Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Coen Swager, di TB&S

I cavoli bianchi e viola si vendono bene, al momento

Violetti è un cavolo viola a punta. La ditta olandese TB&S ha introdotto qualche anno fa questo nuovo concept nel reparto verdure dei negozi. Tuttavia, portare questo nuovo ortaggio nei negozi è ancora piuttosto impegnativo. Così dice il direttore generale Coen Swager. "Attualmente, le vendite sono dirette principalmente ai grossisti e ai dettaglianti. E si tratta ancora per lo più di pallet. Negli ultimi anni, i dettaglianti si sono concentrati principalmente sui prodotti più venduti. Tuttavia, le cose stanno lentamente cambiando e i dettaglianti vogliono distinguersi offrendo verdure diverse".


Coen Swager

"Perciò, rimango ottimista sulle possibilità del cavolo Violetti sul mercato. I supermercati ci conoscono. Devono solo decidersi a riservare lo spazio sugli scaffali a questo prodotto".

TB&S coltiva la varietà Violetti nei Paesi Bassi. L'azienda gestisce circa 12 ettari per la conservazione prolungata e 7 per il mercato del fresco. Secondo Coen, le rese di quest'anno sono state abbastanza buone. "Il primo raccolto di luglio ha avuto una resa particolarmente buona. I raccolti successivi sono stati di qualità più scadente e meno cospicui. Ciò è stato dovuto al clima secco e poi umido".

TB&S coltiva nei Paesi Bassi anche cavoli bianchi a punta, viola e bianchi. L'azienda coltiva anche varietà di lattuga più piccole in campo aperto, come la Little Gem, la Romana e il cavolo cinese. "La stagione dei cavoli bianchi e viola è andata bene. Non li coltiviamo per la conservazione. Quindi sono già stati venduti tutti".

"Raccogliamo dalla terza settimana di giugno sino alla fine di settembre - spiega Coen - Questa stagione c'è stata una buona domanda, specialmente per il cavolo viola. A richiedere molto cavolo olandese è stato soprattutto Israele. Questo perché, per motivi religiosi, ogni sette anni fanno riposare la loro terra".

TB&S non coltiva solo nei Paesi Bassi. La società ha anche un'area considerevole ad Alpiarca, in Portogallo. Lì coltiva zucche butternut, cavoli a punta e verze. "Sta andando bene. Coltiviamo cavoli a punta e zucche biologiche in Portogallo già da diversi anni. Attualmente, abbiamo iniziato a farlo nei Paesi Bassi in via sperimentale. Ci vogliono alcuni anni per padroneggiare l'agricoltura biologica. Ma c'è molta richiesta. E vediamo molte opportunità per espandere ulteriormente la coltivazione bio", conclude Coen.

Per maggiori informazioni:
TB&S
1 Vronermeerweg
Tel: +31 (0) 653 498 460
Email: info@spitskool.com  
Web1: www.spitskool.com 
Web2: www.violetti.nl


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto