Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Nathalie Gaillard, CING:

"Il raccolto di quest'anno delle noci di Grenoble sarà molto abbondante"

Sebbene sia difficile prevedere con precisione i volumi delle noci di Grenoble che verranno raccolti quest'anno, i primi feedback dei produttori indicano che la resa sarà piuttosto eccezionale.

"Ci aspettiamo un raccolto molto abbondante, con volumi dal 30 al 40% in più rispetto a un’annata normale. Inoltre, la qualità delle noci è eccezionale, grazie alla siccità che ha limitato la pressione di parassiti e malattie, e ridotto la quantità di scarti durante la selezione", spiega Nathalie Gaillard, coordinatrice del Comitato interprofessionale delle noci di Grenoble (CING).

©️ginette

©️ginette

Una DOP al servizio di una competenza tradizionale
La DOP, già DOC, è stata creata nel 1938 per difendere questa grande qualità. La Noce di Grenoble è stata la prima DOC di frutta creata in Francia. "Da allora, le specifiche tecniche non sono molto cambiate, il che dimostra la volontà di preservare un know-how tradizionale. Certo, la meccanizzazione degli anni '80 e il progresso tecnico hanno alleggerito il lavoro dei produttori e migliorato le tecniche di essiccazione. Ma, contrariamente ad altre colture, la produzione di noci in Francia rimane un’attività di famiglia abbastanza tradizionale. La maggior parte delle aziende agricole sono piccole e non superano una superficie di 5-10 ettari".

©️ginette

Una coltura estensiva che predilige una gestione rispettosa dell'ambiente
Pur essendo una piccola produzione su scala mondiale, la noce francese si distingue dalle concorrenti grazie a una qualità unica che è stata anteposta alla produttività. La produzione francese delle noci rappresenta un volume di 40.000 tonnellate. Una piccola quantità rispetto alle 700mila tonnellate l'anno degli Stati Uniti. Per sopravvivere a una tale pressione competitiva, la noce di Grenoble punta sulla qualità. Questa grande qualità è il risultato di un terroir unico, un know-how tradizionale e varietà rustiche, con un sistema di coltivazione non estensivo.

"In Francia vengono piantati 100 alberi per ettaro, rispetto ai 300-400 alberi degli Stati Uniti. I loro alberi di noce sono più piccoli di quelli della Francia, ma la maggiore vicinanza fra gli alberi porta inevitabilmente a una maggiore pressione di parassiti e malattie, e quindi un utilizzo più frequente di prodotti fitosanitari. Il 30% dei produttori di noci di Grenoble (21% delle superfici) sono impegnati nell'agricoltura biologica, e tutti gli altri aspirano a produrre nel modo più sano possibile. Il 90% dei frutteti è inerbito e quindi soggetti a diserbo meccanico. In generale, si fa di tutto per ridurre i trattamenti chimici e favorire soluzioni alternative come la cattura massiccia o la confusione sessuale".

©️ginette

©️ginette

Una qualità gustativa che seduce i buongustai più raffinati
Oltre agli aspetti colturali, i consumatori di noci di Grenoble e i grandi chef di tutto il mondo sono stati tutti sedotti dalle sue qualità gustative.

"Il sapore delle noci di Grenoble è speciale, grazie alla scelta di varietà rustiche, oltre che al terreno su cui vengono prodotte, seguendo pratiche tradizionali. Una combinazione di fattori che conferiscono loro questo gusto caratteristico, quest'anno con un sapore particolarmente fruttato. Il suo gusto è molto più pronunciato e conserva un sapore leggermente amarognolo, molto apprezzato dagli appassionati delle noci. Le varietà americane, come la Lara, hanno il vantaggio di dare rese più elevate, ma non hanno i sapori caratteristici delle buone noci tradizionali".

"La noce di Grenoble si distingue nettamente dalle concorrenti sudamericane e californiane. Di recente, abbiamo ospitato un grande pasticcere giapponese che lavora con le noci di Grenoble da 30 anni. In quell’occasione, gli abbiamo fatto provare una noce Lara americana che lui ha definito dal sapore 'neutro' rispetto alle nostre noci di Grenoble. Sappiamo anche che, oltre alla certificazione DOP, alcuni clienti stranieri dalla Germania o dall'Italia cercano in particolare prodotti della valle dell'Isère, perché conoscono il know-how e la qualità delle noci di questa regione".

©️ginette

Una produzione che rimane stabile
Negli ultimi anni, la produzione di noci di Grenoble è cambiata poco. I volumi sono rimasti abbastanza stabili (12.674 tonnellate lo scorso anno) e le superfici sono leggermente diminuite nel 2019.

"Penso che questo sia probabilmente dovuto alla tempesta che si è abbattuta nel 2019, distruggendo 60.000 alberi. Non tutti sono stati sostituiti, e questo ha comportato una perdita di 300 ettari. Registriamo anche una diminuzione del numero di produttori, a causa dei pensionamenti e di un numero insufficiente di nuove piantagioni. Ma, nel complesso, i volumi sono rimasti stabili. Il rinnovamento dei frutteti non è così frequente poiché i noci hanno un ciclo di vita molto lungo. E anche se la produttività di un albero può diminuire dopo 70-80 anni, molti produttori preferiscono produrre un po' meno e mantenere gli alberi piantati dai nonni, piuttosto che sostituirli".

©️ginette

Una crescente notorietà
Il Comitato interprofessionale della noce di Grenoble è stato creato nel 1968 con l’obiettivo di riunire tutti i produttori di noci di Grenoble e definire insieme la strategia che avrebbe fatto eccellere questa noce in Francia e all'estero. Parallelamente, l'organizzazione lavora per far conoscere la noce di Grenoble in Francia e nel mondo. Per fare questo, negli ultimi anni, il comitato ha moltiplicato le sue attività di marketing e comunicazione.

"L'anno scorso abbiamo condotto un sondaggio tra i consumatori, che ha evidenziato il fatto che la noce di Grenoble ha guadagnato 10 punti di notorietà in 10 anni. Ciò dimostra che i nostri sforzi, in termini di promozione, hanno dato i loro frutti e che questa noce sta diventando sempre più famosa. Recentemente "ho visitato un negozio della nostra regione che vendeva 8 diversi tipi di noci di Grenoble. Era la prima volta che vedevo così tanta scelta disponibile in un solo negozio. Ora speriamo che questa ampia offerta soddisfi una domanda altrettanto alta", conclude Nathalie Gaillard.

©️ginette

Per maggiori informazioni:
Nathalie Gaillard
CING
coordination@noixdegrenoble.com
www.aoc-noixdegrenoble.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto