Il bio sfida i venti di crisi: consumi su del 7,5% nei primi 10 mesi dell'anno

Procede a ritmo sostenuto la crescita dei consumi di prodotti alimentari biologici in Italia. Le ultime rilevazioni Ismea Gfk-Eurisko indicano un incremento in valore degli acquisti di cibi bio confezionati del 7,5% nei primi 10 mesi del 2013, dato che si pone in netta controtendenza rispetto all'andamento del settore food nel suo complesso.

La dinamica dell'anno in corso è dipesa in modo particolare dagli aumenti a due cifre fatti registrare dai biscotti, dolciumi e snack bio (+28% in valore) e dalle uova (+17%). Più contenuti i segni più nei reparti dell'ortofrutta fresca e trasformata, della pasta, riso e sostituti del pane (+9% per entrambi), dei lattiero caseari (+4%) e della carne fresca e trasformata (+5%).

Ad oggi il mercato degli alimenti biologici in Italia vale circa 3 miliardi di euro e si conferma il quarto in Europa e il sesto nel Mondo, con un incremento della spesa domestica di circa il 30% dall'inizio del decennio. Si tratta, come sottolinea l'Ismea, di un mercato molto polarizzato: le prime quattro categorie di prodotti (ortofrutta, lattiero-caseari, uova, pasta, riso e sostituti del pane) concentrano oltre il 70% della spesa delle famiglie - percentuale che arriva all'80% se si considera anche il reparto della prima colazione e snack.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto