Tre quarti delle verdure olandesi lasciano il paese

Attualmente, le forniture di frutta e verdura sono essenziali perché i consumatori richiedono prodotti sani. Gli agricoltori belgi e olandesi producono principalmente ortaggi. Ogni anno in Belgio si coltivano circa 1,7 milioni di ton di verdure. Nei Paesi Bassi, tale cifra è di 5 milioni di tonnellate, di cui 1,5 mln ton di cipolle.

Il Belgio produce 150 kg di verdure pro capite. Nei Paesi Bassi, la produzione pro capite è di 300 kg, se si escludono oltre 200 kg di cipolle. In entrambi i paesi, mele e pere sono i frutti principali. In totale, il Belgio produce annualmente 620mila kg di frutta e i Paesi Bassi 760mila kg. Si tratta, rispettivamente, di 55 e 45 kg pro capite.

Più verdure coltivate localmente
Il commercio internazionale è di grande importanza, sia nei Paesi Bassi che in Belgio. Nel caso delle verdure, le esportazioni sono la principale forza trainante nel settore olandese. Si stima che il 75% di tutti gli ortaggi coltivati nei Paesi Bassi lascino il paese come prodotti ortofrutticoli freschi. Nel caso del Belgio, si tratta del 50%. Lì il settore della trasformazione in surgelati è un grande player, in materia di verdure. Annualmente vengono destinate 1,2 milioni di ton a quel settore e, tra queste, è compresa anche una notevole quantità di verdure d'importazione, la maggior parte delle quali proviene dai Paesi Bassi.

Nell'ultimo anno il Belgio ha esportato non meno di 1,55 milioni di ton di verdure surgelate. I Paesi Bassi hanno esportato solo poco più di 300mila kg di queste. Per i Paesi Bassi, anche le riesportazioni di verdure giocano un ruolo importante. Nell'ultimo anno, si stima che siano entrate in Europa 1,2 milioni di verdure fresche attraverso i Paesi Bassi. Per il Belgio, tale cifra è stata pari a poco meno di 100mila ton.

Frutta prevalentemente d'importazione
Le importazioni di Belgio e Paesi Bassi dominano il settore ortofrutticolo. L'anno scorso, il Belgio ha importato 2,2 milioni di ton di frutta, delle quali 1,2 milioni di ton costituite da banane. Nello stesso periodo, i Paesi Bassi hanno importato 5,2 milioni di ton di frutta, tra cui 1,3 milioni di ton di banane. Il Belgio ha esportato 1,8 milioni di ton di frutta fresca. Il 70% di tale cifra consisteva in riesportazioni. Dei 4,2 milioni di ton di frutta fresca esportati l'anno scorso dai Paesi Bassi, meno del 10% era rappresentato da prodotti olandesi.

Importazioni olandesi: il 60% proviene da paesi d'oltremare; per il Belgio si tratta del 45%
Forse di crescente importanza è capire da quanto lontano provenga la frutta e verdura e quanto lontano venga venduta. La maggior parte delle importazioni belghe e olandesi di ortofrutta fresca proviene da paesi d'oltremare. Per il Belgio, tale percentuale ammonta al 45%; per i Paesi Bassi al 60%.

Il Belgio importa volumi piuttosto consistenti, pari al 45%, dai paesi vicini. Per quanto riguarda le esportazioni, il Belgio esporta il 70% della frutta e verdura fresca verso i suoi paesi vicini. I Paesi Bassi ne esportano il 50% verso i paesi vicini e spediscono volumi piuttosto consistenti in Scandinavia e verso i paesi d'oltremare. Per questi ultimi si tratta soprattutto di cipolle.

Clicca qui per vedere il rapporto completo (in olandese)

Per maggiori informazioni:
Jan Kees Boon
Fruit and Vegetable Facts
Tel: +31 (0) 654 687 684
Email: fruitvegfacts@gmail.com  
Web: www.fruitandvegetablefacts.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto