Ronald van Vossen, di Angus Soft Fruits Europe

Interesse dei retailer per i piccoli frutti olandesi coltivati in serra illuminata

Alla fine di un ottimo anno per i frutti di bosco, facciamo il punto con Ronald van Vossen della società Angus Soft Fruits Europe. Il quadro del mercato è stato caratterizzato da prezzi molto volatili, durante l'anno. Ci sono stati alti picchi e profonde depressioni, per le fragole. Poi c'è stata l'offerta di lamponi mediterranei e more messicane. E una fine d'anno interessante per i mirtilli d'oltremare.

"Per quanto riguarda le fragole, stiamo passando da quelle olandesi coltivate in serra alle importazioni dal Marocco e dall'Egitto. I prezzi delle fragole di serra olandesi sono alti, tra 7 e 8 euro al kg. Anche le fragole d'importazione sono partite con prezzi alti, su un livello di 6-7 euro al kg. Al momento la domanda non è eccessivamente elevata, ma si tratta di una cosa comune, nella settimana prima della festa di San Nicola. Di solito, i prezzi flettono brevemente, in questo periodo, per poi rimbalzare nei giorni che precedono il Natale", spiega Ronald.

"In Marocco e in Egitto, le piantagioni sembrano procedere bene. Abbiamo di nuovo preso accordi con i supermercati europei. Uno sviluppo positivo è che i dettaglianti sembrano essere disposti a pagare un po' di più in inverno e in primavera. Così i coltivatori ottengono prezzi decenti per i loro prodotti e possono evitare la paralisi dovuta all'aumento dei costi, compresi i prezzi del gas".

Il nuovo imballaggio è ancora in fase di sviluppo

"La stagione dei lamponi nelle nostre aziende agricole portoghesi sta per terminare. Abbiamo iniziato già da qualche settimana con le consegne dirette dal Marocco al Regno Unito. E ora abbiamo cominciato anche altrove, in Europa. Le vendite stanno procedendo bene. Non c'è un'enorme offerta o domanda, al momento. Quindi il mercato è ben equilibrato. I prezzi variano all'incirca da 8,50 a 9 euro al kg. Le forniture dovrebbero aumentare di nuovo nelle prossime settimane. Speriamo che lo faccia anche la domanda", dice Ronald.

Tra le vendite di bacche, quelle di more sono attualmente le più difficili. Questo secondo il direttore di Angus Soft Fruits Europe. "Normalmente, al momento la maggior parte di queste provengono dal Messico. Tuttavia, tali volumi arrivano in gran parte su voli passeggeri commerciali. E non ce ne sono nemmeno la metà di quelli che c'erano una volta".

"Ciò si traduce in more estremamente costose, con prezzi quasi impossibili da raggiungere, tra i 12 e i 16 dollari al kg. Gli Stati Uniti e l'Asia sono pronti ad approfittare di questa situazione. Quindi, la disponibilità rimane limitata, per ora", spiega Ronald.

"Per quanto riguarda i mirtilli, il Perù ha superato il suo picco di produzione. I prezzi si stanno lentamente riprendendo. Le bacche cilene di solito arrivano nella settimana 50-51. Tuttavia, come è accaduto l'anno scorso, è probabile che i ritardi intralcino questo processo. I prezzi di mercato stanno già salendo a 5-6 euro al kg per la frutta non confezionata. Questa tendenza continuerà".

"Da gennaio in poi, la domanda e l'offerta diminuiranno di nuovo. Allora torneremo a prezzi più realistici. Non credo che la richiesta di ribes rosso sia così alta come negli altri anni. I prezzi sono tra i 6 e i 6,50 euro al kg. La Germania e l'Italia sono i nostri maggiori mercati, per il ribes rosso. Tradizionalmente, la domanda aumenta un po' a gennaio e febbraio", conclude Ronald.

Per maggiori informazioni:
Ronald van Vossen
Angus Soft Fruits
150 Handelsweg
2988 DC, Ridderkerk, NL
Tel:  +31 (0) 180 760 402
Cell:  +31 (0) 621 849 525
Email: ronald.vanvossen@angussoftfruits.com  
Web: www.angussoftfruits.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto