Focus sul mercato mondiale delle patate

Si preannuncia una stagione difficile per le patate in gran parte del mondo. Il clima caldo e secco che ha caratterizzato la coltivazione nella maggior parte dei Paesi produttori ha avuto un effetto negativo sui tuberi, così come su molte altre colture. Si prevede che l'offerta globale sarà più bassa, dato che la maggior parte delle nazioni si aspetta una resa da leggermente a significativamente inferiore. Anche l'enorme aumento dei costi energetici è fonte di grande preoccupazione, in quanto molti sono riluttanti a immagazzinare il raccolto, soprattutto quando i prezzi attuali sono elevati. L'Europa, in particolare, dovrà probabilmente ricorrere alle importazioni per coprire l'elevata domanda del mercato in questa stagione.

Paesi Bassi: le esportazioni sono state un fattore scatenante
Al momento il clima determina in larga misura il mercato delle patate. Mentre per molto tempo è stato troppo secco per la raccolta, ora in molti luoghi c'è troppa pioggia per procedere - ha dichiarato un commerciante di patate olandese - All'inizio della stagione le esportazioni di patate erano in piena espansione, anche verso nuove destinazioni. Tuttavia, al momento, a causa dell'aumento dei costi, le patate stanno diventando troppo costose per alcune destinazioni, soprattutto per i Paesi africani. Fortunatamente, c'è anche la partecipazione dell'Europa dell'Est e in questo caso sono un po' più disposti a pagare i prezzi attuali, il che offre l'opportunità di far crescere le esportazioni".

E proprio le esportazioni sono state il fattore scatenante dell'attuale mercato. "L'industria si basa molto sulle patate sotto contratto e difficilmente acquista sul mercato libero. È comprensibile che i coltivatori che hanno le loro patate in magazzino vogliano un prezzo più alto con tutti i costi di stoccaggio attualmente sostenuti, ma se questi saranno effettivamente pagati è un'altra questione. Non voglio certo parlare di mercato al ribasso, ma i costi attuali rendono estremamente difficile mantenere il livello di prezzo attuale".

Belgio: i raccolti più bassi causano prezzi elevati
A causa della siccità, in Belgio i raccolti di patate di questa stagione saranno significativamente più bassi. "Ogni anno facciamo delle raccolte di prova e quello che temevamo si sta avverando quest'anno. Il 2018 è stato un anno negativo per la resa, ma il raccolto di quest'anno è addirittura un po' più basso". Secondo un commerciante, la situazione è difficile. "L'attuale livello dei prezzi è così alto che è molto allettante per i coltivatori con patate libere separarsi dal loro prodotto ora, per ottenere un buon prezzo e mantenere i costi di stoccaggio a zero. Dall'altra parte ci sono i commercianti che non vogliono mettere in magazzino patate così costose, e l'industria, tradizionalmente il più grande acquirente, è sempre ben coperta".

"Da novembre in poi sarà comunque difficile acquistare patate libere. A questo si aggiunge il fatto che nessun Paese in Europa può parlare di un buon raccolto. Le uniche eccezioni sono aree dei Paesi Bassi o la Germania settentrionale, ma nemmeno loro riusciranno a salvare la situazione in Europa. Ciò si traduce in una grande quantità di richieste, per cui potrebbero esserci molti movimenti nel mercato delle esportazioni. Resta da chiedersi se prezzi così cari saranno alla portata di tutti".

I prezzi continueranno a fluttuare tra i 25 e i 30 euro in questa stagione. "Dal punto di vista qualitativo, sembra che non ci siano problemi. Nel complesso, la situazione è buona. Ci sono poche perdite. Le patate sono un po' più piccole in questa stagione, tuttavia, e con l'elevato peso in acqua, i danni da raccolta potrebbero ancora rappresentare un problema, ma non si può avere la certezza di niente finchè tutto il raccolto non sarà nei magazzini".

Germania: mercato tranquillo ma soddisfacente
Il mercato tedesco delle patate è stato tranquillo, ma soddisfacente. La disponibilità di tuberi nazionali è aumentata a livello locale. In alcuni luoghi è aumentata la quota di nuovi lotti di patate farinose. L'offerta e la domanda sono state per lo più in linea tra loro. Le valutazioni non sono state sempre coerenti, il che ha indebolito un po' la domanda, ma spesso sono rimaste costanti, con l'eccezione delle concessioni. Nella Germania settentrionale i volumi dei raccolti dovrebbero essere inferiori a quelli dell'anno scorso. Inoltre, alcuni produttori belgi di patatine fritte acquisteranno merce in Germania con molto anticipo. Per questo motivo l'industria non si aspetta un indebolimento dei costi in futuro, ma piuttosto un aumento.

Austria: condizioni di raccolta scadenti
La raccolta delle patate della Bassa Austria non sta procedendo con la stessa rapidità degli altri anni a causa delle continue precipitazioni. Anche l'aspettativa di un aumento dei prezzi alla produzione sta riducendo la disponibilità a vendere quest'anno. Soprattutto nel caso di lotti di qualità non eccelsa, tuttavia, è opportuno soppesare costi e benefici in relazione al momento della commercializzazione.

Svizzera: volumi ridotti, alta qualità         
L'annata pataticola svizzera del 2022 è stata impegnativa per i coltivatori. Una volta che le patate sono state piantate (per la maggior parte in condizioni favorevoli), le piante si sono sviluppate bene inizialmente.

Tuttavia, già a giugno si sono susseguite diverse ondate di calore. Il caldo e la siccità non sono ideali per le colture pataticole; al di sopra della temperatura ottimale di 25 °C, la crescita delle piante diminuisce drasticamente. Di conseguenza, le rese convenzionali di patate nel 2022 sono inferiori di circa il 10% rispetto alla media degli ultimi cinque anni. Rispetto all'anno umido precedente, tuttavia, le rese continuano a essere superiori di un buon 10%. Per quanto riguarda le patate biologiche, invece, quest'anno sono state raggiunte rese superiori alla media. Il raccolto totale del 2022 sarà comunque inferiore alla media degli anni precedenti. In ogni caso, secondo Swiss Patat, la qualità dei tuberi di quest'anno è molto buona.

Francia: resa finora inferiore alla media, vendite moderate
In Francia la domanda è stata moderata dall'inizio di settembre, con la raccolta che continua a un buon ritmo. Le piogge della scorsa settimana hanno facilitato il lavoro in alcuni lotti. La raccolta sta terminando a Beauce ed è ben avviata in Champagne (dove il livello di avanzamento è a due terzi). Nella regione Hauts-de-France (che produce i 2/3 dell'offerta francese), l'avanzamento delle raccolte è variabile e raggiunge il 50% in alcune aziende. Le rese nazionali sono generalmente indietro, con differenze a seconda delle varietà e degli lotti coltivati. In termini di vendite, il ritmo delle transazioni è stato generalmente moderato dall'inizio di settembre.

Le diverse gamme vengono messe in evidenza nei supermercati per facilitare l'acquisto e persino per incoraggiare l'acquisto d'impulso da parte dei consumatori. I marchi, in collaborazione con i loro fornitori, stanno comunicando la "praticità" delle patate per tutte le famiglie, indipendentemente dal loro tenore di vita. Ci si adopera anche per garantire che le patate siano pubblicizzate a un prezzo psicologicamente attraente per il consumatore. Ricordiamo che le patate sono un prodotto di consumo di massa, la cui elasticità di prezzo della domanda è bassa, secondo i dati degli anni passati sulla correlazione tra prezzo e acquisti.

Sul fronte delle esportazioni il mercato è stabile, ma i problemi di trasporto possono rallentare le operazioni e alcune destinazioni soffrono più di altre, come la Spagna. Oltre alla mancanza strutturale di autisti, c'è anche l'aumento dei costi di trasporto. Il declino della produzione ortofrutticola spagnola potrebbe ridurre i flussi dalla Spagna verso il resto d'Europa e, per effetto domino, ridurre la disponibilità di camion di cui la Francia potrebbe beneficiare per il trasporto delle sue patate.

Irlanda: domanda stabile, rese ridotte
Secondo l'IFA, la domanda e il consumo di patate al dettaglio rimangono stabili e sono attualmente descritti come simili ai livelli pre-pandemici. Molti coltivatori stanno ora stanno attingendo alle ultime scorte nei magazzini. Si segnalano condizioni di raccolta molto secche soprattutto nel sud-est e alcuni coltivatori stanno ritardando la raccolta per evitare danni al momento della scavatura. La domanda di varietà da trasformazione in chip di patate è forte e i coltivatori hanno ricevuto richieste di prodotto dall'Europa. La varietà Queen è stata smaltita bene. La raccolta di Kerr Pinks è iniziata con una qualità eccellente, ma le rese sono notevolmente ridotte.

Regno Unito: timori per la qualità
Nel Regno Unito le recenti piogge hanno dato una spinta ad alcune colture e si è registrato un miglioramento delle rese nelle West Midlands. Nella parte orientale le piogge sono state troppo tardive per fare una differenza significativa. Gli agronomi notano che alcune varietà più tardive, tra cui la Markies e la Melody, hanno assunto una colorazione verde, ma ora presentano una sostanza secca più bassa e segni di germogliazione. Inoltre, al momento anche i problemi di qualità sono una grande preoccupazione. I livelli di ticchiolatura comune nella M.Piper sono "preoccupanti" dalla Scozia fino al Sud-Est e sono stati riscontrati anche danni interni. Le ammaccature causate dall'elevato contenuto di sostanza secca, ma anche la "sensibilità alla germogliazione", stanno causando alcuni alti livelli di rifiuto, ma anche i livelli di danno sono in aumento a causa di un nuovo inaridimento dei terreni.

Italia: richiesta discreta, prezzi in crescita
Un importante commerciante del nord d'Italia afferma che la richiesta di patate è discreta, ma in parte sembra alimentata da qualcuno che vuole fare speculazione. I prezzi sono in crescita. La Gdo cerca prodotto, anche a bassa qualità, pur di spendere poco. "Se aumentassimo troppo i prezzi, gli ordini crollerebbero e se calano i consumi poi per agricoltori e per i commercianti sarà un problema. Tanti negozi cercano prodotti più economici per fare margine. Ottobre e novembre saranno i mesi in cui lavoreremo di più e senza troppa marginalità. I costi però sono sempre più gravi: la fattura della corrente elettrica è passata da 12mila a 40mila euro in un solo mese a parità di consumi. I prezzi quindi vanno aumentati, ma non troppo. I prezzi in campo sono maggiori rispetto ad altri anni, perché nel nord d'Italia c'è stato meno raccolto".

Al momento, i consumi sono più calmi rispetto al mese scorso, come del resto accade tutti gli anni a settembre. Un operatore del settore della Campania dichiara: "Allo stato attuale stiamo acquistando prodotto dalla Francia. Visto l'andamento climatico siccitoso, la produzione ne ha risentito, con una diminuzione rispetto alla scorsa campagna di circa il 30%. Stiamo acquistando patate francesi in jumbo bag da 1300 kg, a 0,35 euro/kg. Tale quotazione dipende dal fatto che la produzione è minore e la richiesta proveniente da vari Paesi europei, come Italia, Spagna e Portogallo è elevata. A questa quotazione bisogna poi sommare i costi dei trasporti sia su gomma sia su ferrovia. Con questo scenario siamo preoccupati e non solo per gli aumenti! Ci chiediamo: riusciremo ad arrivare fino a maggio/giugno con la commercializzazione delle patate francesi, per poi cominciare con le nostre? Fra l'altro, ancora non sappiamo in cosa consistano le programmazioni colturali effettuate dagli imprenditori italiani".

In Calabria, dalle prime scavature si stima un 10-15% in meno delle rese, con calibri inferiori, ma qualità di ottimo livello.

Secondo l'osservatorio permanente GfK Consumer Panel, le patate rimangono una delle categorie più presenti nel carello della spesa delle famiglie italiane. Le patate fresche, in particolare, vengono acquistate dall'85% delle famiglie italiane.

Spagna: la siccità e l'aumento dei costi di produzione fanno salire i prezzi delle patate, con timori di carenze
La raccolta delle patate spagnole per l'industria del fresco continua a Segovia e dovrebbe terminare alla fine di ottobre, soprattutto per le varietà da frittura come l'Agria, che saranno immagazzinate per l'inverno. I volumi sono significativamente inferiori rispetto all'anno scorso a causa della diminuzione delle superfici in tutte le aree di produzione e delle rese molto più basse dovute all'impatto del clima. La siccità ha influito notevolmente sulle dimensioni, che sono principalmente piccole. Questo, insieme all'elevato aumento dei costi di produzione, movimentazione e confezionamento, ha portato i prezzi delle patate alle stelle, raggiungendo livelli storici. Sia l'industria del fresco che quella del trasformato sono molto preoccupate per l'inverno, in quanto potrebbe verificarsi una scarsità, considerando che anche la Francia prevede un raccolto molto inferiore. I prezzi potrebbero continuare a crescere influenzando i consumi, dato che l'inflazione sta già danneggiando l'economia e il potere d'acquisto dei consumatori.

Sudafrica: prezzi delle patate in calo
La provincia di Limpopo fornisce attualmente il 69% delle patate sudafricane, mentre un quinto proviene ancora dal Free State occidentale.

La provincia di Limpopo ha sofferto due anni consecutivi di gelo e, di conseguenza, di prezzi molto buoni. In questa stagione gli ettari coltivati a patate sono aumentati in modo significativo e le forniture al mercato sono state molto elevate, causando un eccesso di offerta che sembra essersi attenuato, con un aumento delle vendite del 6% nell'ultima settimana. Dall'inizio dell'anno il Limpopo ha venduto 1,3 milioni di sacchi in più rispetto alla media quinquennale.

D'altro canto, il Capo settentrionale e il Capo nord-orientale hanno venduto 2,5 milioni di sacchi da 10 kg in meno e il Free State circa 2,3 milioni di sacchi in meno rispetto alla loro media dall'inizio dell'anno.

Le vendite complessive, tuttavia, sono inferiori; i problemi economici del Sudafrica si manifestano con una riduzione della capacità di spesa e dall'inizio dell'anno sono stati venduti 2,7 milioni di sacchi da 10 kg in meno rispetto alla media quinquennale.

Il prezzo delle patate è sceso di un ulteriore 10% la scorsa settimana, arrivando a poco più di R35 (2 euro) per sacco da 10 kg.  I prezzi delle patate sono tra il 40 e il 60% più bassi rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, quando i danni da gelo avevano ridotto il raccolto e causato una breve carenza.

Cina: il caldo e la siccità hanno fatto diminuire le rese
Un coltivatore di patate con una produzione di circa 67 ettari di patate nella Mongolia Interna, nella Cina settentrionale, commenta il raccolto di patate di quest'anno: "Nella Mongolia Interna la raccolta delle patate è quasi terminata. La produzione è inferiore a quella degli anni precedenti, soprattutto a causa della siccità e delle alte temperature estive. I prezzi sono relativamente stabili e si prevede un ulteriore aumento. La siccità ha ridotto la resa del raccolto".

Nonostante la diminuzione dei raccolti, le esportazioni cinesi sono aumentate. I dati relativi mostrano che da gennaio ad agosto 2022 la Cina ha esportato circa 220.300 tonnellate di patate fresche o refrigerate (escluse le sementi), con un aumento di circa il 2,57% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente; il valore totale delle esportazioni è stato di circa 119,65 milioni di dollari USA, con un aumento di circa il 6,43% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Nord America: i prezzi potrebbero essere ancora più alti dell'anno scorso a causa della minore offerta
La superficie coltivata a patate è in calo e le rese sono relativamente basse nell'Idaho. "I coltivatori non si sentono molto soddisfatti delle loro rese, che sembrano essere più basse", afferma uno spedizioniere. 

Secondo lui, ci sono alcuni fattori alla base delle rese ridotte, a cominciare dal ritardo nella raccolta all'inizio della stagione. "Quest'anno la primavera è stata molto fresca e le piante non hanno raggiunto il livello di crescita che ci aspettavamo per la fine di giugno. A quel punto, infatti, le piante erano indietro di circa due settimane - spiega - Dopo di che, luglio e agosto sono stati estremamente caldi. La realtà è che il profilo dimensionale del raccolto non si è mai sviluppato come previsto. Le dimensioni del raccolto saranno inferiori a quelle dell'anno scorso".

Oltre all'Idaho, anche il Colorado e il Wisconsin sono in ritardo con l'inizio della stagione.

Questo si aggiunge a una riduzione del 9% delle superfici coltivate nello Stato all'inizio della stagione, per un totale di 10.117 ettari circa in meno. "Ma questo si era capito fin dall'inizio della stagione. La cosa preoccupante in questo momento è che le rese sono molto più basse di quanto ci si aspettasse", afferma. Lo spedizioniere osserva che la resa prevista era di circa 440 sacchi per acro, anche se si dice che più il campo è a nord, migliore è la resa. Tuttavia, un rapporto parlava di circa 300 sacchi per acro.

Recenti rapporti indicano anche che il North Dakota ha un raccolto nella media e i prezzi del Wisconsin indicano che la pezzatura è migliore di quella dell'Idaho. Il Nebraska e il Kansas potrebbero avere problemi di maturazione.

Nel frattempo la domanda di patate continua ad essere sostenuta, anche con i prezzi più alti di quest'anno. "La nostra domanda non è cambiata. Il mercato in questo momento è un tipico mercato che dipende dalla raccolta, in cui i prezzi scendono man mano che la raccolta procede - afferma - Ma ora ogni parte del settore è in competizione per l'offerta, sia che si tratti di trasformatori che producono patatine, sia che si tratti di disidratatori che producono fiocchi, sia che si tratti di spedizionieri di prodotti freschi. Ogni sbocco sarà in competizione per un'offerta che è inferiore a quella della scorsa stagione, che già fu abbastanza bassa da portare i mercati a livelli record".

Secondo l'esperto, non c'è dubbio che quest'anno il mercato sarà mediamente più alto dell'anno scorso. "E potenzialmente nel picco della stagione potremmo vedere prezzi più alti dell'anno scorso", afferma. "È una situazione spaventosa e qualcosa che non abbiamo mai visto prima. Con la riduzione delle superfici e delle rese, tutte le scommesse sono aperte".

Perù: sensibile aumento dei prezzi nel Grande Mercato all'Ingrosso di Lima
Come riportato dal Ministero dello Sviluppo Agrario e dell'Irrigazione (MIDAGRI), in generale in Perù la superficie delle 30 colture principali, che costituiscono circa il 90% delle aree piantate nel Paese, si è leggermente contratta dello 0,6% rispetto alla campagna 2020/21 (da agosto a luglio), come conseguenza "degli alti prezzi dei fertilizzanti chimici importati, che hanno aumentato i costi delle colture, decapitalizzando i produttori".

Tuttavia, nel caso delle patate la valutazione della campagna agricola 2021/22 mostra che le semine di tuberi hanno totalizzato 339.581 ettari, aumentando del 3,5% rispetto alla media delle semine delle ultime cinque campagne.

Secondo i dati Midagri, la produzione di patate era già cresciuta del 2,8% nel 2021, totalizzando 5.668.898 tonnellate per un aumento del 3,4% delle rese, fino a 17,1 tonnellate per ettaro. Nel 2022 la produzione cumulata da gennaio a luglio ha totalizzato 4.816.703 tonnellate, cioè il 7,6% in più rispetto a quella registrata nello stesso periodo del 2021, grazie all'aumento della superficie raccolta e a un incremento delle rese del 3,7%. Inoltre, durante questo periodo "non si sono verificati grossi problemi nelle condizioni agroclimatiche che avrebbero potuto influenzare le colture".

L'aumento della produzione è stato rilevato anche nei volumi di patate che sono entrati nel Grande Mercato all'Ingrosso di Lima, con un totale da gennaio ad agosto 2022 di 450.430 tonnellate, che rappresenta il 4,6% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Tuttavia, nonostante i maggiori volumi, l'inflazione sta lasciando un segno profondo sui prezzi all'ingrosso di questo prodotto fondamentale nella dieta peruviana e, di fatto, il secondo prodotto più importante per il suo contributo al valore della produzione agricola.

Un'occhiata all'ultimo Bollettino sull'offerta e i prezzi delle patate a Lima, datato 27 settembre 2022, ci permette di vedere l'aumento dei prezzi al chilo negli ultimi mesi al Grande Mercato all'Ingrosso di Lima, raggiungendo 1,26 euro per la patata a pasta gialla (Tumbay), 1,18 euro al chilo per la Peruanita o 0,95 euro per la Huamantanga. Ma se consultiamo gli archivi Midagri e confrontiamo questi prezzi con quelli inseriti nel Bollettino del 27 settembre 2021, possiamo vedere la vera entità di questo aumento: martedì scorso la patata Yungay aveva un prezzo superiore dell'85,4% rispetto a quello registrato solo un anno fa (0,29 euro il 27.09.21 contro 0,54 euro il 27.09.22); il prezzo della patata Canchan è stato superiore del 100% (0,28 euro contro 0,56 euro); il prezzo della Unica è aumentato del 106,5% (0,28 euro contro 0,57 euro); la Huamantanga ha registrato un aumento del 166,2% in un anno (0,36 euro contro 0,95 euro); il prezzo della patate a pasta gialla è aumentato del 272,2% (0,34 euro il 21/09/21 contro 1,27 euro il 22/09/22); quello della Peruanita del 274% (0,32 euro contro 1,18 euro) e quello della Huayro del 187,5% (0,33 euro il 27/09/21 contro 0,95 euro il 27/09/22).

Questi aumenti potrebbero avere conseguenze sensibili in un paese in cui il consumo di patate, come riportato da Midagri il 30 maggio in occasione della Giornata Nazionale della Patata, si è attestato nel 2021 a 92 kg pro capite.

Oceania: consumo di patate in aumento
L'ente australiano per l'industria delle patate sottolinea i benefici per la salute di questo ortaggio in vista dei mesi primaverili ed estivi. Secondo le statistiche, nel 2021 l'87% delle famiglie australiane ha acquistato patate, acquistando in media 1,7 kg di patate per ogni viaggio al supermercato, mentre l'offerta pro capite è stata di 18 kg, in base al volume fornito. Ma questo crea un'enorme opportunità per l'industria di aumentare il consumo, e WA Potatoes sottolinea che è ancora ben al di sotto di altre nazioni come l'Irlanda, che ha un consumo annuale di circa 85 kg.

Nella sua rivista stagionale, l'organizzazione ha ricordato ai consumatori che, sebbene le patate siano percepite come poco salutari e con un alto contenuto di kilojoule, hanno una densità energetica inferiore rispetto ad altri alimenti a base di carboidrati, oltre a possedere un prezioso amido che è stato identificato come carente in altre diete. Dal punto di vista della produzione, in Australia si è registrato un aumento del 5% del volume di patate prodotte, che ha raggiunto le 1.458.991 tonnellate, e un aumento del 13% del valore, che ha raggiunto gli 807,3 milioni di dollari, secondo i dati.

Nel frattempo la Nuova Zelanda ha riferito che il 2021 è stato un anno più difficile rispetto all'anno precedente, a causa delle conseguenze della pandemia. Inoltre, l'aumento dei costi di conformità e di produzione ha comportato un leggero calo del valore complessivo del settore, passato da 1,2 a 1,1 miliardi di dollari. I dati mostrano che il 72% del raccolto neozelandese è trasformato (surgelati e patatine fritte) e questo è il motivo per cui il valore del nostro settore si è mantenuto stabile. Si è registrato anche un raddoppio del valore del settore delle patatine fritte, il che indica che il "comfort food" è stato popolare durante la pandemia. Tuttavia, il settore ha registrato una crescita complessiva del valore del 41% dal 2013. Secondo l'organismo di settore, il dato chiave emerso nel 2021 è che il settore è sostenuto da un forte mercato interno.


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto