Manuel Ayllón, Hortícola Flora:

"In questa stagione ci saranno meno patate dolci sul mercato"

La stagione spagnola delle patate dolci sta iniziando nel sud del Paese e, secondo Manuel Ayllón, la campagna di quest'anno è caratterizzata da una riduzione generale della produzione. "In questa campagna, la Hortícola Flora ha ridotto del 30% la superficie dedicata alla coltivazione biologica di patate dolci e prevediamo di produrre tra le 5.000 e le 5.500 tonnellate".


Manuel Ayllón.

"La produzione di quest'anno risente del forte incremento dei costi di input, che sono aumentati di circa il 25%. Inoltre, la resa è in calo del 20% rispetto allo scorso anno, a causa delle diverse ondate di caldo che abbiamo avuto in estate e che non hanno permesso alle colture di beneficiare delle migliori condizioni di sviluppo. Inoltre, la raccolta è stata ritardata di oltre un mese rispetto agli anni precedenti".

"Un altro fattore decisivo è stato l'aumento dei canoni di locazione, in quanto molti produttori di altre province, che lavorano altri tipi di colture, richiedono terreni agricoli nella zona di Cadice dove ci troviamo, l'unica regione che in estate non ha dovuto affrontare le severe restrizioni idriche".

"Nelle prossime settimane, penso che molti coltivatori del sud della Spagna inizieranno con la loro fornitura di patate dolci, come anche alcuni Paesi europei con le loro produzioni locali. Tutto ciò comporterà un aumento della fornitura anche se, in generale, i produttori sono molto in sintonia con i mercati, poiché c’è una disponibilità di volumi decisamente inferiore in questa stagione", ha affermato Manuel, "e le produzioni precoci sono generalmente molto apprezzate in termini di prezzi".

La Hortícola Flora è stata fondata nel 2013 ad Arcos de la Frontera da una famiglia di produttori agricoli con oltre 40 anni di esperienza, che ha cominciato a occuparsi per la prima volta di agricoltura biologica nel 2008. Attualmente, l'azienda è specializzata nel segmento bio e coltiva quasi 400 ettari certificati biologici. Dal 2019, hanno anche le proprie strutture per selezionare, lavare e confezionare verdure biologiche, in conformità ai protocolli di qualità e sicurezza alimentare come Global Gap, Grasp, Tesco, IFS e BRC.

"Aspettiamo conferme sulla disponibilità di acqua per iniziare a piantare le carote"
La Hortícola Flora dovrà presto iniziare a piantare le carote, un altro prodotto importante per l'azienda, che, purtroppo, ha avuto una stagione "disastrosa" nel 2022 durante la quale, secondo Manuel Ayllón, non è stato neanche possibile coprire i costi di produzione. "Attualmente attendiamo notizie sulle restrizioni idriche con un po' di incertezza. I livelli di riserva idrica sono scesi sotto il 30%, quindi crediamo che ci saranno delle restrizioni, ma non siamo ancora stati informati. Questo per noi è un problema perché dobbiamo iniziare a piantare in queste settimane, in modo da poter raccogliere le carote tra la fine di marzo e l'inizio di aprile".

"La nostra idea iniziale è di piantare circa 100 ettari, ma prima dobbiamo sapere quanta acqua sarà disponibile. Il mercato delle carote biologiche in Spagna è piuttosto limitato. Il 99% della nostra produzione viene esportato e abbiamo carote biologiche soprattutto tra i mesi di febbraio e luglio, sebbene i Paesi europei ne richiedano di più nei mesi di aprile, maggio e giugno".

Oltre alle patate dolci, i prodotti principali dell'azienda sono le carote e le barbabietole. "Per quanto riguarda le patate dolci biologiche, lavoriamo con grossisti, distributori di prodotti biologici e supermercati, mentre le carote e le barbabietole biologiche sono commercializzate principalmente sfuse per i confezionatori europei, ma le confezioniamo per alcune catene".

"Penso che l'estate calda e il clima estremamente secco abbiano ridotto un po' i raccolti di carote biologiche in Europa. Inoltre, considerato l'aumento dei costi energetici non è consigliabile mantenere le carote europee nelle celle refrigerate per un lungo periodo di tempo".

"In realtà, nelle ultime settimane, abbiamo ricevuto un sufficiente numero di richieste di programmi di semina di carote biologiche per il raccolto primaverile 2023, alcune per metà marzo. Questo è un po' insolito, tenendo conto che nel 2022, il mercato si è movimentato intorno ai primi di maggio. Pensiamo di dover essere prudenti e programmare i volumi nel modo più razionale possibile. Sappiamo che è molto difficile prevedere in autunno, nel periodo di semina, quale sarà la domanda di carote biologiche in primavera".

"Abbiamo anche ricevuto richieste di prezzi fissi, ma non possiamo stabilire alcuna quotazione a così lungo termine senza dati sulle rese, e con l'incertezza del mercato, l'aumento dei costi e l'inflazione".

Tutti i prodotti della Hortícola Flora sono coltivati da aziende del gruppo di Manuel Ayllón, il quale ha affermato: "Per noi, la chiave del successo è integrare tutte le fasi della catena del valore del prodotto, dalla coltivazione, selezione e confezionamento alla commercializzazione dei nostri ortaggi. Inoltre, sono in grado di dare una risposta rapida e chiara ai cambiamenti del mercato o a situazioni eccezionali all'origine".

Per maggiori informazioni: 
Hortícola Flora
Carretera Arcos-Antequera A384 – KM1
11630 Arcos de la Frontera, Cadiz, Spagna
Manuel Ayllón H.
+34 605 83 04 81
manuel@horticolaflora.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto