Visita allo stabilimento dell'azienda bio Milana Giovanni a Ispica (RG)

A fine maggio 2011, FreshPlaza si e' recata in Sicilia, in visita presso l'azienda agricola biologica Milana Giovanni, con sede a Ispica, in provincia di Ragusa. L'azienda festeggia i suoi 20 anni di storia, tutti all'insegna della produzione bio. Lo stabilimento e' stato completato nel 2000 e si estende su una superficie di 4.300 metri quadrati coperti, di cui 4.000 destinati al magazzino e 300 agli uffici amministrativi.
A fine maggio 2011, FreshPlaza si e' recata in Sicilia, in visita presso l'azienda agricola biologica Milana Giovanni, con sede a Ispica, in provincia di Ragusa. L'azienda festeggia i suoi 20 anni di storia, tutti all'insegna della produzione bio. Lo stabilimento e' stato completato nel 2000 e si estende su una superficie di 4.300 metri quadrati coperti, di cui 4.000 destinati al magazzino e 300 agli uffici amministrativi.
Presso lo stabilimento siamo stati accolti dalla famiglia Milana e dai suoi piu' stretti collaboratori. Da sinistra a destra: i coniugi Giovanni e Concetta Milana, il figlio Salvatore (con in braccio il figlioletto), la figlia Daniela e la collaboratrice Rossana.
Presso lo stabilimento siamo stati accolti dalla famiglia Milana e dai suoi piu' stretti collaboratori. Da sinistra a destra: i coniugi Giovanni e Concetta Milana, il figlio Salvatore (con in braccio il figlioletto), la figlia Daniela e la collaboratrice Rossana.
L'impresa Milana dispone di oltre 350 ettari di superficie tra pieno campo e ambiente protetto, di cui ben 250 interamente dedicati all’ortofrutta.
L'impresa Milana dispone di oltre 350 ettari di superficie tra pieno campo e ambiente protetto, di cui ben 250 interamente dedicati all’ortofrutta.
Serra di pomodoro ciliegino bio. Questo prodotto, insieme a melanzane, meloni retati, peperoni, pomodori a grappolo e insalatari, viene coltivato solo dietro specifico contratto di fornitura.
Serra di pomodoro ciliegino bio. Questo prodotto, insieme a melanzane, meloni retati, peperoni, pomodori a grappolo e insalatari, viene coltivato solo dietro specifico contratto di fornitura.
L'impollinazione delle piante viene effettuata mediante l'impiego di bombi.
L'impollinazione delle piante viene effettuata mediante l'impiego di bombi.
Serra di zucchino. L'azienda Milana produce 50 tonnellate di zucchine biologiche a settimana.
Serra di zucchino. L'azienda Milana produce 50 tonnellate di zucchine biologiche a settimana.
La produzione di punta dell'azienda e' la carota novella da agricoltura biologica, per un volume settimanale di 120 tonnellate. Si noti, nella foto, la presenza di erbe spontanee tra i filari di carote, a testimonianza del fatto che l'azienda non utilizza erbicidi durante il ciclo di coltivazione.
La produzione di punta dell'azienda e' la carota novella da agricoltura biologica, per un volume settimanale di 120 tonnellate. Si noti, nella foto, la presenza di erbe spontanee tra i filari di carote, a testimonianza del fatto che l'azienda non utilizza erbicidi durante il ciclo di coltivazione.
Alla coltivazione di carota novella vengono destinati 100 ettari a rotazione, con l'accortezza di alternare alla carota colture diverse, capaci di favorire il ripristino della naturale fertilita' dei suoli. La carota e' infatti, come la patata, una coltivazione che tende a sfruttare molto gli elementi nutritivi presenti nel suolo.
Alla coltivazione di carota novella vengono destinati 100 ettari a rotazione, con l'accortezza di alternare alla carota colture diverse, capaci di favorire il ripristino della naturale fertilita' dei suoli. La carota e' infatti, come la patata, una coltivazione che tende a sfruttare molto gli elementi nutritivi presenti nel suolo.
La carota novella biologica, trapiantata in momenti scaglionati dell'anno, e' disponibile in tutti i mesi, tranne che ad agosto, settembre e ottobre. L'azienda Milana e' dunque in grado di fornire al mercato prodotto novello fresco e biologico anche fino ai primi di luglio. All'epoca del fondatore dell'impresa Salvatore Milana (padre dell'attuale titolare Giovanni), invece, la stagione della carota novella di Ispica era assai breve (intorno a 40 giorni).
La carota novella biologica, trapiantata in momenti scaglionati dell'anno, e' disponibile in tutti i mesi, tranne che ad agosto, settembre e ottobre. L'azienda Milana e' dunque in grado di fornire al mercato prodotto novello fresco e biologico anche fino ai primi di luglio. All'epoca del fondatore dell'impresa Salvatore Milana (padre dell'attuale titolare Giovanni), invece, la stagione della carota novella di Ispica era assai breve (intorno a 40 giorni).
Quando non piove, le operazioni di raccolta in campo si avvalgono di mezzi meccanici. Altrimenti bisogna procedere manualmente.
Quando non piove, le operazioni di raccolta in campo si avvalgono di mezzi meccanici. Altrimenti bisogna procedere manualmente.
Le prime raccolte dell'anno sono quelle di novembre. Il grosso della produzione di carote novelle biologiche e' destinato alla grande distribuzione estera, che rappresenta il 95% del mercato di vendita dell'azienda Milana.
Le prime raccolte dell'anno sono quelle di novembre. Il grosso della produzione di carote novelle biologiche e' destinato alla grande distribuzione estera, che rappresenta il 95% del mercato di vendita dell'azienda Milana.
Le carote vengono estratte dal terreno e riversate in cassoni.
Le carote vengono estratte dal terreno e riversate in cassoni.
Dettaglio del cassone in via di riempimento.
Dettaglio del cassone in via di riempimento.
Pare che storicamente la prima macchina per la raccolta delle carote sia stata di ideazione danese e che successivamente il comprensorio siciliano di Ispica ne abbia realizzato una propria versione.
Pare che storicamente la prima macchina per la raccolta delle carote sia stata di ideazione danese e che successivamente il comprensorio siciliano di Ispica ne abbia realizzato una propria versione.
Oggi la carota novella di Ispica, benche' protetta da marchio IGP (Indicazione Geografica Protetta) spunti prezzi non esaltanti. In passato, invece, essa costituiva una vera e propria miniera d'oro per il comprensorio di Ispica. Si pensi che esisteva addirittura un binario ferroviario privato che collegava le imprese di produzione direttamente alla rete ferroviaria nazionale, da cui il prodotto veniva smistato in tutta Europa!
Oggi la carota novella di Ispica, benche' protetta da marchio IGP (Indicazione Geografica Protetta) spunti prezzi non esaltanti. In passato, invece, essa costituiva una vera e propria miniera d'oro per il comprensorio di Ispica. Si pensi che esisteva addirittura un binario ferroviario privato che collegava le imprese di produzione direttamente alla rete ferroviaria nazionale, da cui il prodotto veniva smistato in tutta Europa!
Fase di estrazione delle piantine di carota dal terreno.
Fase di estrazione delle piantine di carota dal terreno.
Dettaglio della fase di estrazione delle piantine di carota dal terreno.
Dettaglio della fase di estrazione delle piantine di carota dal terreno.
Cassone pronto per la consegna allo stabilimento di lavaggio e confezionamento.
Cassone pronto per la consegna allo stabilimento di lavaggio e confezionamento.
Versione piu' moderna del macchinario per la raccolta.
Versione piu' moderna del macchinario per la raccolta.
I fratelli Salvatore e Daniela Milana, insieme al padre e attuale titolare dell'azienda di famiglia, Giovanni.
I fratelli Salvatore e Daniela Milana, insieme al padre e attuale titolare dell'azienda di famiglia, Giovanni.
Cassoni di carote presso lo stabilimento di Milana.
Cassoni di carote presso lo stabilimento di Milana.
Operazioni di scarico.
Operazioni di scarico.
Un addetto rimuove la copertura di foglie che protegge le carote dall'insolazione diretta durante il trasporto verso il magazzino.
Un addetto rimuove la copertura di foglie che protegge le carote dall'insolazione diretta durante il trasporto verso il magazzino.
Fase di rovesciamento del prodotto nella linea di lavaggio e rimozione delle foglie.
Fase di rovesciamento del prodotto nella linea di lavaggio e rimozione delle foglie.
Dal primo rullo alla lavatrice.
Dal primo rullo alla lavatrice.
Potenti getti d'acqua rimuovono ogni residuo di terra dalle radici.
Potenti getti d'acqua rimuovono ogni residuo di terra dalle radici.
Defogliato e lavato, il prodotto viene convogliato verso un nastro trasportatore.
Defogliato e lavato, il prodotto viene convogliato verso un nastro trasportatore.
Dettaglio delle carote lavate.
Dettaglio delle carote lavate.
Nastro trasportatore che conduce il prodotto lavato dalla zona esterna a quella interna dello stabilimento di lavorazione.
Nastro trasportatore che conduce il prodotto lavato dalla zona esterna a quella interna dello stabilimento di lavorazione.
Ingresso del prodotto nello stabilimento.
Ingresso del prodotto nello stabilimento.
In questa e nelle foto seguenti, primo banco di selezione manuale del prodotto.
In questa e nelle foto seguenti, primo banco di selezione manuale del prodotto.
Diversamente da altre aziende specializzate in carote, agricola Milana non fornisce il prodotto in jumbo bag, ma solo in confezioni (buste, cestini e simili), a marchio proprio o dei clienti. La filosofia sottostante e' infatti quella di distinguere e valorizzare il prodotto biologico e in particolare la carota novella di Ispica, connotata da un gusto dolce e delicato.
Diversamente da altre aziende specializzate in carote, agricola Milana non fornisce il prodotto in jumbo bag, ma solo in confezioni (buste, cestini e simili), a marchio proprio o dei clienti. La filosofia sottostante e' infatti quella di distinguere e valorizzare il prodotto biologico e in particolare la carota novella di Ispica, connotata da un gusto dolce e delicato.
Mani esperte al lavoro.
Mani esperte al lavoro.
Il banco di prima selezione e' ubicato in posizione sopraelevata rispetto al resto dello stabilimento.
Il banco di prima selezione e' ubicato in posizione sopraelevata rispetto al resto dello stabilimento.
Il prodotto di scarto viene riutilizzato come mangime animale o come materia prima per l'industria del trasformato: ad esempio per la produzione di succo di carota, ma anche quale componente in alcuni cosmetici.
Il prodotto di scarto viene riutilizzato come mangime animale o come materia prima per l'industria del trasformato: ad esempio per la produzione di succo di carota, ma anche quale componente in alcuni cosmetici.
Nello stabilimento sono attive linee di lavorazione dedicata per specifici prodotti: oltre a questa per le carote, ce n'e' una per gli ortaggi e una per patate e agrumi.
Nello stabilimento sono attive linee di lavorazione dedicata per specifici prodotti: oltre a questa per le carote, ce n'e' una per gli ortaggi e una per patate e agrumi.
Una volta completata la selezione manuale, il prodotto cade in una vasca di raffreddamento ad acqua (hydro-cooling), dove permane per circa un'ora, fino a raggiungere una temperatura di 2 gradi.
Una volta completata la selezione manuale, il prodotto cade in una vasca di raffreddamento ad acqua (hydro-cooling), dove permane per circa un'ora, fino a raggiungere una temperatura di 2 gradi.
Dettaglio della vasca di raffreddamento. Il prodotto che ne riemerge non e' lo stesso che vediamo cadere nell'acqua. Prima di tornare in superficie, infatti, le carote vengono trasportate da un nastro a diversi strati, che le mantiene in acqua fredda per circa un'ora. L'abbattimento della temperatura ha il pregio di bloccare la maturazione del prodotto e di allungarne la conservabilita' (anche fino ad un mese di shelf life).
Dettaglio della vasca di raffreddamento. Il prodotto che ne riemerge non e' lo stesso che vediamo cadere nell'acqua. Prima di tornare in superficie, infatti, le carote vengono trasportate da un nastro a diversi strati, che le mantiene in acqua fredda per circa un'ora. L'abbattimento della temperatura ha il pregio di bloccare la maturazione del prodotto e di allungarne la conservabilita' (anche fino ad un mese di shelf life).
Dopo il banco di selezione e la vasca di raffreddamento, le carote vengono trasportate verso una calibratrice a rulli che le smista per diametro. I diametri compresi tra 20 e 40 mm sono quelli commerciali.
Dopo il banco di selezione e la vasca di raffreddamento, le carote vengono trasportate verso una calibratrice a rulli che le smista per diametro. I diametri compresi tra 20 e 40 mm sono quelli commerciali.
Visione d'insieme della linea di selezione e confezionamento delle carote.
Visione d'insieme della linea di selezione e confezionamento delle carote.
Nastri trasportatori smistano il prodotto calibrato alle linee di confezionamento.
Nastri trasportatori smistano il prodotto calibrato alle linee di confezionamento.
Questa linea confeziona il prodotto sfuso in cassette da 12 kg, secondo le richieste del cliente.
Questa linea confeziona il prodotto sfuso in cassette da 12 kg, secondo le richieste del cliente.
Vista dall'alto della linea per le carote in cassetta.
Vista dall'alto della linea per le carote in cassetta.
Il prodotto sfuso viene avvolto in un sacchetto salva-freschezza che ne allunga la conservabilita' a 10 giorni.
Il prodotto sfuso viene avvolto in un sacchetto salva-freschezza che ne allunga la conservabilita' a 10 giorni.
Un'altra parte del prodotto calibrato viene avviata al confezionamento in sacchetti da 1 kg.
Un'altra parte del prodotto calibrato viene avviata al confezionamento in sacchetti da 1 kg.
Il giusto quantitativo di prodotto viene selezionato mediante questa pesatrice multitesta, tarata volutamente per eccesso a 1050 grammi, al fine di garantire alla clientela un peso di almeno 1 kg di carote per singolo sacchetto.
Il giusto quantitativo di prodotto viene selezionato mediante questa pesatrice multitesta, tarata volutamente per eccesso a 1050 grammi, al fine di garantire alla clientela un peso di almeno 1 kg di carote per singolo sacchetto.
Fase dell'imbustamento.
Fase dell'imbustamento.
Confezionamento dei sacchetti in cartoni.
Confezionamento dei sacchetti in cartoni.
Il Sig. Stanislao, dipendente dell'azienda, mentre impila le cassette in un pallet.
Il Sig. Stanislao, dipendente dell'azienda, mentre impila le cassette in un pallet.
Dettaglio della cassetta.
Dettaglio della cassetta.
Dettaglio dell'etichetta.
Dettaglio dell'etichetta.
Qui e nelle foto seguenti, alcune tipologia di pellicola per il confezionamento delle carote in cestini.
Qui e nelle foto seguenti, alcune tipologia di pellicola per il confezionamento delle carote in cestini.
…
…
…
Pallet in formazione.
Pallet in formazione.
Qui e nelle foto seguenti, alcune tipologie di confezionamento a marchio proprio e dei clienti.
Qui e nelle foto seguenti, alcune tipologie di confezionamento a marchio proprio e dei clienti.
…
…
Allestimento della linea per il confezionamento in vaschette.
Allestimento della linea per il confezionamento in vaschette.
Macchina pellicolatrice.
Macchina pellicolatrice.
Controlli sul peso delle vaschette, che devono contenere almeno 1 kg di carote.
Controlli sul peso delle vaschette, che devono contenere almeno 1 kg di carote.
Vaschette in uscita dalla macchina pellicolatrice.
Vaschette in uscita dalla macchina pellicolatrice.
Dettaglio della confezione.
Dettaglio della confezione.
Fase di confezionamento in cartoni.
Fase di confezionamento in cartoni.
Pallet in via di formazione.
Pallet in via di formazione.
Altra tipologia di confezionamento.
Altra tipologia di confezionamento.
Ci spostiamo sulla linea di confezionamento dedicata agli ortaggi.
Ci spostiamo sulla linea di confezionamento dedicata agli ortaggi.
…
…
Linea per il confezionamento in cestini delle zucchine.
Linea per il confezionamento in cestini delle zucchine.
Fase della pellicolatura e dell'imballaggio delle zucchine biologiche in cestini.
Fase della pellicolatura e dell'imballaggio delle zucchine biologiche in cestini.
Il prodotto e' disponibile tutto l'anno, tranne nei mesi di luglio e agosto.
Il prodotto e' disponibile tutto l'anno, tranne nei mesi di luglio e agosto.
…
Lo stabilimento e' dotato di 4 celle per lo stoccaggio provvisorio dei prodotti freschi, in attesa del trasporto via camion verso le relative destinazioni.
Lo stabilimento e' dotato di 4 celle per lo stoccaggio provvisorio dei prodotti freschi, in attesa del trasporto via camion verso le relative destinazioni.
Prodotto parcheggiato in cella frigo.
Prodotto parcheggiato in cella frigo.
Dettaglio di un pallet pronto per il carico.
Dettaglio di un pallet pronto per il carico.
Daniele, Giovanni e Concetta Milana.
Daniele, Giovanni e Concetta Milana.
Una vista d'insieme dello stabilimento.
Una vista d'insieme dello stabilimento.
Un saluto a tutti i lettori di FreshPlaza dallo staff aziendale al gran completo!
Un saluto a tutti i lettori di FreshPlaza dallo staff aziendale al gran completo!

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto