Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Cile: le piantagioni di frutta fresca pesantemente danneggiate dalle gelate primaverili

Durante la settimana del 16 settembre 2013 si sono registrati diversi giorni di forti gelate nelle aree di produzione della frutta nel Nord e nel centro del Cile, precisamente dalla III alla VII regione, con un picco di gelo il 17 settembre, quando nella regione metropolitana (RM) e nella VI regione i termometri hanno raggiunto temperature tra -4 per -5°C per 5 ore. Questa è stata la peggiore ondata di gelo mai registrata dal 1929.

Secondo le prime informazioni fornite dal ministero cileno dell'agricoltura, le regioni più colpite sono state quella metropolitana e la VI. I frutti più colpiti sono stati i kiwi con una perdita stimata del 60%, le mandorle con il 50% di perdita e a seguire ciliegie, pesche, nettarine e susine con una perdita del 40%. (Per la situazione delle ciliegie, leggi qui).

In alcune zone sono stati segnalati danni ai mirtilli che raggiungono l'80%; gravemente colpite anche le uve, sia da vino che da tavola. Anche le noci sono state molto danneggiate, almeno in alcune aree delle zone di produzione.

Il locale ministero dell'agricoltura ha riferito che l'impatto sulla produzione di frutta porterà a un calo delle esportazioni per la stagione 2013/14 stimabile in 411 milioni di dollari, pari a una mancata esportazione di circa 62 milioni di casse, ossia il 22% del totale esportato nel 2012.

Nella regione III, altra grande produttrice di uve da tavola, il 16 settembre si è registrato una pesante gelata: l'uva Flame è la varietà che si segnala come la più danneggiata, insieme ad alcuni campi coltivati a Thompson senza semi. Per il mirtillo, le regioni più colpite sono state la IV e la VI, dove le perdite potrebbero raggiungere anche il 40%.

Alla conferenza della Federazione dei Produttori di Frutta Fresca (FEDEFRUTA), i funzionari hanno dichiarato che per molte varietà di frutta è ancora difficile stimare le perdite poiché sono state colpite a diversi stadi di fioritura.

FEDEFRUTA ha aggiunto che la perdita che colpisce il settore della frutta fresca avrà un impatto anche nell'occupazione, dal momento che per la primavera e l'estate i produttori avranno bisogno di meno forza lavoro rispetto al solito. Di conseguenza stimano che la perdita totale per l'economia del settore potrebbe raggiungere anche i 820 milioni di dollari.

Traduzione FreshPlaza Italia. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto