Focus sul mercato mondiale del melone

In questa stagione, il mercato globale del melone ha sperimentato alti e bassi in molti paesi. La pandemia continua a influenzare le vendite, dato che in tutto il mondo molte aziende di catering non sono tornate ai livelli operativi pre-pandemia e ciò ha influenzato la domanda da parte di questo settore. Inoltre, i problemi logistici continuano ad avere un impatto sulle importazioni in alcuni paesi, facendo salire i prezzi e portando alla cancellazione di alcuni programmi, come si è potuto vedere in Cina, che ha iniziato a importare meloni brasiliani solo nel 2020. Inoltre, nei paesi europei il clima ha portato a una mancanza di interesse per meloni e angurie, dato che per molti consumatori sono tradizionalmente un prodotto estivo, da consumare nelle giornate di sole.

Paesi Bassi: dopo un buon inizio i meloni brasiliani sono di nuovo al punto di partenza
La stagione dei meloni brasiliani è partita bene quest'anno nei Paesi Bassi. Gli importatori parlano addirittura del miglior inizio dell'ultimo decennio. "A causa di ritardi, non c'è stata una buona connessione tra la stagione d'oltremare e quella spagnola e tali carenze hanno portato ad un forte aumento dei prezzi. Ora, però, i prezzi stanno rapidamente tornando ai loro livelli precedenti - dice un importatore olandese - Mi aspettavo che, a causa dell'aumento dei costi del trasporto marittimo e del cartone, tra le altre cose, in Europa sarebbero stati inviati meno meloni brasiliani, ma vediamo che l'offerta è a un livello simile a quello degli anni precedenti. I prezzi sono ancora su un livello ragionevole, ma i livelli migliori sono ormai passati".

Germania: domanda ancora presente, ma l'interesse diminuisce
Anche se la stagione dei meloni e angurie sta per terminare, in Germania c'è ancora un certo interesse da parte dei rivenditori di prodotti alimentari. Un grande grossista della Germania meridionale offre meloni autunnali italiani, tra cui meloni Galia e meloni honeydew, ma anche angurie dal Brasile. La domanda è stata relativamente debole quest'anno, in parte a causa del clima. Le vendite sono state difficili da agosto. C'è anche una forte concorrenza da parte dei fornitori turchi, che offrono angurie a prezzi molto più bassi.

Il grossista sostiene che i meloni non sono così rilevanti per i ristoranti di per sé, solo durante i mesi estivi. Tuttavia, restano interessanti per il commercio al dettaglio. Di solito anche i bistrot sono più interessati ai meloni, ma a causa della situazione di smartworking non c'è stata molta richiesta. La sua attenzione si concentra sui meloni retati, honeydew, Galia e angurie e, per alcuni, la domanda è in leggero aumento.

In generale c'è ancora una certa richiesta, ma l'interesse sta diminuendo. I rivenditori di generi alimentari si stanno concentrando maggiormente sulle clementine. I prodotti arrivano dalla Spagna e dall'Italia. Quest'anno il grossista ha offerto per un breve periodo angurie dalla Germania, ma il più delle volte questi prodotti sono venduti direttamente dai coltivatori stessi.

I prezzi sono ragionevolmente stabili.

Angurie e meloni: quasi nessuno li acquista online in Italia
Secondo i dati GfK Consumer Panel, in Italia su 100 le famiglie che almeno una volta nell'ultimo anno hanno acquistato meloni o angurie, il 59,3% acquista entrambe le tipologie (era il 55,6% due anni fa), il 26,1% solo meloni e il restante 14,7% solo angurie. Nell'ultimo anno terminante ad agosto 2021, si è verificata una crescita del 9% delle famiglie acquirenti angurie. Diversamente da altre categorie, dove il bio cresce molto e di norma contribuisce alla crescita complessiva, nelle angurie le famiglie italiane che hanno acquistato varietà bio sono poco meno di 2 milioni e sono piuttosto stabili rispetto all'anno scorso. C'è quindi potenzialità di crescita. Ad oggi solo il 2,6% delle famiglie italiane acquista angurie online, ma le potenzialità di sviluppo sono notevoli. Nei meloni, appare buono lo sviluppo delle varianti bio, con 2,7 milioni di famiglie italiane che le hanno acquistate (+19.4% rispetto a due anni fa). Al momento, solo il 4,2% delle famiglie acquista meloni online, in Italia. Per entrambe le categorie, l'età media degli acquirenti è abbastanza alta, in Italia.

Un grossista del nord d'Italia afferma che il mercato di angurie e meloni è stato sempre in chiaroscuro, durante tutta l'estate 2021. Il 18 ottobre ha ricevuto le ultime partite di meloni gialli da un produttore ubicato nella regione Puglia e li ha venduti a 40/50 centesimi il kg. Nei prossimi giorni riceverà dalla Sicilia i meloni gialli e il prezzo di vendita sarà più o meno il medesimo. L'estate 2021 è stata contraddistinta da forti produzioni in tutti gli areali d'Italia. Per le angurie, ad esempio, i prezzi sono stati mediamente bassi, perché le forniture sono state sempre continuative, con l'offerta superiore alla domanda. Solo alcune categorie, ad esempio mini-angurie particolarmente buone o con un marchio riconoscibile, hanno raggiunto quotazioni sufficienti. Solo in conclusione della stagione 2021, con le scorte di magazzino dureranno ancora per pochi giorni, le angurie stanno ricevendo prezzi superiori.

Spagna: stagione difficile per i meloni e le angurie spagnole
Circa due settimane fa si è conclusa una campagna dei meloni e delle angurie difficile nell'ultima regione della Spagna, ovvero Castiglia-La Mancia. I prezzi sono stati bassi per i meloni e disastrosi per le angurie, a causa dell'aumento della superficie coltivata e della mancanza di esportazioni. L'anno scorso la regione ha raggiunto un record esportando il 40% delle sue angurie, mentre quest'anno ne è stata esportata solo la metà, soprattutto a causa del clima freddo e piovoso in Europa.

Secondo un commerciante, in generale i prezzi dei meloni Piel de Sapo sono stati buoni per i coltivatori, ma i prezzi pagati sui mercati (soprattutto Spagna, seguita da Portogallo e Italia) hanno portato i commercianti ad avere margini ridotti o addirittura perdite, in alcuni casi. I marchi premium sono riusciti a mantenere prezzi migliori, ma i marchi standard hanno sofferto di più.

Le prime spedizioni dal Brasile sono arrivate sui mercati spagnoli circa tre settimane fa. Le piogge a Castiglia-La Mancia hanno influenzato la qualità degli ultimi meloni e angurie, il che ha fatto sì che alcuni importatori iniziassero un po' prima, quest'anno. I prezzi non sono così alti, ora, e il clima rimane caldo in Spagna, il che sta garantendo una buona domanda al momento. Tuttavia, gli importatori stanno affrontando grandi difficoltà in termini di logistica, a causa della mancanza di navi e la presenza di ritardi massicci. "Le compagnie di navigazione stanno facendo saltare i loro accordi ed è abbastanza difficile pianificare i programmi di fornitura con i supermercati. Sarà una stagione molto difficile per le importazioni", afferma un commerciante di meloni e angurie.

Sudafrica: gli effetti delle fitopatie e della pandemia ostacolano la produzione e le vendite di meloni
Attualmente, in Sudafrica i meloni sono in fase di raccolta nell'estremo nord della provincia di Limpopo, e si continuerà fino a maggio del prossimo anno. I meloni vengono piantati da agosto a febbraio, per una produzione che dura tutto l'anno. E' interessante notare che in autunno e in inverno i coltivatori di meloni del Limpopo piantano cultivar che in estate produrrebbero frutti troppo grandi, ma che, se coltivati durante l'inverno, raggiungono le dimensioni giuste per i periodi di transizione della stagione. I consumatori sudafricani generalmente scelgono le angurie piuttosto che i meloni.

Nel Capo Orientale, i meloni vengono piantati da agosto a dicembre; la raccolta va da dicembre alla fine di marzo. Nel Capo Occidentale, i meloni coltivati per l'ultima fascia di produzione di aprile vanno molto bene, ma questo è un periodo in cui i coltivatori (perché nessuno coltiva esclusivamente meloni) sono occupati con l'uva da tavola.

L'impatto della pandemia di Covid-19 sul settore della ristorazione, alberghiero e del turismo in termini di domanda di meloni è stato "enorme", dice un coltivatore di meloni di Limpopo.

Il consumo interno di meloni è in calo e alcuni coltivatori dicono di aver ridotto negli anni l'area coltivata a meloni, ma il frutto ha il vantaggio di essere in grado di sopportare il calore estremo e l'intensità del sole nell'estremo nord del Limpopo.

I coltivatori sudafricani di meloni forniscono anche frutta fresca tagliata per l'esportazione.

Una preoccupazione per i coltivatori locali di melone nel nord-est del paese è un recente arrivo in Sudafrica, un virus che causa ingiallimento e arresto della crescita, "una malattia terribile", secondo un coltivatore. Negli ultimi tre anni il virus del nanismo giallo delle cucurbitacee (cucurbit yellow stunting disorder virus) è peggiorato nel nord del paese e alcuni coltivatori hanno perso l'intero raccolto a causa di questo virus. Devasta le angurie; il suo effetto sui meloni è apparentemente meno grave, ma richiede una gestione attenta. Uno specialista di cucurbitacee di una società di sementi dice che la pressione di questa malattia (trasmessa dalla mosca bianca) è stata acuta negli ultimi due anni e sembra diffondersi. Alcuni agricoltori hanno rimosso tutte le piante di questa famiglia dalle loro aziende per lunghi periodi per interrompere il ciclo. I coltivatori del Capo orientale, tuttavia, dicono di essere rimasti relativamente indenni.

La cultivar Piel de Sapo, non molto conosciuta a livello nazionale, viene coltivata nel Capo orientale; non ha avuto successo nel nord del Sudafrica, secondo un coltivatore.

Secondo il mercato municipale di Johannesburg, il prezzo medio dei meloni muschiati è di R16,47 (0,977 euro) al kg.

Cina: le scarse vendite di meloni portano gli importatori a sospendere i piani per la merce brasiliana
I meloni brasiliani sono stati autorizzati a essere esportati in Cina per la prima volta nel 2020. I consumatori cinesi non hanno familiarità con i meloni brasiliani, e il prezzo di mercato arriva fino a 200 RMB/per melone (27 euro circa), ovvero 4-5 volte più alto rispetto a quelli nazionali e non competitivi in termini di sapore. In questa stagione ciò ha portato molti importatori a sospendere i loro piani di importazione dopo un breve test.

Negli ultimi mesi, le vendite di meloni nazionali non sono state molto buone. L'inizio della stagione di produzione dei meloni dello Xinjiang ad agosto è il momento migliore per il mercato per vendere il prodotto. In quel periodo il clima è stato caldo e i consumatori hanno richiesto molti meloni honeydew. Attualmente, i meloni dello Xinjiang stanno terminando, mentre i meloni di origine meridionale non sono ancora stati commercializzati in grandi quantità, e sul mercato ci sono solo pochi meloni. Al momento è disponibile sul mercato il melone Kimberley Chiba proveniente dalla regione di produzione della Mongolia interna, con un prezzo di 29 RMB/pezzo per circa 500g (3,90 euro).

Nord America: le forniture di meloni sembrano essere costanti
Negli Stati Uniti, i volumi di angurie biologiche senza semi e mini angurie di Nogales sono buoni e dovrebbero rimanere tali fino al giorno del ringraziamento, che si celebrerà il mese prossimo. Le forniture sono circa le stesse dell'anno scorso o leggermente meno - dice un coltivatore e spedizioniere - La California ha terminato il suo programma di meloni o sono rimaste pochissime quantità".

Nel frattempo le forniture di meloni cantalupo biologici e convenzionale e di meloni honeydew biologici e convenzionali hanno iniziato ad arrivare dal Messico. "Ha fatto un po' più fresco, nella regione settentrionale del Messico, quindi la raccolta è stata rimandata per un po'. Per noi sta iniziando circa una o due settimane più tardi del solito", dice il coltivatore-spedizioniere. Egli aggiunge che entrambi i tipi di meloni avranno una produzione da uguale a leggermente inferiore rispetto all'anno scorso. "L'anno scorso i mercati dei meloni sono stati un po' difficili, in questo periodo, quindi penso che la gente si sia un po' tirata indietro". A livello nazionale, anche l'Arizona ha iniziato la produzione di cantalupo convenzionali.

Per il momento, la domanda di meloni risulta buona. Quando fa più freddo nelle regioni di acquisto, la richiesta di meloni comincia a rallentare. Ma in alcuni dei climi più caldi del paese continua a esserci una domanda invernale consistente di meloni. Secondo il coltivatore e spedizioniere si continuerà a vedere una domanda costante per tutto l'autunno.

Attualmente. le quotazioni dei meloni biologici sono nella media. "Il prezzo è un po' più alto dell'anno scorso - i mercati sono stati buoni. Ma vedo che i prezzi si sono livellati, quindi penso che rimarranno dove sono", conclude il coltivatore e spedizioniere.


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto