Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La Bulgaria vuole sostenere le produzioni locali nei canali di vendita al dettaglio

La Bulgaria è alla ricerca di opzioni per garantire forniture locali di frutta e verdura fresche ai rivenditori operanti nel paese. A rivelarlo è stato il ministro bulgaro dell'agricoltura, Dimitar Grekov, il quale ha rivelato l'intenzione del governo di sostenere la produzione locale di frutta e verdura. L'ufficio stampa del ministero ha annunciato che un decreto speciale è in fase di preparazione per definire il concetto di frutta e verdura "fresca".

Frutta e ortaggi, secondo la nuova normativa, dovrebbero essere prodotti a non più di 100-150 km di distanza dal punto di vendita. La frutta e la verdura fresche dovrebbero inoltre raggiungere il negozio entro 5-6 ore dalla raccolta.

Hristo Tsvetanov, presidente dell'Associazione bulgara dei produttori agricoli, ha definito la proposta come l'ultima idea bizzarra e ha sottolineato che dopo il mese di ottobre non ci sono quantità commercializzabili di frutta e verdura fresche prodotte localmente. Allo stesso tempo, ha sottolineato che per incrementare la produzione locale sono necessari sussidi e la riduzione degli oneri amministrativi.

Secondo quanto riportato dal ministero dell'agricoltura, i bulgari potranno scegliere tra tre tipologie di ortofrutta: biologica, fresca e tradizionale.

Il ministero segnala che norme analoghe sono in vigore in Francia e ribadisce che l'approvvigionamento locale di ortofrutta da parte dei rivenditori permette di far fronte ai bassi prezzi di acquisto.

Fonte: www.novinite.com

Traduzione FreshPlaza Italia. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto