HVAA Project dell'USAID

"Grazie ai nostri sforzi, ora abbiamo una buona esportazione di susine moldave in Germania"

Nel corso del nostro speciale sul settore ortofrutticolo moldavo, abbiamo già fornito un'introduzione generale sulle ragioni di questa serie di articoli, alcune informazioni di base e generali sul Paese e sull'agricoltura e abbiamo raccontato le storie di diverse aziende. Questo articolo si concentra, invece, su un programma del governo statunitense che negli ultimi sei anni ha sostenuto e aiutato a sviluppare la coltivazione e l'esportazione di frutta in Moldavia: il progetto "High Value Agriculture Activity in Moldova" (progetto HVAA).


Tatiana Burca mostra un bellissimo grappolo d'uva moldavo

Diana Vlasiuc lavora presso Chemonics in Moldavia. Questa società di consulenza americana è stata incaricata di realizzare tale progetto in campo. Diana ci parla degli obiettivi, del funzionamento concreto e dei risultati raggiunti da questa iniziativa interamente finanziata dall'USAID, una delle più importanti agenzie di sviluppo internazionale del mondo. È stata creata dal presidente J.F. Kennedy nel 1961 per, come si legge sul sito dell'agenzia, "condurre iniziative di sviluppo internazionale per salvare vite umane, ridurre la povertà, rafforzare la governance democratica e aiutare le popolazioni al di là degli aiuti diretti". Il progetto HVAA si concentra sullo sviluppo del settore agricolo moldavo, consentendogli di entrare nel mercato internazionale in modo competitivo.

Per la realizzazione di questo progetto, l'USAID ha scelto Chemonics, una società di consulenza fondata nel 1975 la cui missione è "promuovere cambiamenti significativi in tutto il mondo e aiutare le persone a condurre una vita più sana, produttiva e indipendente". I primi progetti su cui l'agenzia ha puntato, in collaborazione con l'USAID, sono stati in Africa, ma da allora ha allargato i suoi orizzonti a tutto il mondo. Negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno sostenuto professionalmente e finanziariamente anche il settore ortofrutticolo moldavo.

Raggiungere il suo grande potenziale
"Il futuro del settore agricolo e ortofrutticolo moldavo è promettente, ma per aumentare la competitività e raggiungere il suo pieno potenziale, il Paese ha bisogno di un sostegno sistemico", esordisce Diana. "Come suggerisce il nome del progetto, il nostro sostegno si concentra su attività agricole di alta qualità, colture che portano un alto rendimento netto. In particolare, sono coinvolti tre gruppi di prodotti: vino, miele e ortofrutta. L'obiettivo più ampio del progetto è creare un tenore di vita più elevato per i moldavi delle zone rurali".


Diana a colloquio con il consulente CBI Piet Schotel

"Per soddisfare le nuove richieste del mercato, forniamo consulenza e sostegno finanziario ai coltivatori e agli esportatori in settori quali quello delle pratiche di coltivazione e delle infrastrutture, della certificazione, dello stoccaggio, dell'imballaggio e della logistica. E analizziamo quali varietà di frutta sono adatte a quali mercati. Inoltre, abbiniamo in modo molto specifico i coltivatori con gli acquirenti di diversi Paesi. Io sono coinvolta come specialista del commercio e del marketing", spiega Diana.

Diversificazione varietale
Il primo punto focale del progetto è la diversificazione delle varietà. "La maggior parte dei frutteti è ancora orientata verso la Russia, fino a poco tempo fa il mercato più importante della Moldavia. Per quanto riguarda le mele, c'era e c'è ancora un eccesso di offerta di Idared e di altre vecchie cultivar. Queste non vanno bene in Europa e in Medio Oriente, i due mercati principali che vogliamo sfruttare gradualmente. La quota di mele esportate in Russia è scesa dal 95 a circa l'80% nella primavera successiva all'inizio della guerra. Con l'embargo, le esportazioni verso il mercato russo sono cessate del tutto. La sfida è ora quella di coltivare le varietà giuste per i nuovi mercati. A Dubai, per esempio, la Gala è molto apprezzata".

"Anche i frutteti di susine si stanno gradualmente rinnovando. Sul mercato tedesco, dove abbiamo avviato un piano di esportazione nel 2018, le Stanley sono molto richieste. Quelle provenienti dalla Moldavia hanno un grado Brix migliore rispetto ai frutti della Serbia o della Macedonia settentrionale. Inoltre, queste nazioni arrivano sul mercato da settembre a novembre e quando noi abbiamo grandi volumi di susine (a dicembre), c'è meno offerta dagli altri Paesi. A quel punto, il raccolto nell'Europa meridionale e centrale è terminato", continua Diana.


Grazie all'impegno di HVAA, grandi quantità di susine vengono esportate in Germania.

Il giusto servizio di certificazione e logistica
Il progetto HVAA non si limita a fornire consulenza, ma offre anche i mezzi finanziari per raggiungere un obiettivo concreto: rendere il settore frutticolo moldavo attraente e competitivo sul mercato internazionale. "E per questo, prima di tutto, servono le certificazioni adeguate. Il progetto incoraggia le aziende a implementare GlobalGAP e GRASP e si fa carico dei costi associati. Non ci sono ancora molte aziende di coltivazione moldave in grado di presentare queste certificazioni, necessarie per i mercati premium".

Negli ultimi cinque anni, grazie al sostegno finanziario di USAID, il progetto HVAA è riuscito ad aiutare molte aziende a migliorare le proprie infrastrutture, investendo in tecnologie innovative e buone pratiche. "Ad esempio, abbiamo facilitato l'implementazione di diverse sovvenzioni che hanno migliorato la selezione e il confezionamento della frutta (ad esempio flow-pack e bushel cargo). In passato, questo non è stato fatto per il mercato russo", dice Vlasiuc. "Chi vuole spedire le mele in Europa o in Medio Oriente può contare anche su un sostegno finanziario. Quest'anno ci siamo occupati dei costi logistici per le esportazioni in Europa, perché quando la Moldavia deve competere con le coltivazioni locali, i costi di trasporto, ovviamente, mettono il Paese in una posizione di svantaggio. Inoltre, abbiamo fornito 3.500 euro per ogni tratta per il trasporto in Medio Oriente".

Aprire i porti a nuovi mercati
Per migliorare le opportunità di esportazione, Chemonics si reca alle fiere con i coltivatori e gli esportatori moldavi e organizza missioni commerciali. "Nel 2018 abbiamo avviato un piano di esportazione delle susine Stanley verso il mercato tedesco. L'anno successivo, tre carichi sono stati consegnati a una grande cooperativa tedesca. Il prodotto è piaciuto e le quantità importate sono aumentate costantemente. La scorsa stagione sono partiti 60 camion per quel cliente. Ne siamo molto orgogliosi. L'anno scorso, inoltre, abbiamo assistito e sostenuto finanziariamente l'Associazione Moldova Fruct nell'organizzazione di una missione commerciale a Dubai", racconta Diana.

"Ne sono scaturiti alcuni contratti, per cui, per la prima volta, la Moldavia ha esportato prodotti in quell'emirato. Non siamo noi a stipulare i contratti, ma sviluppiamo piani di marketing per le principali società esportatrici, forniamo loro consulenza sui requisiti e le normative del mercato, forniamo sovvenzioni per sostenere attività di marketing innovative e la promozione della frutta su mercati non tradizionali". Da allora, navi con mele moldave sono partite per altri Paesi del Medio Oriente e per la Malesia. Solo due settimane fa, una grande azienda di Dubai ci ha fatto visita, pianificando l'importazione di oltre 40 container di mele Gala. Si tratta quindi di un chiaro progresso".

Secondo Diana, nonostante la Polonia e l'Ucraina puntino al Medio Oriente e all'Asia, la domanda di mele è più che sufficiente. "Inoltre, qui abbiamo una qualità eccellente. Per questo, in questo progetto, ci concentriamo molto sulle giuste tecniche di coltivazione e incoraggiamo i coltivatori a sperimentare frutteti moderni, come la pergola o il meleto intensivo. Penso addirittura che le nostre mele moldave abbiano un sapore migliore di quelle dei nostri concorrenti. Anche se, a dire il vero, questo non è del tutto merito nostro; dobbiamo essere particolarmente grati al clima favorevole e al terreno fertile che la Moldavia offre liberamente".

Due anni fa, il settore moldavo ha visto la sua occasione. Il gelo ha colpito l'Italia e la Spagna, causando danni ingenti alle albicocche, che hanno provocato una carenza sul mercato europeo. "Abbiamo colto l'opportunità con entrambe le mani. I clienti europei che hanno assaggiato i nostri prodotti li hanno apprezzati e siamo partiti. Ancora oggi riceviamo ordini per le nostre albicocche, anche quando le forniture dalla Spagna o dall'Italia sono sufficienti. Questa storia di successo mi dà la certezza che entro 5-10 anni saremo in grado di vendere una parte significativa delle nostre albicocche e di altri frutti sul mercato dell'Ue. Il sapore è la nostra carta vincente", spiega Diana.


Numerose linee di smistamento sono state collocate in tutta la Moldavia grazie a USAID

Tuttavia, c'è ancora molto da fare per realizzare questo sogno, poiché il settore frutticolo moldavo non è ancora in grado di fornire sempre i volumi richiesti. "Nel caso di mele e susine, molti frutteti devono ancora essere ripuliti e ripiantati con le varietà richieste dai clienti europei. L'eredità della nostra attenzione al mercato russo ha ancora molto peso. Per esempio, quest'anno abbiamo purtroppo dovuto rifiutare una richiesta di susine da parte di un grande importatore tedesco, semplicemente perché non potevamo soddisfare le quantità richieste dal loro programma".

Diana spera che la liberalizzazione commerciale temporanea dei sette prodotti ortofrutticoli moldavi non ancora completamente liberalizzati - pomodori, aglio, uva, mele, ciliegie, susine e succo d'uva - venga estesa oltre il termine di un anno. "Altrimenti, saremo di nuovo ostacolati da quote specifiche, ad esempio 20.000 tonnellate per le susine".

Moldova Fruct per continuare il lavoro
Il progetto HVAA termina quest'anno, quindi Chemonics ha lavorato a stretto contatto con Moldova Fruct per qualche tempo, formando anche parte del personale di questa associazione industriale, al fine di continuare a sostenere i coltivatori e gli esportatori e per garantire la sostenibilità. "Stiamo aiutando a professionalizzare ulteriormente l'organizzazione, in modo che i coltivatori possano rivolgersi a loro con assoluta fiducia, quando hanno bisogno di consigli o di aiuto. Il sostegno finanziario che offriamo ai coltivatori passa attraverso Moldova Fruct, il che dimostra che lo consideriamo un partner privilegiato. E che siamo sicuri che continuerà il nostro lavoro. Dopo tutto, conoscono meglio le esigenze dei loro membri e dei coltivatori. Ora siamo in attesa di un nuovo progetto che verrà annunciato a breve. Anche questo si concentrerà sui settori dell'agricoltura e dell'orticoltura, ma con un'enfasi diversa", conclude Diana.

Per maggiori informazioni:
www.chemonics.com

Diana Vlasiuc / Tatiana Burca 
Trade and Marketing Managers
Agricultura Performantă în Moldova
High Value Agriculture Activity Project (HVAA)
USAID Contractor
Email: dvlasiuc@moldovaagro.com / tburca@moldovaagro.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto