Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

I limoni turchi fanno scattare 10 allarmi sanitari nell'Ue in soli 2 mesi

Il sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi (RASFF) ha rigettato e vietato l'ingresso e la commercializzazione di 10 lotti di limoni turchi nell'Unione europea, in soli due mesi di campagna (settembre e ottobre).

I limoni turchi sono stati respinti dopo che le autorità hanno rilevato residui di clorpirifos, procloraz e metilclorpirifos, in concentrazioni che superavano fino a 75 volte i LMR (limiti massimi di residui consentiti) stabiliti dalla normativa comunitaria. Le segnalazioni sono state fatte dai servizi ispettivi ufficiali di Romania (5), Slovenia (3), Germania (1) ed Estonia (1).

L'elevato numero di allerte sanitarie segnalate dal RASFF all'inizio della stagione rappresenta un record senza precedenti e conferma le carenze del sistema di controllo ufficiale turco sulla commercializzazione e l'uso di prodotti fitosanitari. Questi dati forniscono senza dubbio informazioni chiave per le catene di distribuzione e i consumatori europei, evidenziando i problemi dei limoni turchi nel soddisfare gli standard di sicurezza alimentare dell'Ue.


Respingimenti di limoni turchi a settembre e ottobre 2021.

La valutazione dell'associazione spagnola Ailimpo
Ailimpo, l'organizzazione interprofessionale spagnola del limone e del pompelmo, ha espresso la sua preoccupazione e sottolineato che "i 10 allarmi confermano l'esistenza di gravi problemi di gestione del settore limonicolo in Turchia, che ha dimostrato di non essere in grado di offrire ai clienti europei garanzie in termini di sicurezza alimentare".

"I clienti europei dovranno tener presente questa situazione nei loro programmi di fornitura di limoni dalla Turchia delle prossime settimane", ha aggiunto Ailimpo.

Per maggiori informazioni:

Ailimpo
C/ Villaleal, 3
30001 Murcia (España)
Tel.: +34 968 216 619
informacion@ailimpo.com
www.ailimpo.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto