Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Theo Terdu rappresenta gli interessi dello stato del Suriname contro The Fruit Farm Group

Possibile causa legale in merito alla gestione di piantagioni di banane in Suriname

Food and Agriculture Industries (FAI), una società statale del Suriname, ha presentato a Hein Deprez delle richieste di risarcimento per un totale di 45,1 milioni di dollari. Dal 2014 fino alla fine del 2020, infatti, le piantagioni di banane del Suriname erano di proprietà di The Fruit Farm Group, la società belga-olandese di proprietà del commerciante fiammingo Hein Deprez, che ha rilevato le piantagioni dal regime Bouterse. FAI è il secondo datore di lavoro più grande in Suriname, dopo il governo del Suriname.

A novembre dello scorso anno, lo stato del Suriname ha rilevato le piantagioni FAI in Suriname da The Fruit Farm Group per una somma simbolica. Il consulente di gestione olandese e gestore della crisi Theo Terdu (nella foto) cura gli interessi della società statale del Suriname e ha dichiarato Hein Deprez il principale responsabile. Secondo lui la responsabilità è anche di De Weide Blik, la holding di Deprez, che detiene le sue azioni anche in Greenyard. Secondo i surinamesi, Deprez e le sue società sono colpevoli di cattiva gestione e di azioni illegali nella gestione delle grandi piantagioni di banane del Suriname.

Secondo Terdu, più si va a fondo nel dossier più si scoprono cose scioccanti. "Un anno prima che Deprez lasciasse FAI, l'intera piantagione è stata deliberatamente trascurata, non applicando alcun fertilizzante, tra le altre cose. Inoltre, la persona incaricata da Deprez per la gestione della piantagione ha lasciato il Suriname come un ladro nella notte con una scusa. Secondo FAI, tutto sembra essere riconducibile a un piano premeditato, che ha messo FAI in una posizione molto scomoda. Il governo si è trovato di fronte alla scelta di lasciar fallire l'impresa, causando la perdita dello stipendio per 1.200 persone o di andare in soccorso dell'impresa e rilevare le azioni".

"Inoltre, il livello di prezzo che è stato utilizzato è decisamente degno di nota. Prima che Deprez prendesse in mano l'azienda, veniva applicato un certo livello di prezzo. Con Deprez alla guida, quel prezzo si è improvvisamente dimezzato. Per FAI questo è un motivo per ricorrere a un'agenzia specializzata per indagare se siano state compiute azioni fraudolente, che sono illegali secondo il diritto penale. Nel caso si scoprissero delle azioni fraudolente, lo riferirò immediatamente al Dipartimento di Giustizia nei Paesi Bassi, in Belgio e in Suriname", ha detto Terdu.

"Il mio cliente chiede un adeguato risarcimento per i danni subiti. Non mi illudo che otterremo l'intero importo, in quanto vedo come Deprez tratta con gli altri creditori di The Fruit Farm Group e cerca di mandare a casa i creditori con una mera mancia. Questa non è la prima volta: c'è uno schema, come dimostra l'acquisizione di Hartman a Sexbierum".

In una risposta, Greenyard afferma: "The Fruit Farm Group è un apprezzato fornitore di Greenyard, ma rappresenta meno dell'1% del nostro fatturato. Per il resto, si tratta di una società totalmente separata da Greenyard, e Greenyard non è a conoscenza di azioni del genere".


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto