Una minaccia per la sicurezza alimentare dell'Africa

Il Fusarium Tropical Race 4 si sta rapidamente diffondendo in tutto il mondo

Il Fusarium ha colpito l'Africa dieci anni fa ma, secondo uno studio genetico condotto dalla Wageningen University & Research (WUR) e dall'Università di Utrecht, ora sembra avere una diffusione più vasta. Secondo il professore di patologia vegetale Gert Kema e i suoi colleghi, la malattia rappresenta una minaccia per la sicurezza alimentare dell'Africa.

La fusariosi si sta diffondendo in Mozambico, dove il ceppo dominante Tropical Race 4 (TR4) sta colpendo i coltivatori di banane. Negli ultimi dieci anni, la malattia dall'Asia si è diffusa anche al Sud America e all'Africa.

Il nuovo studio, condotto da Anouk van Westerhoven,  dottorando del prof. Kema, e dallo scienziato di bioinformatica e dati Michael Seidl dell'Università di Utrecht, mostra che il TR4 si è diffuso fino ad almeno 200 chilometri dal sito originale. La ricerca genetica mostra che i ceppi trovati in luoghi diversi sono strettamente correlati, il che significa che l'agente patogeno trovato in Mozambico ha un'unica origine.

Van Westerhoven afferma: "Dopotutto, quel primo focolaio non era controllato. La malattia continua a diffondersi, anche tra i piccoli agricoltori e le persone con piante di banano nei loro orti. Probabilmente non riconoscono la malattia e, di conseguenza, non sono in grado di curarla adeguatamente".

"La domanda non è se, ma piuttosto quando, la malattia si diffonderà ad altri Paesi africani", dice Van Westerhoven.

In Paesi come Tanzania, Malawi, Uganda e Ruanda, le banane sono un alimento base per milioni di persone. Spesso coltivano la banana Cavendish che viene venduta nei supermercati di tutto il mondo, ma anche le varietà di banane locali. Kema dice: "Non è noto se tutti i ceppi siano suscettibili o meno al TR4. Questa malattia minaccia quindi la sicurezza alimentare in quei Paesi".

Fonte: wur.nl


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto