Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Francisco Sánchez, direttore della Onubafruit: "Le vendite e i prezzi dei lamponi sono in aumento"

Quest'anno Huelva potrebbe raccogliere fino al 50 per cento in piu' di mirtilli

Nella provincia spagnola di Huelva è attualmente in corso la campagna dei piccoli frutti, con la raccolta e la commercializzazione dei lamponi (la cui produzione quest'anno è inferiore), nonché delle prime varietà di fragole, con una superficie stabile rispetto all'anno scorso. Per quanto riguarda i mirtilli, i volumi dovrebbero aumentare in modo significativo, dopo il calo della produzione dello scorso anno, come riferisce Francisco Sánchez, direttore della Onubafruit.

Resultado de imagen de onubafruit freshplaza frambuesas y fresas

"Nella seconda metà di novembre, i prezzi sono stati maggiormente sotto pressione perché il mercato ha affrontato un picco di produzione, coincidente con la presenza di lamponi di altre origini. I prezzi hanno sofferto e alcuni produttori sono stati costretti a vendere i frutti all'industria del trasformato. Dopo questa battuta d'arresto, che non è stata così pesante come nello stesso periodo dello scorso anno, la domanda è tornata a crescere e le quotazioni stanno raggiungendo livelli elevati, ma accettabili. Quest'anno, a causa delle difficoltà incontrate dal settore dei lamponi nella commercializzazione del frutto, l'areale è stato ridotto del 10-15%, rispetto allo scorso anno. Questo ha contribuito a regolamentare la domanda e l'offerta. Prevedo che, sebbene possano esserci delle fluttuazioni, le condizioni del mercato dei lamponi rimarranno buone fino ad aprile, quando arriveranno le varietà rifiorenti e ci sarà fornitura in altri Paesi europei", afferma il direttore di questa cooperativa, che prevede di commercializzare circa 12.000 tonnellate di lamponi in questa stagione.

Per quanto riguarda le fragole, Sánchez afferma che gli areali sono meno estesi rispetto all'annata precedente. "La produzione sarà simile a quella della stagione scorsa, anche se ci aspettiamo una qualità superiore e un minor numero di intoppi dovuti alla carenza di manodopera, come quelli causati dallo scoppio della pandemia. Sorprendentemente, i prezzi dello scorso anno sono stati tra i più alti mai registrati, anche se la redditività è stata messa in discussione, perché ci sono stati alcuni problemi di qualità e molta frutta è stata necessariamente destinata all'industria di trasformazione. Questa volta ci aspettiamo una stagione più tranquilla per le fragole, anche se forse a un prezzo inferiore".

Nella campagna 2020/21, la Onubafruit prevede di commercializzare circa 33.000 tonnellate di fragole.

Per quanto riguarda i mirtilli, l'azienda produce circa il 25% della produzione totale di Huelva, con circa 16.000 tonnellate all'anno. "L'anno scorso, il freddo e le piogge eccessive hanno causato una riduzione della produzione di mirtilli di circa il 40% rispetto alla stagione precedente, situazione che è stata compensata da prezzi più alti. Quest'anno, se non ci saranno eventi climatici avversi, non solo recupereremo questi volumi, ma anche le nuove piantagioni diventeranno produttive, con rese più elevate - dice Sánchez - Pertanto, a Huelva si potrebbe facilmente raccogliere circa il 50% in più rispetto allo scorso anno. Si prevede molta pressione sui prezzi. Va ricordato che il mercato si stava saturando già l'anno scorso, prima che gli eventi meteo facessero diminuire la produzione. In questa campagna, bisognerà fare le cose per bene. Fortunatamente, siamo preparati".

In Spagna, la superficie destinata ai mirtilli precoci continua a crescere, tanto da soppiantare quelli cileni sul mercato europeo, secondo il direttore di Onubafruit. "Saremo sempre più competitivi con i mirtilli provenienti dal Cile. Dovremo aspettare per vedere chi offre le varietà migliori ed è più concorrenziale, ma penso che la Spagna sia avvantaggiata dalla vicinanza geografica. A Huelva, nei prossimi anni è prevista anche una conversione a varietà con un sapore migliore e più produttive", conclude Sánchez.

Per maggiori informazioni
Tel.: +34 959 54 08 44
Email: onubafruit@onubafruit.com
Web: www.onubafruit.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto