Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Tiziano Marinello di Zurigo, grossista di funghi per il settore della gastronomia

La qualità e la storia che stanno dietro un prodotto sono elementi di crescente importanza

Tiziano Marinello, grossista per il settore della gastronomia della Marinello Picobello di Zurigo, parla di bellissimi funghi selvatici e splendidi porcini. L’azienda fornisce diversi funghi d’importazione dell'Europa orientale. Cinque o sei anni fa, facevano parte del loro assortimento anche le miscele di funghi svizzeri ma, viste le limitate disponibilità, l'azienda ha deciso di non continuare con queste tipologie di prodotto. "Anche perché alcune attività di ristorazione sono state in qualche modo schiacciate da una fornitura di oltre dieci varietà", afferma Marinello.

Rispetto agli ultimi anni, la situazione dei prezzi è rimasta relativamente la stessa, con lievi oscillazioni, a seconda del singolo importatore. Per quanto riguarda i funghi porcini, Marinello ne commercializza circa 1,8 tonnellate, e un numero a due cifre di chilogrammi all’anno dell'ovolo buono (Amanita caesarea)

La storia dietro il prodotto
Nel settore della ristorazione, la domanda tende ora maggiormente verso i prodotti tradizionali come il sedano rapa, mentre l'interesse per quelli esotici è sempre più in calo. Marinello lo spiega così: "Le chiusure nel settore della ristorazione hanno fatto riflettere sulla sostenibilità e sulla regionalità. Di conseguenza, ora è diventato anche più importante prestare attenzione non solo alla qualità dei nostri prodotti, ma anche alla storia che ci sta dietro. Una buona narrazione è particolarmente importante nello spazio online", afferma Marinello. "Tuttavia, quando si tratta di ordinare prodotti con un clic, sento che manca l’apprezzamento del prodotto".

Marinello vuole lavorare per sostenere maggiormente il mercato all’ingrosso di Zurigo, soprattutto per quanto riguarda le reciproche competenze. "Infine, non voglio impormi in un'area che non rientra nel nostro obiettivo". Come in quasi tutti i Paesi, i grossisti hanno vissuto tempi d'oro, ha detto Marinello. Ma anche il marketing online e diretto è andato molto bene. Per quanto riguarda la sua attività, invece, Marinello prevede un leggero calo in autunno.

Crollo delle vendite fino al 40% nel 2020
L'azienda è in grado di generare circa un terzo delle vendite attraverso la rivendita ad altri retailer, con la maggior parte proveniente dal settore della ristorazione. Marinello, a sua volta, non rifornisce i retailer. Sebbene la situazione durante il lockdown del 2020 non fosse paragonabile a quella tedesca, anche l'azienda di Zurigo ha registrato forti cali. Ad esempio, tra la fine di marzo e la metà di maggio, le vendite sono diminuite tra l'80% e l'85%, rispetto al 2019. Poco prima di Natale 2020 e fino a marzo 2021 (il periodo del secondo lockdown in Svizzera) almeno la domanda del settore alberghiero è stata migliore rispetto a quella registrata durante il primo periodo di chiusura. Tuttavia, l’azienda ha dovuto accettare un risultato negativo nelle vendite di circa il 40% per l'intero 2020, dice Marinello.

Nel frattempo, la domanda è tornata alla normalità. "Nel 2022 vogliamo tornare al livello del 2019. Da luglio a settembre 2021, le cose sono andate abbastanza bene. I prezzi sono stati molto alti, ma abbiamo dovuto fare i conti con qualità scadenti e scarsa disponibilità", conclude Marinello.

Per maggiori informazioni:
Tiziano Marinello
Marinello + Co AG
Markthalle
Aargauerstr.1a
CH-8048 Zürich
Tel.: +41 43 44 44 500
Fax: +41 43 44 44 550
E-Mail: best@marinello.ch 
Web: https://www.marinello.ch/home.html  


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto