Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Alfons Royo, direttore della Royo Fruits

"Le nostre clementine saranno riservate ai nostri clienti più fedeli"

La stagione degli agrumi spagnoli di quest'anno sta avendo un avvio fiacco per le vendite, a causa dell'abbondante fornitura di frutta d'oltreoceano sui mercati europei. La situazione potrebbe subire una grossa svolta da novembre in poi, a causa del previsto gap nella produzione di Clemenules. Nello stesso periodo, comincerà a farsi notare anche la presenza delle prime arance spagnole.

"Al momento, stiamo lavorando con i volumi abituali di clementine Oronules, così come con altre varietà precoci", afferma Alfons Royo, direttore dell’azienda di coltivazione e commercio di agrumi Royo Fruits, con sede ad Alcanar, nel sud di Tarragona.

"La verità è che, per il momento, il mercato è tranquillo. Le catene di supermercati europee non hanno fretta di iniziare", afferma l'esportatore. Quest'anno ci sono state diverse difficoltà logistiche che hanno ritardato l'arrivo in Europa dei prodotti ortofrutticoli sudafricani, oltre alle problematiche sociali esistenti in Sudafrica. "Quest'anno c'è stata una sovrapposizione, con l'inizio della nostra stagione, di due settimane in più del solito. Ma, oltre alle circostanze di quest'anno, il Sudafrica sembra estendere sempre più la sua campagna tardiva di mandarini, con varietà come Orri e Murcott, grazie alla loro buona conservabilità. Tuttavia, sembra che i mercati d'oltreoceano si stiano svuotando".

La situazione potrebbe cambiare parecchio da novembre in poi, poiché la produzione nazionale delle Clemenules, la varietà più coltivata in Spagna e quella che rappresenta la maggior parte dei volumi da novembre a fine dicembre, quest'anno diminuirà drasticamente a causa dell’impatto del parassita della cocciniglia dal Sudafrica e le condizioni meteo avverse.

"Inizieremo con le prime Clemenules tra circa 2 settimane. Le nostre piantagioni si trovano tra il sud di Tarragona e il nord di Castellón, dove non ci sono molti problemi legati alla cocciniglia, a differenza del centro e del sud di Castellón. Tuttavia, quest'anno le piogge e la grandine causeranno la perdita di circa il 40-50% della produzione di Clemenules. In generale, i calibri saranno molto buoni per il minor carico sugli alberi", dice il produttore e commerciante. "E' anche probabile che la produzione delle varietà tardive sarà leggermente inferiore, ma non sappiamo ancora in che percentuale".

Secondo il direttore della Royo Fruits, "questo sarà un anno tranquillo, per il mercato delle clementine. Considerata la fornitura di frutta, forniremo innanzitutto i nostri clienti più fedeli. Non avremo fretta di vendere e non sentiremo alcuna pressione sulla vendita, perché non ci sono varietà alternative alle Clemenules nello stesso periodo. Ci saranno costi fissi più alti, aumentati significativamente quest'anno: dal prezzo dei materiali d’imballaggio ai costi alle stelle di energia e carburante. Insomma, la frutta ci costerà tra i 6 e gli 8 centesimi in più, quest'anno. Un grande problema, in un anno con poca frutta disponibile".

Per quanto riguarda le arance, la scorsa settimana è iniziata la raccolta delle prime Navelina spagnole, con previsioni simili a quelle dell'anno scorso. "Le vendite e le operazioni commerciali delle arance spagnole continuano a rallentare rispetto a quelle delle clementine, ma sembra che, dalla prossima settimana, l'offerta di arance sudafricane comincerà a diminuire e le Navelina spagnole guadagneranno una posizione più forte sul mercato", conclude Alfons Royo.

Per maggiori informazioni: 

Alfons Royo
Royo Fruits SL
T: +34 977 71 91 51
M: +34 655 162 643
royofruits@royofruits.com
www.royofruits.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto