Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il mutamento climatico cambia volto alla coltivazione del clementine: la costituzione varietale Perrina può essere una soluzione

Si chiama Perrina ed è una varietà di clementine il cui costitutore è l'agronomo calabrese Francesco Perri, citrus scientist specialist. La diffusione commerciale della varietà, la cui proprietà intellettuale rimane in capo al costitutore, sarà gestita in via esclusiva dalla OP Armonia, mentre per la produzione delle piantine l'unico vivaio autorizzato alla moltiplicazione del materiale vegetale è Vivai Milone di Lamezia Terme (provincia di Catanzaro).

Da sinistra: Giuseppe Russo e Marco Caruso, ricercatori CREA-OFA di Acireale, Francesco Perri e Marco Eleuteri, presidente di OP Armonia.

Francesco Perri: "Si tratta di una selezione clonale, ottenuta da una mutazione gemmaria derivante dal Clementine Comune, il cui comportamento agronomico, produttivo e qualitativo è stato osservato in campi di diversi territori agrumicoli, per oltre dieci anni. Nel 2018, è stato completato il processo di risanamento dai ricercatori del CREA-OFA di Acireale (avvenuto all'interno del programma di ricerca denominato "Programma di miglioramento genetico e risanamento di clementine e mandarino simili" avviato nel 2017, a seguito della Convenzione stipulata tra il CREA-OFA di Acireale e OP Armonia, con quest'ultima che lo finanzia integralmente)".

Sopra e sotto: clementine Perrina e clementine comune a confronto nello stesso ambiente di coltivazione al 3 novembre 2021

Già iscritta nel Registro Nazionale delle varietà delle piante da frutto e dei portinnesti come Clementine Sanzo, è in itinere di brevetto europeo presso il CPVO (Community Plant Variety Office), con il nome di Clementine Perrina, dal cognome del costitutore. (Domanda di privativa comunitaria per ritrovati vegetali N° 2020/1687). 

In questo mutato ambiente climatico, la varietà di clementine "Comune", ancora largamente la più diffusa in Italia, mostra criticità qualitative crescenti, con un progressivo accorciamento del calendario e quindi una durata commerciale ridottasi notevolmente nel corso dell'ultimo decennio (lo stesso sta accadendo in Spagna con la varietà Clemenules). 

Sopra e sotto: clementine Perrina e clementine comune a confronto nello stesso ambiente di coltivazione al 25 novembre 2021

E' in questo nuovo scenario produttivo che la Perrina sembra avere tutte le carte in regola per affermarsi sul mercato con successo. 
Ecco spiegato il perché:

1) Inizia a maturare (a seconda degli ambienti di coltivazione e dei portinnesti utilizzati) dalla seconda metà di dicembre fino a tutto gennaio e presenta un calibro medio decisamente superiore a quello della varietà comune, con una prevalenza di frutti del cal. 2/3;

2) è molto simile per gusto alla varietà comune, quindi permette di garantire al consumatore forniture di clementine "tradizionali", di alta qualità, fino alla fine di gennaio;

3) inoltre, si inserisce perfettamente come epoca di raccolta tra la varietà di clementine comune e le nuove varietà di mandarini tardivi come Tango, Nadorcott e Orri, che maturano successivamente; 

4) è nettamente superiore sia per gusto, che per caratteristiche agronomiche rispetto alla varietà Hernandina (fortemente alternante nella produzione e sensibilissima alla grave fitopatia chiamata marciume della corteccia dei rami), che presenta un calendario di maturazione simile. 

Clementine Perrina a maturazione ottimale - 16 gennaio 2021

Marco Eleuteri: "La Perrina sarà una varietà importante, per la clementinicoltura italiana, sempre più messa in difficoltà da un clima che sta cambiando velocemente, e che impone a tutti gli operatori di settore un rapido adeguamento varietale della produzione, soprattutto in risposta al mutato comportamento agronomico di quelle tipologie che stanno mostrando maggiori segni di obsolescenza, come appunto per il clementine comune, ancora oggi la varietà più largamente coltivata in Italia".

Clementine Perrina a maturazione ottimale - 16 gennaio 2021

Notiamo, ormai da diversi anni, un progressivo peggioramento della performance "agronomica" della varietà comune, dovuta essenzialmente a una minor durata della vita utile della frutta (che si deteriora sempre più in fretta), e quindi a una conseguente riduzione del calendario di commercializzazione della stessa. E' sempre più drammaticamente evidente che, dalla seconda metà di dicembre, si hanno crescenti difficoltà a disporre di clementine comuni con qualità elevata.

Gli autunni sempre più miti e le estati sempre più siccitose (con l'aumento della temperatura media annuale), cui seguono precipitazioni sempre più violente, quando non grandinigene, hanno stravolto le condizioni climatiche degli areali produttivi tradizionali, imponendo una risposta urgente da parte del sistema produttivo. Poiché non solo le condizioni sono cambiate, ma continuano a cambiare, considerando i lunghi tempi dell'agricoltura, o si risponde subito, adottando soluzioni immediate e repentine in termini di rinnovamento della gamma varietale, o molti operatori rischiano seriamente di ritrovarsi sul mercato con una offerta inadeguata, e con tutti i rischi che ciò comporta.

Clementine Perrina a maturazione ottimale - 16 gennaio 2021

Se il livello qualitativo del clementine percepito dal consumatore come "tradizionale", con la varietà comune, inizia a ridursi (sempre più) velocemente da metà dicembre (non favorendo certo i consumi), con la Perrina sarà possibile garantire all'acquirente un prodotto "tradizionale" di ottima qualità, sia per aspetto che per gusto, almeno fino a fine gennaio, con effetti sicuramente molto positivi nei consumi, favorendo anche un buon avvio commerciale della campagna dei mandarini più tardivi di ultima generazione (Tango, Nadorcott e Orri) a partire da febbraio.

La strategia commerciale di diffusione della varietà in Europa sarà presentata a Berlino nel corso di Fruit Logistica 2022, dove ci sarà un piccolo spazio informativo dedicato esclusivamente alla Perrina, all'interno dello stand di OP Armonia.

"In ogni caso, possiamo anticipare che in Italia intendiamo raggiungere accordi solo con Organizzazioni di Produttori, per un numero limitato di lotti (comunque ogni lotto, con una superficie non inferiore a 50 ettari), e per una superficie massima coltivabile predeterminata per ogni Paese. Direi che il nostro primo interesse - conclude Marco Eleuteri, presidente di OP Armonia - è creare un sistema produttivo che permetta di garantire una certa esclusività commerciale a tutte le strutture con cui raggiungeremo un accordo di coltivazione, favorendo la giusta valorizzazione di un prodotto che, in quel periodo della campagna, siamo sicuri non abbia rivali a livello qualitativo".

Contatti:
Dott. agronomo Francesco Perri
Cell.: (+39) 338 4164800
Email: f.scoperri@libero.it

Marco Eleuteri - Presidente
Email: marco.eleuteri@aoparmonia.it
OP Armonia
Via Strada Privata Frigotirrena, 1
84091 Battipaglia (SA)
Tel.: (+39) 0828 316273
Cell: (+39) 345 6244142
info@aoparmonia.it
https://www.oparmonia.it/


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto