare nel deserto usando acqua salmastra. L'obiettivo è quello di condividere le scoperte con gli agricoltori.


Il centro di ricerca sta sperimentando diversi metodi di innesto

Michal Amichai, direttrice della Divisione Verdure e Aromi dell'AgroCenter, ci ha accompagnato in visita al centro, iniziando dal pomodoro ciliegino. "Quando abbiamo iniziato lo scopo era trovare quale prodotto andasse bene per la nostra zona. Riusciamo a coltivare i cetrioli ovunque in Israele, quindi volevamo trovare qualcosa da coltivare per cui potessimo essere i migliori. Ora ci concentriamo sui pomodori ciliegini: il 75% delle esportazioni proviene da questa area".


Michal Amichai, direttrice della Divisione Verdure e Aromi dell'AgroCenter

Ma non sono solo i pomodori a essere testati: ci sono anche peperoncini, melanzane, zucchine ed erbe aromatiche fresche. "Ciò che facciamo qui è trovare quali sono le varietà che crescono meglio in zona. Le aziende sementiere israeliane sviluppano in continuazione nuove varietà, e noi le controlliamo e facciamo sapere ai produttori quali sono le più forti e migliori come resa", ha proseguito Michal.


Ulivi in mezzo al deserto

Ci sono anche dei test per coltivare olive, melograni e mandorle utilizzando acqua salmastra. "Questi test durano molto più a lungo di quelli sulle verdure, per le quali ci vogliono due anni: per gli alberi ce ne vogliono più di venti. Troveremo un modo per irrigare gli ulivi solo con acqua salmastra".

Per la coltivazione delle verdure, l'acqua salmastra deve essere miscelata con l'acqua dolce proveniente dal centro di desalinizzazione di Ashkelon. "Questa non contiene sostanze nutritive o minerali, mentre quella salmastra è ricca di minerali ma contiene anche dieci volte più sale della normale acqua da bere. Noi misceliamo le due per trovare la soluzione migliore per le piante. Ovviamente più acqua salmastra vuol dire una produzione più economica", ha spiegato Michal.


Ogni produttore di pomodori del deserto del Negev utilizza questo sistema per miscelare acqua salmastra e desalinizzata

Per miscelarle, l'AgroCenter ha sviluppato un computer speciale per regolare il livello di conduttività elettrica. "L'acqua in questa zona non è stabile, ma deve esserlo per poterla utilizzare per l'irrigazione. Con il nostro sistema il produttore più regolare la salinità al livello migliore per le proprie coltivazioni".



Oltre agli esperimenti con l'acqua, il centro di ricerca sta studiando anche come controllare il clima per creare le migliori condizioni per la coltivazione. "Il problema nella nostra zona è che gli inverni sono molto freddi, ma con radiazioni molto forti. Stiamo pertanto lavorando su uno speciale sistema di controllo climatico: in inverno, durante il giorno, si chiudono le pareti di plastica per far scaldare la serra, in modo che le temperature più alte possano compensare quelle più basse della notte. Speriamo che ciò possa influenzare positivamente la produttività", ha spiegato Michal.



"Qui al centro siamo sempre al lavoro su diverse cose, poiché il mondo è in continuo cambiamento e noi vogliamo offrire ai produttori della zona le migliori possibilità per le loro colture", ha concluso Michal.
 
Per maggiori informazioni: www.moprn.org

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto