Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il parere Miriam Cutillas, della Uvasdoce

Previsioni sulla campagna di Capodanno per gli acini dei dodici rintocchi

Capodanno è alle porte e la tradizione spagnola vuole che le persone festeggino l'arrivo della mezzanotte mangiando, ai dodici rintocchi, dodici chicchi d'uva.

"Il mercato dell'uva da tavola è stato tranquillo a novembre e all'inizio di dicembre, ma nella settimana 50 abbiamo iniziato la campagna delle confezioni contenenti i dodici acini per festeggiare il Capodanno. Questo è un periodo in cui la domanda raggiunge il suo livello massimo, quindi abbiamo assunto 130 persone in più del solito, proprio come facciamo a settembre e ottobre, superando un numero di 600 lavoratori", ha detto Miriam Cutillas del dipartimento marketing e vendite della Uvasdoce.

"Quest'anno, le catene di hotel e ristoranti stanno ordinando in anticipo e le vendite iniziano ad aumentare. Tutto ci dice che questa campagna di Capodanno sarà decisamente migliore di quella dell'anno scorso, quando le vendite ai supermercati sono state buone, ma l'industria dell'ospitalità ha lavorato con una capacità molto ridotta. La pandemia non è ancora terminata e non sappiamo se quest'anno sarà buono come il 2019, ma sicuramente sarà molto meglio del 2020. La gente vuole uscire e divertirsi", ha sottolineato Cutillas.

Quest'anno ci sono state meno uve da tavola con semi, quindi prevediamo che ce ne saranno meno anche a Natale, ha aggiunto l'esperta. La domanda di uva senza semi continua ad aumentare. "Eravamo preoccupati per la stagione e, anche se i prezzi avrebbero potuto essere leggermente migliori e compensare l'aumento dei costi di produzione e movimentazione, le vendite sono rimaste alte e costanti. La fornitura spagnola di uva da tavola senza semi continua a crescere, ma anche il consumo. Gli operatori del settore non possono lamentarsi".

L'azienda di Alicante chiuderà l'anno con un volume di produzione in crescita di oltre il 30%. "Questo è l'incremento maggiore di sempre, per noi, dopo anni durante i quali siamo passati delle nostre varietà di uve con semi a quelle senza semi. L'anno prossimo speriamo di aumentare la nostra produzione dal 10 al 15% e di continuare pure negli anni successivi", ha affermato Miriam Cutillas.

Uvasdoce esporta il 50% della sua produzione durante i 12 mesi dell'anno, facendo affidamento sugli approvvigionamenti da altre origini. Tuttavia, quando il prodotto interno è di stagione, l'azienda destina una parte maggiore della sua produzione all'esportazione, che al mercato domestico. L'azienda continua ad espandere le sue spedizioni all'estero.

"I nostri principali mercati d’esportazione sono il Sudafrica, l'Irlanda e l'Inghilterra. Quest'anno in Francia siamo cresciuti, abbiamo effettuato con successo spedizioni di prova nei Paesi nordici, nonché spedizioni aeree in Asia e Medio Oriente; quindi l'anno prossimo potremo passare a questi Paesi. Ci hanno contattato anche dagli Stati Uniti e dal Canada. Man mano che la nostra produzione aumenta, saremo in grado di coprire più destinazioni", ha concluso Miriam Cutillas.

Per maggiori informazioni:

Uvasdoce
Tel.: +34 965 620 125
info@uvasdoce.com
www.uvasdoce.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto