Francisco Caballero, presidente di Nueces de España

"Alcune nuove piantagioni di noci in Spagna superano i 500 ettari"

Negli ultimi anni, la coltivazione della noce ha avuto una notevole espansione in Spagna. Mentre, secondo i dati del Ministero dell'agricoltura, pesca e alimentazione, la superficie censita nel 2005 era di circa 7.700 ettari, nel 2020 è stata stimata in circa 14.000. Questa tendenza in crescita prosegue ancora oggi, riferisce Francisco Caballero, presidente della Nueces de España. Questa associazione, fondata nel 2017, è un importante riferimento per il settore, promuovendo la particolare qualità delle noci spagnole e supportandone la produzione e la commercializzazione, sia sul mercato nazionale che su quello internazionale.

"Negli ultimi anni, c'è stata una notevole espansione della superficie dedicata al noce in Spagna, con nuovi impianti che, in alcuni casi, superano i 500 ettari. In 4-5 anni, quando tali coltivazioni raggiungeranno la maturità produttiva, la produzione spagnola registrerà un deciso aumento".

"Considerato che le nuove piantagioni entreranno nel loro periodo produttivo, il Comitato del settore noci e pecan della Fepex (Federazione spagnola dei produttori ed esportatori di frutta, verdura, fiori e piante) ha previsto un aumento del 30% della produzione spagnola di noci rispetto allo scorso anno, un’annata particolarmente critica per le condizioni meteo avverse. La previsione finora è stata rispettata e, in generale, c'è molto ottimismo sui quantitativi ma anche una grande incertezza sul mercato. Gli abbondanti volumi non sono stati ancora commercializzati, a causa dei problemi legati al Covid e alle difficoltà nelle spedizioni delle materie prime. Siamo in una situazione di stallo", dice Francisco.

Le noci sono un prodotto molto salutare e ampiamente consumato in tutto il mondo, soprattutto nei Paesi asiatici, dove costituiscono parte integrante della loro gastronomia. Ma anche in Europa il consumo è piuttosto alto, in quanto la noce è considerata un superfood. Le noci sono ricche di omega-3, vitamine B e C, acido folico e minerali come magnesio, fosforo e calcio. Aiutano a ridurre il colesterolo, prevenire malattie del sistema circolatorio, morbo di Alzheimer, depressione o sclerosi multipla, e le loro proprietà antiossidanti ritardano l'invecchiamento della pelle.

"Per quanto riguarda le esportazioni, le noci provenienti da Paesi produttori consolidati, come il Nord America o il Cile, sono concorrenziali con quelle spagnole nei prezzi, poiché non possiamo eguagliare i loro costi di produzione, soprattutto ora che sono aumentati. Tuttavia, le noci spagnole sono una garanzia di salubrità e tracciabilità, oltre ad avere una qualità superiore rispetto ad altre origini, che sono più propriamente commerciali", dice Francisco. "La coltivazione delle noci è altamente tecnica, poiché richiede condizioni climatiche molto particolari e una determinata qualità del suolo e dell'acqua. In Spagna vengono coltivate nelle condizioni più naturali possibili, praticamente come se fossero un prodotto biologico, quindi hanno un residuo di prodotti fitosanitari molto più basso rispetto alle noci di altri Paesi".

Far conoscere i fattori di differenziazione delle noci spagnole e promuoverne il consumo sono gli obiettivi della Nueces de España. Sin dalla sua costituzione, l’associazione lavora per raggiungere criteri uniformi di qualità e tracciabilità delle noci spagnole, identificabili attraverso un marchio di qualità. La consapevolezza nel consumo di noci di origine spagnola sta crescendo in Spagna, dove, come sottolinea anche il presidente del Comitato noci e pecan della Fepex, questa coltura rappresenta un'alternativa molto interessante.

"Oltre alla redditività del raccolto, le noci hanno un ulteriore vantaggio: una capacità di conservazione superiore a qualsiasi altro prodotto fresco. Possono rimanere in perfette condizioni per circa un anno, se conservate correttamente, e questo ne facilita la vendita e la ricerca di nicchie di mercato", dice Francisco Caballero. "Inoltre, i noci hanno un periodo produttivo compreso tra i 40 e i 50 anni, e la domanda e il consumo seguono una tendenza in crescita. Inoltre, a differenza di altri frutti a guscio come le mandorle, le noci non sono ancora state sfruttate a livello industriale".

Per maggiori informazioni:
Francisco Caballero
Nueces de España
Tel.: +34 607 663 662
info@nuecesdeespana.com
www.nuecesdeespana.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto