Il Servizio di ispezione generale delle patate da semina e delle sementi olandese (NAK) ha recentemente annunciato che nel 2023 sono stati registrati per l'ispezione 38.776 ettari di superficie coltivata a patate da semina. Si tratta del 6% in meno rispetto all'anno precedente. Anche in Germania e in Francia le superfici si stanno riducendo. "Questo comporta uno sbilanciamento che si traduce in prezzi più alti", afferma Hans Geling, direttore del settore patate da mensa e da semina di Schaap Holland.

Il team di Schaap Holland

I coltivatori hanno a disposizione meno materiale di base. Per Schaap Holland questo significa, tra l'altro, una maggiore attenzione alla produzione di patate da semina all'estero. "Purtroppo non usiamo tuberi da semina olandesi al 100%; più della metà della nostra superficie è sotto contratto con coltivatori francesi. L'industria delle patatine fritte ha una grande richiesta. Posso immaginare che se, come ora, il raccolto di patate da semina ha un anno deludente per siccità e malattie, molti prenderanno in considerazione altre aree", esordisce Hans.

Il calo delle superfici non è l'unico responsabile dell'attuale squilibrio del mercato. La scorsa stagione è stata caratterizzata dalla siccità, che ha provocato una scarsa maturazione dei tuberi nelle aree di coltivazione delle patate da semina e tuberi generalmente più grossi, con conseguenti perdite più elevate. Hans riconosce che questi fattori hanno causato notevoli perturbazioni nel mercato dei tuberi da semina, da cui deriva l'aumento dei prezzi. "I prezzi delle patate da semina si sono notevolmente corretti quest'anno e i pagamenti in pool saranno molto più alti rispetto agli anni precedenti".

Ciò è assolutamente necessario per valutare i rischi della coltivazione delle patate da semina, che devono essere esenti da virus e malattie. E per realizzare una differenza sufficiente tra le rese fiscali per ettaro delle patate da mensa e quelle da semina", spiega Hans. I prezzi più bassi delle patate da semina hanno spinto molti coltivatori a passare a quelle da mensa, meglio pagate e meno rischiose.

Diminuzione della superficie coltivata
Geling, tuttavia, non si aspetta che i prezzi più alti portino immediatamente a una maggiore superficie coltivata a patate da semina nella prossima stagione. "Anche se non è ancora dato saperlo, contiamo che la superficie coltivata olandese diminuisca un po' invece che aumentare. Probabilmente i coltivatori non cambieranno i loro piani di coltivazione tra patate da semina e da mensa da un anno all'altro".

Hans aggiunge che non tutte le regioni dei Paesi Bassi sono adatte alla coltivazione di patate da semina, e che anche fattori come la diminuzione dell'approvazione delle sostanze fitosanitarie giocano un ruolo importante. "Questo vale, ad esempio, per gli agenti necessari a tenere sotto controllo afidi e nematodi (M. Chitwood), entrambi i quali trasmettono virus. Questo scoraggia i coltivatori di patate da semina a dare il massimo".

Per maggiori informazioni:
Hans Geling
Schaap Holland

+31 6 51585282
h.geling@schaapholland.com
www.schaapholland.com