Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Buone notizie per gli uomini

Una nuova ricerca suggerisce che mangiare prugne può migliorare la salute delle ossa

Una promettente nuova ricerca, avviata grazie a uno studio unico nel suo genere, fornisce agli uomini un'opzione semplice e basata sull’alimentazione, per migliorare la salute delle ossa.

Spesso conosciuta come la "malattia silenziosa" e tradizionalmente associata alle donne, l'osteoporosi può colpire anche gli uomini. Tuttavia, un nuovo studio pubblicato sul Journal of Medicinal Food, ha mostrato gli effetti positivi che il consumo di prugne ha sui marcatori della salute delle ossa negli uomini. Buone notizie per i due milioni di uomini americani che si stima soffrano già di osteoporosi, e per gli altri 12 milioni che sono a rischio.

"Dopo così tanti anni di studio sull'effetto positivo delle prugne sulla salute delle ossa nelle donne, siamo molto felici di vedere che le susine possono svolgere un ruolo benefico anche sulla salute delle ossa degli uomini", afferma Shirin Hooshmand, PhD, RD, professore di nutrizione dell’Università statale di San Diego. "Non vediamo l'ora di continuare a studiare il ruolo delle susine sulla salute delle ossa negli uomini, per comprendere ulteriormente i meccanismi in gioco".

I ricercatori hanno diviso sessantasei uomini in due gruppi di trattamento: a una metà degli uomini è stato chiesto di mangiare 10-12 (100 grammi) di prugne al giorno per un periodo di un anno, l'altra metà degli uomini non le ha mangiate. Alla fine dello studio, durato un anno, i ricercatori hanno visto che gli uomini che mangiavano prugne avevano sviluppato una maggiore protezione delle ossa, rispetto a quelli che non ne avevano mangiate.

Questo è il primo studio clinico che valuta l'effetto delle prugne sulla salute delle ossa negli uomini. Precedenti studi clinici hanno scoperto che questi frutti possono essere utili per la salute delle ossa nelle donne. Uno studio pubblicato su Osteoporosis International ha scoperto che mangiare solo 5-6 (50 grammi) di prugne al giorno può aiutare a prevenire l’osteoporosi nelle donne in post-menopausa.

Uno studio precedente, pubblicato sul British Journal of Nutrition, aveva scoperto che il consumo di 10-12 (100 grammi) di prugne al giorno per un anno era associato a un aumento della densità minerale ossea e a migliori indicatori del turnover osseo nelle donne in post-menopausa. Le prugne contengono vitamine e minerali tra cui fibre, vitamina K, magnesio, potassio, boro, rame e polifenoli che, insieme, proteggerebbero le ossa.

"Mangiare prugne è un modo piacevole per aiutare a migliorare la salute delle ossa", dice Stephanie Harralson, direttore marketing, Nord America, presso Sunsweet Growers Inc. "Gli uomini di età superiore ai 50 anni hanno in realtà maggiori probabilità di rompersi un osso a causa dell'osteoporosi, che di ammalarsi di cancro alla prostata. Questa nuova ricerca offre agli uomini un modo semplice per agire e migliorare la salute delle ossa".

Per maggiori informazioni: sunsweet.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto