Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto

State utilizzando un software che blocca le nostre pubblicità (cosiddetto adblocker).

Dato che forniamo le notizie gratuitamente, contiamo sui ricavi dei nostri banner. Vi preghiamo quindi di disabilitare il vostro software di disabilitazione dei banner e di ricaricare la pagina per continuare a utilizzare questo sito.
Grazie!

Clicca qui per una guida alla disattivazione del tuo sistema software che blocca le inserzioni pubblicitarie.

Sign up for our daily Newsletter and stay up to date with all the latest news!

Registrazione I am already a subscriber
A causa del freddo in arrivo

Fino a metà marzo non ci saranno volumi significativi di asparagi verdi spagnoli

Quest'anno, il clima caldo registrato finora in Andalusia (Spagna) ha consentito di anticipare la raccolta degli asparagi verdi a Granada, di circa un mese rispetto al previsto. Infatti, anche se i volumi sono ancora limitati, la raccolta degli asparagi è già in corso da una settimana. Tuttavia, con la previsione di un calo delle temperature a partire dalla fine di questa settimana, non ci saranno volumi significativi fino a metà marzo.

"Al momento, nella nostra struttura gestiamo 1,5-2 tonnellate di asparagi verdi al giorno", afferma Francisco Delgado, direttore della Los Gallombares. "Per ora c'è abbondanza di piccoli calibri e la qualità non è ottimale. Il previsto calo delle temperature rallenterà la raccolta, quindi probabilmente, fino al 15 marzo circa, non avremo volumi sufficienti per avviare la campagna nazionale degli asparagi nelle principali catene di vendita al dettaglio europee".

Sebbene la superficie coltivata ad asparagi sia diminuita nel 2022 e nel 2023, la tendenza attualmente sta cambiando. "Visti i buoni risultati commerciali delle ultime due campagne, con prezzi vantaggiosi per il produttore, è aumentato l'interesse per il reimpianto degli asparagi. Quest'anno c'è stata una carenza di sementi, ma entro il 2025 si prevede una forte crescita della superficie dedicata agli asparagi verdi a Granada", afferma il direttore della Los Gallombares, che possiede circa 2.500 ettari a Granada e alcune coltivazioni anche a Málaga, Jaén, Huelva e Cordova.

In questo momento, e finché non potrà contare sulla produzione nazionale, la cooperativa sta importando asparagi dal Messico. "Non importiamo grandi quantità, perché la domanda non è elevata. Le catene di vendita al dettaglio europee stanno aspettando gli asparagi spagnoli, che sono più convenienti di quelli messicani importati per via aerea", conclude Francisco Delgado.

Per maggiori informazioni:
Francisco Delgado
Los Gallombares S.C.A
Ctra. de Priego, s/n
Ventorros de San José Loja. Granada, Spagna
+34 958315195
esp@losgallombares.es
www.losgallombares.es

Data di pubblicazione: