Focus sul mercato mondiale dell'avocado

Sembra senza freni l'aumento di popolarità di cui l'avocado sta godendo a livello globale, con il consumo in Italia che dovrebbe addirittura raddoppiare. Alcuni paesi, tuttavia, hanno notato un eccesso di offerta, che a volte influisce sui prezzi, come è successo nei Paesi Bassi e in Australia, con quest'ultima che, a causa di ciò, ha addirittura venduto a prezzi sottocosto alcuni avocado. Nonostante questo, l'Australia ha intenzione di raddoppiare la sua produzione di avocado entro il 2026, e la Spagna si aspetta un raccolto maggiore del 20% quest'anno rispetto al 2020.

Paesi Bassi: un mercato dell'avocado molto difficile
Al momento nei Paesi Bassi il mercato dell'avocado è molto difficile, secondo quanto riporta un importatore olandese. Egli dà la colpa della situazione all'eccessiva offerta da Israele e dalla Colombia, combinata con le difficili vendite al dettaglio tradizionali di dicembre, dal momento che questo è il momento in cui si libera spazio per altri articoli. Si aggiunga il fatto che in gran parte d'Europa il settore alberghiero, della ristorazione e dei servizi alimentari è chiuso e molti importatori si trovano di fronte a uno stock pieno e a vendite difficili in combinazione con i prezzi bassi.

Germania: crescita per l'avocado tropicale e marocchino
L'avocado Hass è ancora di gran lunga la varietà più popolare sul mercato dell'Europa occidentale. La stagione spagnola inizierà presto, e la stagione marocchina è già iniziata nella vendita al dettaglio in Germania e in Austria. "Gli avocado marocchini stanno trovando sempre più la loro strada verso i consumatori europei, mentre fino a poco tempo fa venivano spediti principalmente sotto la bandiera spagnola", dice un importatore. Lo stesso vale per gli avocado tropicali, come il Semil, che sono particolarmente popolari nel segmento premium.

Sul mercato tedesco c'è ancora un potenziale di crescita per gli avocado. Sebbene il consumo sia in crescita, è stato un anno difficile. Il persistente problema della pandemia porta a una grande incertezza nel commercio esotico. Mentre le vendite si sono gradualmente stabilizzate dalla fine del 2020, viene confermato che il trasporto marittimo sta diventando sempre più costoso. Inoltre, c'è una tendenza verso un maggior numero di consegne di container che avvengono in ritardo a causa dei problemi nel trasporto marittimo globale.

Regno Unito: le vendite al dettaglio aumentano grazie alla fine del lockdown
Quest'estate il mercato inglese ha assistito a un aumento dei volumi di avocado dal Perù. Tale incremento è stato dovuto a una combinazione di nuove piantagioni che entrano in produzione e alla natura biennale degli alberi. 

"C'è stato un aumento di circa il 20% rispetto all'anno scorso - secondo un importatore britannico - Questo significa che abbiamo potuto estendere la nostra fornitura peruviana fino a novembre prima di passare alla fornitura cilena". 

Attualmente in Regno Unito ed Europa la fornitura proviene dal Marocco, dal Messico e c'è una forte fornitura dalla Colombia. Al momento la domanda è in calo in Europa, perché molti paesi europei sono sottoposti a restrizioni Covid più severe, con coprifuochi imposti, il che significa che la gente mangia meno fuori. 

Nel Regno Unito le vendite al dettaglio sono diminuite rispetto all'anno scorso, quando c'erano ancora alcune restrizioni dovute al lockdown e più persone acquistavano dai rivenditori. 

Le spedizioni non sono andate troppo male e gli importatori si stanno abituando ai ritardi, ma la situazione resta difficile in questo senso. La fornitura dal Sudafrica è stata nettamente migliore rispetto all'anno scorso e ciò ha significato meno problemi di qualità all'arrivo. 

"In Cile la situazione è un po' più complicata, poiché nel paese alcuni container sono stati lasciati sulla banchina e non tutte le navi si sono fermate al porto. Le spedizioni in generale sono state meno affidabili, anche se l'offerta non è scarsa".

Ci sarà un leggero rialzo verso Natale, ma la domanda di avocado rimane piuttosto stabile.

In Italia, il consumo di avocado è destinato a raddoppiare
In Italia l'avocado ha ampi spazi di crescita: i consumi pro-capite sono circa un terzo di quelli del Nord Europa o degli Stati Uniti.  I consumatori abituali di frutta esotica e avocado lo acquistano per lo più in Gdo (71%). Segue, molto distanziato, il fruttivendolo (18%). In pochi anni, in Italia il consumo è destinato a raddoppiare: attualmente è di circa 440 grammi pro-capite, contro una media di altri paesi Ue di 1,30 kg a testa. Tipicamente, il frutto più acquistato è la varietà Hass (92%; varietà verde 7%) confezionato (52%).

Ne ha parlato di recente un importante player del settore che ha da poco creato un'azienda agricola di 1000 ettari in Colombia per la sola coltivazione di avocado. Questo produttore distributore negli ultimi 12 mesi ha commercializzato in Italia circa 6000 tonnellate di avocado, ma le prospettive di crescita sono notevoli. Cinque anni fa, il consumo pro capite di avocado in Italia era di 250 grammi. Oggi si è arrivati a circa 440, con forti prospettive di crescita.

In Italia si è attestati su un'importazione pari a 25.000 tonnellate annue; solo nell'ultimo anno le vendite sono aumentate del 67,4%. Più in generale, la varietà Hass di avocado registrerà un tasso di crescita annuo composto (CAGR) del 4,8% durante il periodo 2020-2025, confermandosi la varietà più popolare al mondo.

Spagna: fino al 20% di aumento nella produzione di avocado rispetto all'anno scorso
A Malaga la stagione dell'avocado Hass spagnolo continua con volumi consistenti per quello che si prevede essere un raccolto maggiore rispetto alla scorsa stagione. La domanda, tuttavia, deve ancora decollare in un mercato dove convergono molte origini. Per questa campagna i volumi di avocado potrebbero aumentare di circa il 20% in Spagna, dal momento che i circa 4.000 nuovi ettari piantati negli ultimi tre o quattro anni nelle province di Cadice, Huelva e Valencia stanno entrando in produzione. Perciò la produzione spagnola di avocado potrebbe arrivare a circa 70.000 tonnellate. Quest'anno gli avocado hanno una qualità molto buona e soprattutto dimensioni medie, influenzate dalle condizioni di siccità.

Secondo un esportatore, fino ad ora la domanda è stata abbastanza irregolare da quando, qualche settimana fa, è cominciata la stagione. Da un lato, anche se ci sono rivenditori europei che hanno già iniziato con gli avocado spagnoli, altri preferiscono aspettare fino a gennaio, perché c'è ancora molta offerta da diverse origini, come la Colombia, il Messico - che sta estendendo sempre più le sue campagne - il Cile o il Marocco, che quest'anno ha aumentato la concorrenza. Inoltre, anche il Portogallo sta producendo di più. L'offerta sta crescendo e il consumo sembra essere più distribuito tra le origini.

D'altra parte, secondo l'esportatore, la nuova ondata di casi di coronavirus ha alterato i parametri di consumo nelle ultime due settimane, cosa che si riflette nelle vendite dopo l'inasprimento delle restrizioni in vari paesi. Di conseguenza, i prezzi sono inferiori di circa il 10-12% rispetto all'anno scorso, e si avvicinano alle medie di 4 anni fa. Anche se si tratta ancora di un prodotto con una buona redditività, il settore deve affrontare il fatto che i costi di produzione e manipolazione sono aumentati del 38% e tutto indica che continueranno ad aumentare. Gli esportatori sperano che nei prossimi giorni il consumo si stabilizzi e la domanda di avocado aumenti un po'.

Marocco: focus sul mercato olandese
In Marocco, la stagione dell'avocado è iniziata a novembre e si prevede una buona stagione. Il Marocco esporta 32.000 tonnellate di avocado e la metà è solo per la Spagna. La stagione marocchina è già iniziata offrendo la varietà Fuerte a partire da novembre. Entro metà dicembre sarà disponibile l'avocado Hass e gli esportatori cominceranno a rifornire i loro clienti nel Regno Unito. Le piantagioni sono giovani e presto saranno in piena produzione. L'Europa è molto importante per gli esportatori marocchini e quest'anno l'enfasi sarà sul mercato olandese, dato che tale paese importa 420.000 tonnellate di avocado.

Sudafrica: prezzi interni più competitivi delle esportazioni
Al momento gli avocado tardivi sudafricani del KwaZulu-Natal e del Capo Occidentale vengono venduti localmente, dove i prezzi sono più competitivi di quelli delle esportazioni. Per la stagione passata le esportazioni di avocado del Sudafrica sono state di 15.172.246 cartoni da 4 kg.

Gli ultimi avocado esportati sono stati spediti recentemente per via aerea, ma i prezzi del trasporto aereo sono diventati "spaventosi" (dice un commerciante di frutta subtropicale) dopo quest'ultima serie di chiusure di frontiera legate alla pandemia e rivolte all'Africa del sud.

Sul mercato interno il prezzo al chilogrammo è di R23 (1,44 euro) e la fornitura viene integrata da avocado importati da Spagna e Israele.

Nelle prime zone di produzione nel nord del paese il raccolto sembra buono. Inoltre i frutti stanno guadagnando in termini di dimensioni e mostrano una buona qualità. A Tzaneen, però, l'effetto della grandine si farà sentire sul raccolto di avocado della prossima stagione, ma in altre zone come Levubu e il Lowveld i coltivatori sono "cautamente ottimisti". Un coltivatore di avocado della zona più precoce, Levubu, all'estremo nord del Limpopo, la cui produzione di avocado inizia verso la fine di gennaio, dice che c'è molto entusiasmo per il prossimo raccolto, il clima è stato perfetto finora e si ritiene che il raccolto potrebbe essere superiore del 15% rispetto all'anno scorso.

Novembre è tradizionalmente il mese durante il quale c'è una significativa caduta di frutti nei frutteti di avocado, ma fino ad ora le regioni di coltivazione non hanno sperimentato le ondate di caldo e la concomitante caduta di frutti degli altri anni. La prima metà dell'estate è stata più fresca del solito. I produttori hanno dovuto stare all'erta con i loro programmi di irrorazione in mezzo a tutta questa pioggia.

La prima stima del raccolto seguirà probabilmente all'inizio di gennaio.

Cina: prezzi caotici sul mercato cinese dell'avocado
Attualmente gli avocado sul mercato cinese provengono principalmente da Cile, Nuova Zelanda, Messico. Sul mercato c'è una piccola quantità di avocado locali dello Yunnan. La qualità dei frutti offerti varia molto, e i prezzi sono relativamente caotici. Il prezzo della frutta a volte copre appena il costo di importazione.

I primi frutti cileni della nuova stagione sono arrivati al mercato all'ingrosso due settimane fa. La frutta che è arrivata proveniva da una fattoria nel nord del Cile. A causa della raccolta precoce, il contenuto di materia secca di questa partita di frutta non è molto alto, la consistenza non è molto cerosa e il contenuto di olio nel frutto non è alto. Inoltre, il forte mercato delle ciliegie ha un impatto sulle vendite di avocado. Infatti, molti consumatori cinesi acquistano ciliegie come regalo quando visitano parenti e amici soprattutto quando ci si avvicina alla stagione delle vacanze. Molti commercianti nel mercato hanno le ciliegie come loro attuale obiettivo e ciò ha indubbiamente causato un certo impatto sulle vendite di avocado.

Negli ultimi anni, l'area di piantagione di avocado nello Yunnan è diventata sempre più grande, ma poiché si tratta di piante giovani, la resa complessiva per ettaro non è molto alta, e la qualità non è ancora stata in grado di competere con gli avocado importati. In primo luogo a causa della differenza di varietà. La maggior parte delle varietà coltivate nello Yunnan non corrispondono alle varietà Hass popolari sul mercato, ma si tratta piuttosto di varietà come la Pinkerton. In secondo luogo, poiché lo Yunnan ha appena cominciato a piantare, il livello tecnologico di piantagione non è molto alto, e ci sono ancora alcune carenze in termini di qualità. Il mercato cinese si basa quindi principalmente sulle importazioni dalla Nuova Zelanda e dal Messico.

Il Messico è stato il primo paese a essere autorizzato ad esportare avocado in Cina. Ha una vasta gamma di zone di produzione e una grande produzione, e produce avocado durante tutto l'anno. I consumatori nazionali mostrano un alto grado di apprezzamento per gli avocado messicani. Tuttavia, rispetto ad altre zone di produzione, il clima nelle zone di produzione del Messico è relativamente umido, le bucce dei frutti prodotti non sono molto belle, e la polpa del frutto ha più umidità. Dopo il trasporto su lunghe distanze, la buccia può gonfiarsi, il che non è molto bello. La stagione messicana ha anche orari di spedizione instabili in questa stagione. Quando il mercato non ha scorte, la frutta messicana si vende bene e i prezzi sono alti. Il prezzo attuale dell'avocado in Messico è di 100 yuan al cartone da 5,5 kg (13,89 euro).

La stagione neozelandese si sovrappone a quella del Perù e alla stagione di produzione iniziale in Cile, ed è ormai prossima alla fine. In passato molti avocado neozelandesi sono stati distribuiti al mercato giapponese e sudcoreano. A causa del volume di produzione e delle prestazioni qualitative dello scorso anno, molti frutteti locali hanno iniziato a prestare attenzione al mercato cinese, sperando di aumentare le esportazioni verso la Cina. Rispetto alle aree di produzione del Cile, gli avocado neozelandesi hanno iniziato tardi in Cina, e la promozione del marchio è leggermente meno forte di quella di altre aree di produzione. Il volume complessivo delle importazioni è molto piccolo.

Nord America: gli Stati Uniti ora aprono al secondo stato messicano per l'esportazione di avocado
Uno spedizioniere di avocado dal Messico dice che la decisione di questa settimana di permettere l'esportazione negli Stati Uniti di avocado da un secondo stato messicano è una vera e propria svolta. Per quasi 25 anni al Messico è stato permesso di esportare avocado solo da uno stato del Messico occidentale, ovvero il Michoacán. Il secondo stato è Jalisco.

"L'apertura dello stato di Jalisco agli Stati Uniti potrebbe togliere questa zona di produzione ad altri due mercati che sono l'Europa e il Giappone", dice. Egli nota che il movimento mondiale dell'avocado è una sorta di danza delicata in cui diversi paesi in crescita si affidano ad una rete di mercati e questa decisione potrebbe influenzare altri mercati. "Ci sarà un aggiustamento a livello commerciale", dice.
Lo spedizioniere aggiunge che il Giappone, per esempio, dipende abbastanza nel complesso dal Messico per quanto riguarda gli avocado, ma soprattutto dallo stato di Jalisco e che la frutta dal Messico al Giappone impiega 15 giorni nel trasporto via mare. "Questo è un buon momento per far viaggiare gli avocado. Ma questa decisione per il Messico è un grande passo. Come industria abbiamo sempre lavorato affinché venisse presa questa decisione".

Questa decisione arriva in un momento in cui le forniture di avocado messicani sono complessivamente più scarse. "C'è sicuramente una carenza di avocado quest'anno", dice. Gli avocado sono un frutto a portamento alternato in cui gli anni abbondanti vengono compensati da uno meno abbondante. "Siamo al 70% rispetto al raccolto dell'anno scorso. C'è una differenza di circa il 30% tra l'anno scorso e il calo di quest'anno, quindi penso che ci rimarrà il 10-15% del nostro raccolto".

Mentre il Messico è di gran lunga la regione di spedizione predominante, alcuni frutti arrivano anche dalla Colombia. A livello nazionale, la California, che sta ancora determinando il volume di avocado per la prossima stagione 2021-22, si sta rendendo conto, a questo punto, che sta pianificando un raccolto di dimensioni normali. Questo segue una stagione in cui le proiezioni dell'inizio della primavera sono risultate abbastanza vicine ai numeri finali dell'avocado per la stagione californiana, con circa 119.748.000 kg - tale cifra include circa 3.175.000 di riporto dalla stagione 2020.

Nel frattempo la domanda di avocado è abbastanza stabile e si nota che con l'arrivo di gennaio, la domanda potrebbe rafforzarsi grazie alle risoluzioni per un'alimentazione più sana tipiche del periodo e la corsa verso il Superbowl. Inoltre, lo spedizioniere aggiunge che in generale il consumo di avocado continua a crescere ogni anno.

Tutto questo lascia a prezzi attuali abbastanza solidi. "I prezzi sono del 10-15% circa più alti dell'anno scorso", dice il trasportatore.

Australia: la produzione di avocado dovrebbe raddoppiare entro il 2026
Secondo i rapporti, quest'anno gli avocado australiani sono in abbondanza e di grande valore. Per diversi mesi il frutto è stato venduto al dettaglio per circa 1-2 dollari, a seconda del negozio e della posizione. "Il raccolto Hass di quest'anno è di qualità eccellente, e in questo periodo dell'anno gli avocado Hass australiani provengono dalle regioni di coltivazione dell'Australia occidentale e del Tristate", dice l'amministratore delegato di una grande azienda di avocado. Tuttavia, la grande offerta di avocado in questa stagione non è stata interamente una buona notizia, dal momento che alcuni coltivatori hanno riportato di avere dovuto vendere i frutti a prezzi sottocosto a causa dell'eccesso di offerta e dei prezzi così bassi.

La notizia arriva mentre un recente sondaggio di ricerca online ha rilevato che la maggior parte degli intervistati preferirebbe decisamente acquistare avocado coltivati in Australia, piuttosto che i frutti importati. Il 72% dei consumatori ha valutato l'acquisto di avocado coltivati in Australia come "molto importante" (34,11%) o "estremamente importante" (37,81%) per la propria famiglia - tuttavia, il 55% dei consumatori trova difficile identificare gli avocado australiani nei negozi. Le previsioni aggiornate a lungo termine suggeriscono che la produzione australiana di avocado dovrebbe continuare ad aumentare fino a circa 170.000 tonnellate entro il 2026, più del doppio del raccolto del 2020-21, quindi i coltivatori nazionali possono facilmente fornire avocado australiani ai negozi al dettaglio durante tutto l'anno.


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto