Due appassionati fratelli vogliono dimostrare il valore del prodotto locale

"È assurdo importare patate dolci quando quelle olandesi sono buone"

Nei supermercati olandesi, la stragrande maggioranza dell’assortimento è spesso ancora costituita da prodotti esteri. Mentre i prodotti tipici olandesi, come mele e pere, di recente stanno catturando grande attenzione, per le patate dolci spesso c’è ancora la percezione che sia necessario importarle.

Tuttavia, il prodotto olandese si sta sempre più affermando sul mercato. "È certamente una sfida, ma anche qui nei Paesi Bassi possiamo coltivare ottime patate dolci. In realtà è veramente assurdo importarle, ad esempio, dal Nord America, considerata anche la situazione del momento", afferma Joris van Geel che, cinque anni fa, ha fondato l'azienda De Zoete Pieper, insieme a suo fratello Geerd. "È un raccolto che comporta molte sfide, ma che ha anche molto potenziale".

La passione per questa professione è insita in entrambi i fratelli. I genitori di Geerd e Joris hanno una azienda di seminativi, dove sono cresciuti i fratelli. "Circa sei anni fa, entrambi abbiamo avuto la sensazione, separatamente l'uno dall'altro, di voler dare maggior valore all'azienda. Questo poteva essere raggiunto in diversi modi ma, in quegli anni, la patata dolce era sempre più diffusa nei negozi e, inoltre, se ne parlava sempre di più. Solo che spesso veniva importata da altre zone del mondo. Abbiamo pensato: sicuramente potremmo produrla anche noi".

"In quegli anni, ero ancora studente alla HAS University of Applied Sciences di Den Bosch. C'è un corso di laurea in imprenditorialità che prevede, come progetto di laurea, quello di avviare un'attività in proprio. È stata davvero una grande opportunità per farsi coinvolgere in qualcosa. Ecco come siamo arrivati alla patata dolce", dice Joris. "Abbiamo iniziato con 200 metri quadrati e, dopo una visita all’orto sperimentale di Delphy, abbiamo deciso di destinare anche mezzo ettaro alla commercializzazione. Poi è arrivato l'interesse dei compratori più grandi, ed è partito tutto".

L'automazione è sempre più importante
Con gli anni, la superficie coltivata a patate dolci dei due fratelli è cresciuta fino a raggiungere i 16 ettari. "Potrebbe sembrare che tutto sia proceduto senza intoppi, ma abbiamo dovuto fare tutto da noi. Ovviamente la patata dolce era già ampiamente coltivata all'estero, ma il clima nei Paesi Bassi richiede un modo completamente diverso di coltivarla".

Secondo Joris, le sfide per questo coltura tropicale riguardano due ambiti. "Da un lato, c’è la coltivazione. Utilizziamo per questo un film biodegradabile sulle creste delle patate. Questo ha diverse funzioni: in primo luogo per riscaldare le creste, e in secondo luogo, la lamina è nera, in modo che le erbacce non possano germogliare sotto il raccolto.

"Inoltre, anche l'automazione sta diventando sempre più importante. Ad esempio, le talee della pianta della patata dolce provengono dal Portogallo. In precedenza, dovevamo piantarle tutte a mano, impegnando un centinaio di ore di lavoro per ettaro. È uno dei motivi per cui, insieme ai partner, abbiamo sviluppato una trapiantatrice. Si tratta di una macchina semiautomatica che dimezza quasi le ore di lavoro per ettaro. Abbiamo anche acquistato una nuova raccoglitrice e una macchina per la posa del film, adattandole alle nostre esigenze".

"Gli investimenti li abbiamo ammortizzati, risparmiando i costi della manodopera. Infatti, insieme al materiale vegetale, questi rappresentano i due terzi dei nostri costi di coltivazione. Possiamo fare poco sul costo del materiale di piantagione, ma possiamo ridurre i costi del personale, continuando a optare per l'automazione dei processi".

A destra: Joris insieme a suo fratello Geerd

Trovare equilibrio nei tempi di raccolta
Ci sono delle sfide da affrontare anche nella commercializzazione delle patate dolci locali. "Le patate dolci sono vendute in diversi calibri", continua Joris. "Ci concentriamo principalmente sul mercato del fresco, ma abbiamo anche bisogno del settore della trasformazione. Questo perché i consumatori olandesi sono abituati a patate più piccole e, quindi, sono molto richieste. Tuttavia, le patate dolci possono crescere anche molto grandi. Inoltre, selezioniamo le patate con un difetto esterno e, poiché sono buone lo stesso, le vendiamo all'industria di trasformazione. Trovare l'equilibrio nei tempi di raccolta è quindi la 'chiave', perché si desidera il maggior numero possibile di calibri più piccoli, ma anche di ottenere quantità importanti. Negli anni abbiamo pagato caro questo, e continuiamo a farlo, ma non ci arrendiamo".

Creare consapevolezza
Per quanto riguarda il nuovo raccolto di stagione, il giovane coltivatore è ottimista. "È stata un'estate perfetta con tanto sole, il che è positivo per un raccolto tropicale. Quindi, in termini di volumi, siamo decisamente ottimisti. Ma le patate sembrano essere cresciute un po' troppo, il che non è necessariamente vantaggioso per noi perché, come dicevo, sono richiesti i calibri più piccoli".

Anche quest'anno, tuttavia, i fratelli si sono resi conto dell’importanza dell’automazione. "L'inizio della stagione di crescita è stato abbastanza secco. Durante la raccolta, improvvisamente e molto rapidamente, il clima è passato da secco a estremamente umido. Solitamente raccogliamo circa un acro al giorno, e vi sfido a trovare 16 giorni di bel tempo a settembre. Pertanto dovevamo raccoglierli in più breve tempo, cosa che siamo riusciti a fare grazie alla raccoglitrice meccanica".

Per quanto riguarda la domanda, la diffusione delle patate dolci continua a registrare una crescita costante. "Sta trovando sempre più posto sugli scaffali olandesi. Per noi è importante che cresca anche la domanda di prodotti olandesi. Tuttavia, è difficile competere con prodotti stranieri più a buon mercato, ma non dobbiamo nemmeno essere i più economici. Noi abbiamo qualcosa che gli altri non hanno: un prodotto locale e sostenibile. Oggi, la consapevolezza delle persone su questi temi sta crescendo, ma c'è ancora un mondo da conquistare. I nostri clienti vanno dalla vendita al dettaglio (online) all'industria, ma è un prodotto troppo costoso da coltivare. Ecco perché siamo sempre alla ricerca di acquirenti, perché la domanda deve stare al passo con l'offerta".

Per maggiori informazioni:
Joris van Geel 
De Zoete Pieper
+31 (0)63865571
joris@zoetepieper.nl 
www.zoetepieper.nl


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto