Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Svizzera: raccolta di frutta ai livelli più bassi di sempre

A causa delle condizioni meteo normalmente difficili in primavera ed estate, gli attuali volumi bassi del raccolto svizzero non devono sorprendere. Tuttavia, anche la frutta da dessert deve fare i conti con una perdita di qualità e, nel caso del sidro, i carichi residui in eccesso devono essere ulteriormente ridotti, secondo un rapporto del Servizio di informazione agricola (Landwirtschaftliche Informationsdienst).

I raccolti di frutta risultano diversi ogni anno, a seconda del meteo. Le stime del raccolto vengono utilizzate per prevedere i volumi attesi. Una primavera fredda con numerose notti gelide, un'estate piovosa e con tempeste di grandine, hanno portato a un bilancio della stagione della frutta estiva che fa riflettere, ha annunciato l'Associazione Svizzera della Frutta (SOV) all'inizio di ottobre. Mentre il raccolto di ciliegie è stato ancora accettabile, con circa 1.500 ton, il 72% della media quinquennale, la situazione è stata diversa per le susine e le albicocche. Secondo la SOV, le rese delle susine di 1.300 ton, sono state solo il 40% della media quinquennale, e per le albicocche, con 2.200 ton, solo il 35%.

Quest'anno le pomacee hanno più difetti del solito, a causa del meteo. 

E' interessante notare che, quest'anno, l’associazione SOV non dovrebbe ricevere maggiori lamentele e reclami rispetto agli altri anni, anche se la qualità dei frutti sembrerebbe leggermente inferiore. "Poiché non ci sono prodotti disponibili migliori, i nostri clienti sono apparentemente più clementi", suppone Roger Käslin. Coloro che hanno un’alternativa sono automaticamente più selettivi. Quelli che non ce l’hanno, lo sono meno.

Le annate peggiori aumentano anche le vendite nelle aree rurali, come dice Roger Käslin: "Abbiamo osservato che, nelle annate buone per la frutta da consumo, le vendite nelle aree rurali non sono così buone. Quando c'è una cattiva annata, invece, aumentano". Nell'eccellente annata del 2018, ad esempio, i prodotti ortofrutticoli disponibili sono stati più che sufficienti. La disponibilità è chiaramente e più direttamente visibile nelle campagne per gli alberi pieni di frutti, e gli operatori privati hanno dato via i loro frutti eccedenti. In città la disponibilità è meno evidente, quindi c'è meno instabilità.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto