IL parere di Ekaterina Fefelova, della Easyfresh

Le attuali problematiche logistiche continueranno, anche se in misura minore

La logistica marittima globale sta affrontando svariate difficoltà. L'offerta di container refrigerati rimane carente. La corretta rotazione delle apparecchiature risente di una minore affidabilità del programma, a causa dei continui ritardi e dalle congestioni portuali. Ekaterina Fefelova, coordinatrice organizzativa presso la società di logistica globale Easyfresh, ci informa su quello che sta accadendo e su come la situazione potrebbe evolversi nelle prossime settimane.

"E' difficile dire quale sia il vero problema, nella logistica. Quando si tratta di merci deperibili, sappiamo che la catena del freddo è frammentata e le soluzioni door-to-door non sono sempre praticabili. Penso che gli operatori della catena del freddo siano in qualche modo "conservatori" e vogliano prendere il controllo di una parte della logistica. In molte occasioni questo funziona, in altre no. Pertanto, cerchiamo in modo proattivo delle alternative per ridurre al minimo i problemi dei nostri clienti, e consentire loro di concentrarsi sul prodotto. I retailer di generi alimentari vorrebbero individuare delle soluzioni logistiche globali door-to-door che possano essere messe in pratica quando inizia una stagione specifica. Successivamente, questi rivenditori vorrebbero implementare rapidamente e senza interruzioni un nuovo collegamento logistico per l’approvvigionamento da altre origini. Ad esempio, il passaggio dalla stagione dall'emisfero boreale a quella dell'emisfero australe, fra gli altri", dice Ekaterina Fefelova.

"Ci sono sempre più origini e sempre più destinazioni o punti di consumo, il che significa che la "matrice logistica" è più complessa e richiede competenze locali e globali. Supermercati e rivenditori di generi alimentari di tutto il mondo sono sempre più soddisfatti di lavorare con Easyfresh. Il nostro concept si adatta alla loro "equazione logistica" ".

Date le difficoltà nel reperire container refrigerati, Easyfresh, in qualità di 3PL (Terze Parti Logistiche) specializzata, è alla ricerca di alternative per i propri clienti. "Ad esempio, i porti dell’Adriatico invece di quelli del nord-ovest del continente (NWC) per un cliente con sede in Germania o in Europa centrale, e/o soluzioni combinate mare/rotaia/strada sulla breve distanza con la nostra flotta 45RF”, continua l'esperta.

"Se un container di ananas provenienti dal Costa Rica deve aspettare la nave feeder per la Norvegia o l'Irlanda alla banchina di Rotterdam o Anversa, facciamo il cross-docking e ‘liberiamo’ il container restituendolo alla compagnia di navigazione, svuotandolo nei nostri magazzini refrigerati nei Paesi Bassi e caricando la merce sulla nostra unità 45 RF. Quindi offriamo un'alternativa praticabile e più veloce al destinatario del carico. Allo stesso modo, i nostri colleghi di Easyfresh Iberia offrono soluzioni simili per il commercio di prodotti ortofrutticoli all'interno dell'Europa, principalmente da Spagna e Portogallo a Scandinavia e Irlanda, in quest'ultimo caso insieme ai colleghi della nostra consociata Easyfresh Ireland LTD".

D'altra parte, anche le merci si stanno spostando verso il trasporto aereo. "Lo vediamo sempre più spesso, motivo per cui abbiamo recentemente creato EasyAir, una nuova divisione sotto l'egida di Easyfresh. La riduzione del divario tra i costi del trasporto marittimo molto elevati e il trasporto aereo, comporta un trasferimento parziale di alcuni prodotti. Ci sono diverse limitazioni, come ad esempio i voli di linea a livello globale. Detto questo, in alcune aree stiamo notando un aumento delle merci aviotrasportate".

Secondo Ekaterina: "I colli di bottiglia nei processi di fornitura rimarranno a lungo, anche se probabilmente in misura minore, una volta passati gli effetti del 'Covid-rebound'. Stiamo investendo in strutture e soluzioni, come in un magazzino refrigerato a Moerdijk, nei Paesi Bassi, una struttura guidata da FrigoBreda, comproprietari di Easyfresh, che cambierà le regole del gioco. Inoltre, crediamo di dover investire nel talento. A tal fine, abbiamo sviluppato e continuiamo a sviluppare programmi con diverse Università internazionali e a implementare sessioni di formazione, stage, e altro ancora. C'è una chiara mancanza di competenze all'interno del mercato delle spedizioni refrigerate e della logistica e, di conseguenza, bisogna intervenire".

"D'altra parte, aggiungo che in generale stiamo assistendo a un aumento dei volumi spediti, non solo di frutta e verdura, ma di altri carichi refrigerati, come i frutti di mare e altri, dove siamo coinvolti anche noi. Ad esempio, i nostri colleghi di Easyfresh Cile e altri colleghi sudamericani (Ecuador, Brasile, ecc.) o asiatici, stanno registrando eccellenti sviluppi in queste altre aree. In altre parole, possiamo fornire assistenza specializzata in tutto il mondo, in 220 Paesi e territori, con l’affidabilità del marchio registrato Easyfresh”.

Per maggiori informazioni:
Ekaterina Fefelova
Easyfresh 
Easyfresh Network Coordinator
T: +34 963 218 021
M: +34 678 215 601
ef.ho@easyfresh-logistics.com        
www.easyfresh-logistics.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto