Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

L'operatore ucraino Oleksandr Pukshyn di Blue Berry:

"A causa della guerra, siamo ricorsi all'import di verdure per sfamare la nostra gente"

L'invasione russa sta avendo un pesante impatto sui commercianti di mirtilli dell'Ucraina. La guerra va avanti ormai da circa nove mesi. All'ultimo Global Berry Congress di Rotterdam, Oleksandr Pukshyn della Blue Berry, un'azienda ucraina, ha parlato delle conseguenze sul settore dei piccoli frutti. "È fondamentale continuare a essere rappresentati, in modo che le persone non si disinteressino a ciò che sta accadendo in Ucraina e che ha un impatto enorme", dice Oleksandr.

La Blue Berry coltiva i suoi piccoli frutti su circa 200 ettari, sotto il sole dei Carpazi. "Abbiamo iniziato nel 2013, in una parte del mondo con clima e terreno ideali per la coltivazione dei mirtilli. Naturalmente, abbiamo anche avuto alcuni problemi durante la pandemia, ma siamo riusciti a sopravvivere. Ma la guerra è una storia diversa".


Chris White e Oleksandr Pukshyn

"Mi ricordo bene quando si cominciava a sentir parlare di una possibile invasione russa. Pensai che, nella nostra moderna società, è impossibile che scoppi una guerra del genere. All'inizio non eravamo troppo preoccupati. Finché non si è scoperto essere qualcosa di estremamente grave, con tutte le sue strazianti conseguenze. Poi le cose sono diventate sempre più difficili", ricorda Oleksandr.

"Se i soldati stanno dando il massimo, possiamo farlo anche noi"
La Blue Berry raccoglie i suoi piccoli frutti da metà giugno a fine settembre. "Nei primi mesi, la logistica è stata l'ostacolo principale. Era estremamente difficile ottenere benzina e fertilizzanti. Questo ci ha impedito di svolgere correttamente il nostro lavoro. Ovviamente, molte persone hanno deciso di fuggire dalla guerra. Avevamo una grande squadra di circa 500 lavoratori stagionali. Ma, quando è iniziata la raccolta, abbiamo avuto una grave carenza di personale".

L’azienda ucraina non se la cavava meglio neanche dal punto di vista delle vendite. "L’evacuazione di persone ha portato a un mercato di vendita unico. Alcuni luoghi sono diventati frenetici, mentre in altri non c'era nessuno. O almeno nessuno poteva recarsi al negozio", spiega Oleksandr.

In questi tempi estremamente difficili, sono stati i soldati a ispirare questi commercianti. "Siamo un popolo orgoglioso, e se i nostri soldati possono dare il massimo per il nostro Paese, possiamo farlo anche noi".

L'azienda è ricorsa quindi all'importazione di verdure da nazioni come Paesi Bassi e Polonia. "Lo facciamo in collaborazione con diversi retailer. Oltre alla nostra stessa sopravvivenza come azienda, sentiamo la responsabilità di sfamare la nostra gente. Siamo costretti a concentrarci su questo, mettendo per un po' da parte i mirtilli", continua Pukshyn.

Blueberry 52
"Ma alla fine rimaniamo coltivatori di mirtilli, e prima o poi torneremo a occuparcene". L'azienda è piuttosto ottimista riguardo al futuro, nonostante le incertezze su quanto durerà la guerra. "Poco prima che iniziasse, avevamo avviato il programma Blueberry 52. In collaborazione con l'azienda olandese ADD Growers, volevamo fornire mirtilli per tutto l’anno. È qualcosa che vorremmo riprendere".

"I consumatori ucraini devono poter gustare i nostri mirtilli tutto l'anno. Inoltre, continueremo a cercare di attirare l’interesse dei mercati esteri. Ma le persone non devono acquistare i nostri frutti solo perché provengono dall'Ucraina. Vogliamo che il nostro sapore e la nostra qualità rimangano inalterati. Siamo in un periodo difficile perché partiamo dopo Serbia e Spagna, ma siamo sicuri di meritare il nostro posto sul mercato. Non perché veniamo da un Paese in guerra, ma per la nostra frutta", conclude Oleksandr.

Per maggiori informazioni:
Blue Berry
Tel +38 (0) 4420 71 244 
Email: info@blueberry.ua 
Web: www.blueberry.ua


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto