Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Rimangono alcune preoccupazioni per il futuro

Sentiment positivo per la prossima stagione olandese dei cavoli

"L'umore è buono, come anche i prezzi". E' così che Kees Stoop di RoDeKo descrive il sentiment degli operatori, in relazione al raccolto di cavoli rossi e bianchi di quest'anno nei Paesi Bassi. RoDeKo è l'associazione dei coltivatori di cavoli rossi e bianchi.

"Le forti piogge durate due due giorni a metà giugno ci hanno colpito duramente. E per un po' abbiamo pensato di aver perduto metà della produzione. Fortunatamente, la situazione non è stata così grave e abbiamo potuto raccogliere cavoli di buona qualità. Siamo soddisfatti. Naturalmente non per il raccolto, ma anche per i prezzi. Non stiamo vendendo grandi volumi, ma le quotazioni sono buone". 

Anche con i suoi anni di esperienza, Kees non osa offrire garanzie. "Le prospettive sono positive. Ma se c'è una cosa che so, della stagione dei cavoli, è che quasi niente è altrettanto imprevedibile. Non si sa mai esattamente cosa arriverà dall'estero. Una primavera fredda e tardiva potrebbe influenzare il commercio. Il mercato è semplicemente troppo imperscrutabile. Cosa sta succedendo in paesi come la Russia o la Polonia?"

L'operatore preferisce comunque rimanere positivo, perché: ''Meglio un ottimista che si sbaglia, che un pessimista che ha ragione''.

Kees continua a considerare una tendenza importante per le coltivazioni di cavolo l'introduzione dell'affettatrice, avvenuta l'anno scorso, ma la situazione non si è evoluta come aveva sperato. "Quest'anno si è dovuto provare nella pratica e, nonostante la carenza di personale, ci sono stati problemi di avviamento. La manodopera sta diventando un problema sempre più grande ogni anno. Molti coltivatori se ne lamentano. Al giorno d'oggi, le persone arrivano al lavoro la mattina e, nel pomeriggio, decidono che non fa per loro".

"Una volta potevamo rivolgerci ai polacchi. I rumeni, che ora hanno sostituito questi lavoratori, decidono rapidamente di passare a fare altro. Quindi abbiamo davvero bisogno di automatizzare i processi. Tuttavia, al momento ci sono ancora molti problemi iniziali e di altro tipo che ostacolano questo progresso. La necessità non è ancora sufficientemente grande. Né il macchinario è ancora sufficientemente adeguato. Quindi, per ora, c'è un freno su entrambi i fronti".

Il futuro non è tutto roseo, dal momento che Stoop è preoccupato per la diminuzione della gamma di agenti di protezione delle colture. Le sostanze vengono proibite e non ci sono alternative. L'approvazione degli agenti ecologici richiede troppo tempo, e non funzionano bene come quelli chimici. Anzi, molto peggio".

"E non c'è ancora un'alternativa per contrastare le fitopatie e i parassiti nella coltivazione dei cavoli. I produttori saranno in ansia per i prossimi cinque anni, perché si vuole portare sul mercato un prodotto di alta qualità. Anche i clienti lo richiedono. E senza un buon pacchetto di risorse fitosanitarie, questo diventerà molto più difficile. Devo ancora trovare il primo cliente che accetterebbe un cavolo infestato dai pidocchi!", conclude ironicamente Kees.

Per maggiori informazioni:
Kees Stoop
RoDeKo
18 Schaapskuilsweg
1738 DS, Waarland, NL
Tel: +31 (0) 622 446 730
Email: keesstoop@hetnet.nl


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto