Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Natalino Gallo (Op Agricor): "Ottimi sia in termini di calibro e colore sia in gusto"

Al via la campagna del mandarino Tang Gold

"Stiamo completando la stagione del clementine Hernandina. Per la fine dell'attuale settimana (la quarta del 2023, ndr), dovremmo terminare le attività con questo prodotto. Finora, rispetto allo scorso anno, abbiamo registrato un leggero incremento delle esportazioni. Inoltre, per alcuni dei nostri clienti siamo nella fase iniziale della stagione del mandarino Tang Gold". A dichiararlo è Natalino Gallo, presidente dell'Organizzazione di produttori Agricor di Corigliano-Rossano (CS), proprietaria del marchio commerciale Gallo.

Gli oltre 70 ettari della Op Agricor coltivati a Tang Gold sono ripartiti in tre tipi di impianti, corrispondenti a sistemi produttivi diversi: biologico, a residuo zero e a filiera controllata.


Confezionamento di Tang Gold a marchio Gallo in cestini da 1 kg

"Gli impianti di Tang Gold stanno entrando in piena produzione. Siamo stati pionieri nel residuo zero e, per quest'anno, tali impianti sono stati incrementati. Anche tutti quelli in biologico stanno entrando in produzione e sono in incremento. Il resto è a filiera controllata. Ormai non offriamo più prodotto convenzionale", sottolinea Gallo. "In tutti e tre i casi, otteniamo un prodotto di grande qualità e assolutamente genuino, tanto che la buccia è 100% edibile". 

Secondo il presidente della Op, i mandarini Tang Gold sono ottimi sia in termini di calibro e colore sia in gusto. "Ogni cassetta di prodotto ha una garanzia di autenticità certificata, mediante uno speciale bollino univoco". 

Clementine: necessaria una riconversione varietale e strutturale
Parlando della commercializzazione delle clementine, specie nel periodo natalizio, Gallo dichiara: "I problemi sono due. Il primo riguarda la presenza di volumi abbondanti in un periodo di tempo troppo breve, nonostante la resa inferiore nell'attuale campagna. Il secondo è legato alla presenza di numerosi operatori non organizzati sul mercato: ciò ha fatto sì che non si sia riusciti a gestire bene il prodotto che, di conseguenza, è stato deprezzato, addirittura al di sotto dei livelli della campagna precedente".


Clementine a marchio Gallo prodotte dalla Op Agricor nella Piana di Sibari

E' necessaria quindi, secondo Gallo, una riconversione varietale e strutturale. "Non è una questione solo di varietà da rivedere, bensì di organizzazione. Attualmente, così come è, il sistema non va bene: tutti offrono, ma a che prezzo? A rimetterci sono le strutture organizzate, certificate, che rispettano le regole e i regolamenti su ambiente e lavoratori, e che si presentano sul mercato con volumi e qualità adeguati. Il rischio è quello di non produrre più e di non avere quindi a disposizione clementine nazionali, proprio come sta accadendo per le arance Moro".

Per maggiori informazioni:
Op Agricor
Corigliano-Rossano (CS)
+39 0983 886001
Facebook: gallofrutta


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto