Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

"Analisi non "distruttive" e terreni dimostrativi per la Fondazione di Sondrio"

Mele: nuove promettenti varieta' sui campi sperimentali della Fojanini

Ricerca varietale e analisi "innovative" dei frutti: si muove su due fronti la strategia della Fondazione Fojanini di Sondrio, che ha come obiettivi la realizzazione di attività destinate alla valorizzazione, al potenziamento della ricerca scientifica e all'assistenza tecnica in agricoltura.

La Fondazione è protagonista di un progetto coordinato dall’Università di Bologna, destinato a proseguire per un paio d’anni, che prevede l’utilizzo di strumenti di ultima generazione per valutare le mele: DA-Meter, lettore ottico portatile che fornisce l’indice di maturazione senza distruggere il frutto, e Pinprenelle, che consente un’analisi automatizzata di qualità, durezza, zuccheri, acidità, peso di ogni singola pomacea.

I due DA-Meter di cui dispone la Fojanini analizzano la clorofilla del frutto e consentono di costruire le curve di maturazione per capire quando la mela è pronta (vedi notizia su FreshPlaza del 16/03/2012) mentre con Pimprenelle le pomacee vengono aperte per rilevare tutta una serie di informazioni.

"Finora le analisi - spiega Luca Folini (foto a destra), tecnico responsabile del settore frutticoltura alla Fojanini - hanno riguardato circa 6.000 mele ma, prima della fine delle raccolte, arriveremo a 7-8.000 unità."

Le tecnologie vengono utilizzate per analizzare le numerose varietà promettenti che sono sotto stretta osservazione sui campi della Fondazione: "Abbiamo circa 170 diverse varietà in collezione e circa un centinaio di queste vengono seguite direttamente, con particolare attenzione, raccogliendo dati sia con metodo tradizionale sia con i DA-Meter", spiega Folini. "Cerchiamo di mettere in cascina quanti più dati è possibile e di confrontarli tra loro con l’obiettivo di sostituire in via definitiva, il prima possibile, il metodo distruttivo con quello non distruttivo."

Una ricerca che punta a migliorare la qualità, la resistenza e la conservabilità del prodotto, garantendone anche la piena sostenibilità.
La Fondazione lombarda, che può disporre di circa 1.500 piante ottenute da incroci, ha recentemente realizzato due campi: uno dimostrativo, avviato nel 2012, e l’altro varietale, a oltre 700 metri di altezza, "inaugurato" nella primavera del 2013, con 600-700 piante complessive.
 
"Sono almeno 4-5 le varietà di grande interesse che potrebbero essere immesse sul mercato nel breve-medio periodo", conclude Folini.

La Fondazione Fojanini sta dando inoltre il proprio apporto nella battaglia contro la morìa del melo (vedi notizia su Freshplaza dell'11/10/2013).

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto