Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto

State utilizzando un software che blocca le nostre pubblicità (cosiddetto adblocker).

Dato che forniamo le notizie gratuitamente, contiamo sui ricavi dei nostri banner. Vi preghiamo quindi di disabilitare il vostro software di disabilitazione dei banner e di ricaricare la pagina per continuare a utilizzare questo sito.
Grazie!

Clicca qui per una guida alla disattivazione del tuo sistema software che blocca le inserzioni pubblicitarie.

Sign up for our daily Newsletter and stay up to date with all the latest news!

Registrazione I am already a subscriber
Geert Baecke, Tino's Fruit:

"Lavorare con gli asparagi è diventato quasi impossibile a causa dell'aumento dei prezzi"

L'inizio della stagione degli asparagi belgi non sta procedendo come molti commercianti speravano. C'è sempre grande attesa per questo prodotto stagionale, ma per ora i prezzi rimangono elevati. "Attualmente stiamo lavorando con quotazioni di acquisto che, semplicemente, non ci consentono di operare su larga scala", spiega Geert Baecke della Tino's Fruit.

"Continuiamo a fornirli ma, invece di 1,5-2 tonnellate al giorno come gli altri anni, ora siamo a 300-400 chilogrammi al giorno", continua l'imprenditore della città fiamminga di Knokke-Heist. "I prezzi di acquisto attuali degli asparagi si aggirano intorno ai 17 euro, quindi pelati li devi vendere a 18 o 19 euro. Nessun ristorante li inserisce nel menù a questi prezzi. In confronto, l'anno scorso era molto più caldo e i prezzi erano intorno ai 10 euro. Questo rendeva tutto molto più interessante".

"Penso che dalla settimana 10 ci sarà una maggiore offerta, anche dai Paesi Bassi, e la fornitura è aumentata anche a Mechelen, in Belgio. Sembra che la situazione stia migliorando e che i prezzi diminuiranno leggermente nel corso delle prossime due settimane, ma poi avremo un nuovo problema. O meglio una combinazione di due fattori - osserva Geert - Da un lato, quest'anno la Pasqua cade molto presto, il 31 marzo. Dall'altro, in quel periodo dovremmo essere passati dagli asparagi di serra a quelli in pieno campo sotto copertura. Tuttavia, a causa delle forti piogge, non è stato possibile andare a posizionare le coperture, o lo si è potuto fare solo in un secondo momento. Di conseguenza mi aspetto un gap di fornitura fra 3 settimane, coincidente proprio con il periodo pre-pasquale, quando la domanda nelle Fiandre normalmente esplode".

Secondo Geert, con l'inizio della stagione degli asparagi, si prevedono settimane altalenanti per i prezzi. "Ora sono molto alti, poi saranno un po' più bassi, e successivamente aumenteranno di nuovo. Dopodiché la pressione si allenterà. I prezzi tradizionalmente rimangono alti fino a Pasqua, ma poi scendono rapidamente. La domanda diminuisce e le quotazioni spesso si dimezzano. Alla fine la stagione andrà bene. Rispetto agli altri anni, per un mese pagheremo di più ma, dopo Pasqua, i prezzi saranno più bassi. Nel complesso, le vendite non hanno subito grandi variazioni. La sfida è che tutto accade proprio nel momento sbagliato".

Margini stretti
Ma, per la Tino's Fruit, le sfide non si limitano solo agli asparagi. Il grossista osserva che al momento tutto è molto costoso. "In realtà dipende tutto dal meteo. L'anno scorso, nello stesso periodo, c'era già una maggiore offerta. Presto, quando il meteo migliorerà, arriveranno tutti i prodotti insieme sul mercato, facendo crollare i prezzi. Per il momento, tuttavia, abbiamo a che fare con quotazioni che sono dal 30 al 40% più alte rispetto all'anno scorso".

E questi prezzi si riflettono soprattutto sui margini di guadagno. Spiega Geert: "Non me la sento di chiedere troppo ai miei clienti. Si prendano ad esempio le fragole: oggi si vendono a 7 euro a cassetta. Se dovessi calcolare tutti i costi, dovrei arrivare a 10 euro a cassetta. Un prezzo improponibile per i miei clienti. Pertanto bisogna lavorare con margini minimi, rendendo quasi impossibile ottenere un adeguato profitto. Se a questo aggiungiamo che i costi del personale in Belgio sono aumentati del 12% nel 2024, resta veramente poco. Sicuramente non guadagneremo il 12% in più, per riuscire a compensare".

"Non fraintendetemi, anch'io non voglio prezzi a 2 euro. Ma tutti devono poter realizzare un profitto. Dopo tutto, questo è l'obiettivo. Speriamo solo che arrivi presto il bel tempo. Solo questo potrebbe cambiare la situazione: l'offerta aumenterebbe e la gente sarebbe più propensa ad acquistare. Staremo a vedere", conclude l'operatore.

Per maggiori informazioni:
Geert Baecke
Tino's Fruit
Sluisstraat 55-57
8300 Knokke-Heist, Belgio
+32(0)50 612201
geert@tinos.be
www.tinos.be

Data di pubblicazione: