Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto

State utilizzando un software che blocca le nostre pubblicità (cosiddetto adblocker).

Dato che forniamo le notizie gratuitamente, contiamo sui ricavi dei nostri banner. Vi preghiamo quindi di disabilitare il vostro software di disabilitazione dei banner e di ricaricare la pagina per continuare a utilizzare questo sito.
Grazie!

Clicca qui per una guida alla disattivazione del tuo sistema software che blocca le inserzioni pubblicitarie.

Sign up for our daily Newsletter and stay up to date with all the latest news!

Registrazione I am already a subscriber
Belisario A. Chian Vásquez di Agrihusac (Perù):

"Previsti i volumi soliti per le varietà di mandarini tardivi"

Il settore ortofrutticolo peruviano ha una forte vocazione all'esportazione. Per esportare, si affida a produttori, esportatori e centri di confezionamento in grado di garantire un processo costante di calibrazione e confezionamento di frutta e verdura. È il caso della Agrihusac, un'azienda di lavorazione e confezionamento della frutta con sede a Huaral, che da 30 anni fornisce servizi agli esportatori di frutta fresca.

"Si stima che i mandarini rappresentino il 60% dei volumi che trattiamo per stagione, l'avocado il 35% e mango, melograni, mirtilli e pitaya il resto - ha dichiarato Belisario A. Chian Vásquez, direttore generale di Agroindustrias Huaral S.A.C - Lavoriamo la frutta che ci viene consegnata dalle aziende esportatrici. La produzione ha un picco tra luglio e agosto. Attualmente stiamo lavorando mandarini Satsuma e altre varietà precoci, il cui raccolto è diminuito di circa il 40% quest'anno, a causa dei problemi di fioritura e di allegagione causati dalle alte temperature legate al fenomeno El Niño. Tuttavia, avremo i soliti volumi di varietà tardive di mandarini. È la prima volta da decenni che abbiamo una perdita di prodotto così pronunciata e, forse, in futuro dovremo affrontare più spesso questo tipo di ondate di caldo".

"Tuttavia, vale la pena sottolineare che il caldo eccessivo non ha alterato la colorazione né le dimensioni dei mandarini Satsuma. Se è vero che il mandarino Tango sembra diventare sempre più popolare tra i produttori del segmento easy peeler, a fine stagione lavoriamo ancora alcune varietà con semi, come il mandarino Malvasia, che sono generalmente destinate al mercato russo. I mandarini che non soddisfano i requisiti di qualità dei mercati internazionali, circa il 40% della produzione che entra nell'impianto di confezionamento, vengono venduti sul mercato nazionale".

Agrihusac lavora un volume di frutta equivalente a 2.800 container da venti tonnellate. Per mantenere il maggior numero possibile di lavoratori occupati durante tutto l'anno, l'azienda di confezionamento si impegna a diversificare il proprio paniere di prodotti. All'apice del suo carico di lavoro, l'azienda impiega circa 600 persone.

"La sfida più grande, tuttavia, è trovare manodopera sufficiente, perché molte aziende di produzione competono tra loro per assumere lavoratori in alta stagione. Per questo continuiamo a puntare sull'automazione dei processi", ha dichiarato il direttore generale.

Per maggiori informazioni:
Eng. Belisario A. Chian Vásquez (General Manager)
Agrihusac (Agroindustrias Huaral S.A.C.)
Av. Victoria km. 5.0
Ex Hacienda Retes
Huaral - Perù
+511 977 387 137
[email protected]

Data di pubblicazione: