Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

"Meglio svendere e perdere adesso"

Susine e costosi stoccaggi in cella: si preferisce non allungare il calendario commerciale

"Solitamente fornisco le susine della varietà Angeleno fino al periodo natalizio, ma quest'anno la crisi socio-economica e geopolitica mi costringe a rivedere la programmazione e a rinunciare ad allungare il calendario commerciale. La motivazione è il caro bollette. Preferisco svendere adesso e chiudere la stagione 2022 prima che la stabilità finanziaria della mia azienda venga seriamente compromessa". A parlare è Antonio Gallicchio, intermediario ortofrutticolo della provincia di Matera.

L'aumento dei costi dell'energia elettrica, triplicati in meno di un anno, mette in serie difficoltà le imprese agricole, già provate dallo stallo commerciale che continua a segnare un ribasso nelle richieste di molti articoli. Chi conserva e confeziona frutta e verdura, è costretto a utilizzare le celle frigorifere per stoccare la merce ma, viste le attuali tariffe energetiche, spesso si preferisce far rimanere spenti gli impianti.

"È diventato proibitivo frigoconservare la frutta - riprende Gallicchio. La mia cella frigo è accesa giorno e notte, con un costo quotidiano di circa 200 euro. Le bollette energetiche che prima arrivavano intorno ai 3mila euro, ora sono lievitate fino a superare gli 8mila euro. Così le aziende non potranno mai rientrare nei costi". 

Il caro energia, sommato agli altri rincari, rischia di far chiudere molte imprese. "Del domani non c'è certezza - commenta l'imprenditore lucano - specie poi in questo triste periodo storico. Preferisco svendere e perdere così 0,10/15 €/kg adesso, anziché rimetterci cifre esorbitanti dopo, solo perché dovrò pagare le bollette energetiche". 

Pallet di susine Angeleno stoccate in cella

"Gli ordinativi si mantengano bassi, mentre credevamo che con l'arrivo di settembre l'andamento sarebbe migliorato. A oggi ho venduto solo il 20% delle susine raccolte, poiché la flessione della domanda è davvero significativa rispetto allo stesso periodo del 2021. Solo i frutti di ottima pezzatura sembrano viaggiare a una velocità normale".

"Lo scarso entusiasmo commerciale si nota già da diversi mesi, tanto che ho deciso di acquistare, rispetto alla precedente stagione, solo il 30% delle partite di susine che mi erano state proposte. È meglio non illudere gli agricoltori su quotazioni e possibili vendite".


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto