Jorge Sauma, Corbana: "Servono prezzi più alti per sostenere l'industria delle banane nel mondo"

L'industria costaricana delle banane è ottimista sul sostegno dei retailer di Ue e Stati Uniti all'aumento dei prezzi

La National Banana Corporation of Costa Rica (CORBANA) ritiene che i suoi oltre 20 anni di leadership nella coltivazione di un prodotto sostenibile, contribuiranno a convincere il settore del retail, nei loro principali mercati europei e statunitensi, a sostenerli con prezzi migliori.

Jorge Sauma, direttore generale di Corbana, afferma di aver avuto degli incontri a Madrid e di aver rilevato prezzi più alti per le banane sugli scaffali della vendita al dettaglio, che si spera si traducano in prezzi franco azienda migliori, al fine di favorire tutti gli sviluppi di cui hanno bisogno i Paesi di produzione dell'America Latina.

La Costa Rica è uno dei tre principali Paesi esportatori di banane al mondo. Nel 2021, il Paese ha esportato circa 129 milioni di casse di banane (circa 18,14 chilogrammi ciascuna), ovvero circa 2,3 milioni di tonnellate. I mercati di riferimento sono principalmente Stati Uniti (34%) ed Europa (61%), guidati da Paesi Bassi, Regno Unito, Italia, Spagna (6,63%), Belgio, Portogallo e Finlandia. Per l'attuale stagione 2022, Corbana prevede una riduzione dei volumi del 9%.

"Abbiamo aumentato il volume e la resa per ettaro, fino a oltre 3.100 casse da 18,14 kg. Il nostro record risale a tre anni fa, con 131 milioni di casse. La situazione ora è molto imprevedibile. Stimiamo una riduzione del 9%. Questa situazione è dovuta alle difficoltà di trasporto e ai costi delle spedizioni e dei fertilizzanti. In Costa Rica, finanziamo i coltivatori perché possano acquistare prodotti per la protezione delle colture e concediamo loro più tempo per il rimborso. Siamo sempre propositivi. A Madrid abbiamo visto che il prezzo delle banane è aumentato nella vendita al dettaglio. Sul mercato c'è una carenza di banane, soprattutto perché l'Ecuador ha esportato meno. Ma non siamo sicuri che durerà tutto l'anno", afferma Sauma.

"Sono rimasto davvero colpito dall’edizione di quest'anno del Fruit Attraction. È stata gestita molto bene. Mi congratulo con la direzione di IFEMA. Abbiamo avuto l'opportunità di avere molti incontri con acquirenti di diversi Paesi. Abbiamo avuto l'opportunità di far conoscere la nostra industria delle banane e la sua strategia di differenziazione. Lavoriamo da oltre 20 anni nel campo della sostenibilità. Ricicliamo il 100% della plastica, le acque reflue non finiscono nei fiumi e riduciamo anche l'uso di agrofarmaci di quasi il 50%".

"Poi ci sono anche gli aspetti sociali. La Costa Rica ha leggi molto buone. L'istruzione è gratuita e obbligatoria per i bambini da 1 a 6 anni, mentre l'istruzione primaria è pagata dal governo. Paghiamo gli stipendi più alti per i lavoratori. C'è anche molta attenzione alla condizione dei lavoratori. La sostenibilità economica è un'altra area di interesse. Questi sforzi vengono compiuti affinché i consumatori abbiano maggiore fiducia nella nostra frutta, un’attenzione che dovrebbe essere ripagata. Inoltre, vengono anche fatti per proteggere il coltivatore e il consumatore. Bisogna anche notare che il 100% delle aziende rispetta i protocolli di gestione e riciclo dei rifiuti, mentre il 93% degli impianti di confezionamento ha programmi di ricircolo dell'acqua e più della metà delle aziende (63%) sono certificate Carbon Neutral da enti accreditati, con l'obiettivo di raggiungere a breve il 100%".

"Vent'anni fa i supermercati non avevano un ruolo importante nella catena del valore. Ora sono più determinanti delle società commerciali. La bassa posizione delle banane sul mercato è fonte di preoccupazione. Non so perché abbiamo il prezzo più basso, visto che è il frutto migliore. Dobbiamo migliorare la sua posizione, che significa che dovremmo avere prezzi più alti".

"Il Green Deal dell'Ue, che comprende molte misure, comporta costi più elevati. Siamo in una situazione molto particolare, tutti i prezzi stanno aumentando, dai fertilizzanti ai trasporti, cartone e plastica. La guerra in Ucraina ha colpito tutte i settori. Abbiamo adottato molte misure e fatto proposte ai retailer, in particolare ad Aldi che ha comunicato che non ridurrà i prezzi. Terranno in considerazione lo sforzo sociale, e cambieranno la loro politica", spiega Sauma.

Corbana, è un ente pubblico-privato che svolge il ruolo di promotore e regolatore ufficiale, oltre a ospitare un centro di ricerca scientifica e una fattoria sperimentale per l'industria delle banane in Costa Rica. Corbana sta organizzando l'International Banana Congress che si terrà a maggio 2023. A causa del rischio di contaminazione da altre regioni di produzione in visita nel mondo, il congresso si terrà a Miami, negli Stati Uniti.

"L'industria globale delle banane coinvolge oltre 500 milioni di persone come fonte di cibo e occupazione. Siamo aperti ad altri mercati per cercare di raggiungerli. La logistica è più lunga e più costosa, mentre la frutta ha bisogno di maggiore protezione", conclude Sauma.

Per maggiori informazioni:
Jorge Sauma
Corbana
Tel: +506 400 24711
Email: jsauma@corbana.co.cr 
Web: www.corbana.co.cr


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto