Floris-Jan van Os, Hillfresh

Meno cachi spagnoli quest'anno: possibili carenze nella seconda meta' della stagione

All'inizio di ottobre, sono arrivati sul mercato olandese i primi cachi spagnoli. Ma è stato solo da novembre in poi che le vendite presso i rivenditori europei hanno ripreso a crescere. Questo è quanto afferma Floris-Jan van Os, account manager presso l’azienda all’ingrosso Hillfresh. "Questa stagione dovrebbe proseguire fino a gennaio".

Al momento, tuttavia, ci sono meno cachi in arrivo dalla Spagna, rispetto allo scorso anno. "Questo è dovuto principalmente alla persistente pressione patogena nei campi intorno a Valencia. Ci sono anche meno frutti sugli alberi. Ma anche gli scarsi risultati dell'anno scorso hanno avuto un loro ruolo. Abbiamo avuto un raccolto molto abbondante, ora invece è inferiore. Anche i cachi sono cresciuti rapidamente all'inizio della stagione di fruttificazione".

"All'inizio ci aspettavamo dei frutti molto più grandi, ma sono stati più piccoli e ciò ha influito sul volume complessivo", dice Floris-Jan. " Per ora abbiamo ancora abbastanza disponibilità per rifornire tutti i nostri clienti. Ma la seconda metà della stagione potrebbe registrare una disponibilità ridotta sul mercato. I coltivatori spagnoli, quindi, si stanno concentrando su una migliore distribuzione. In ottobre, c'erano ancora molti cachi che venivano spediti direttamente ai clienti".

"A metà novembre, sono seguiti i frutti stoccati in magazzino. A Valencia, la pioggia e le grandinate hanno danneggiato tra i 600 e gli 800 ettari di cachi. Gli agricoltori non hanno raccolto. Dovremo aspettare per vedere che effetto avranno queste piogge eccezionali. Tutta questa situazione potrebbe portare a prezzi migliori nella seconda metà della stagione", continua Floris-Jan.

Un altro motivo del calo dei volumi di quest'anno è che la superficie coltivata a cachi non è in espansione, in Spagna. Gli alberi vengono persino sradicati, per far posto ad altre colture. "Nel 2019, per gli agricoltori non è stato facile. Ci sono stati molti volumi sul mercato e questo ha messo sotto pressione i prezzi, lasciando molti frutticoltori nel dubbio se continuare a coltivare questo prodotto. Il cachi è stato un prodotto spagnolo importante, ma prima dell'embargo russo del 2014".

"Da quando è stato chiuso quel mercato, la merce ha necessariamente dovuto essere destinata al mercato europeo. Pensiamo di averlo fatto abbastanza bene, anche se bisogna continuare a promuovere e commercializzare il prodotto. Ad esempio, durante la settimana della promozione della frutta nelle scuole, mandiamo cachi agli istituti scolastici. La risposta è stata positiva. Promuoviamo i nostri cachi anche nei negozi. Ad esempio, regaliamo agli acquirenti un'affettatrice per cachi, perché le persone imparino a mangiare questo frutto. Pertanto, il consumo di questi frutti, in Europa, è sempre in aumento", spiega Van Os.

La Hillfresh vende quasi tutti i suoi cachi ai retailer, ma ha anche altri canali di vendita. "In Spagna e Germania, una quantità importante di cachi viene venduta nei mercati all'ingrosso, finendo poi nel settore della vendita al dettaglio / ospitalità. Tuttavia, molti Paesi europei hanno chiuso le strutture ricettive, a causa della pandemia".

"Questi clienti acquistano meno, al momento", afferma l'account manager. "Vendiamo anche cachi di II categoria, la maggior parte ai retailer e ai mercati all'ingrosso dell'Europa orientale. Questo è un circuito completamente diverso da quello dei frutti di I categoria, ma li vendiamo anche noi. Abbiamo iniziato come coltivatori e commercializziamo tutto ciò che produciamo".

Gli agricoltori spagnoli sono riusciti a penetrare nel mercato europeo con i cachi che vendevano in Russia. E in Russia? "Sugli scaffali dei negozi adesso ci sono soprattutto cachi azeri e uzbeki. Mi chiedo se soddisfino gli standard qualitativi dei prodotti spagnoli", conclude Floris-Jan.  

Per maggiori informazioni: 
Floris-Jan van Os
HillFresh
Tel: +31(0)180-898060
floris-jan@hillfresh.eu 
www.hillfresh.eu 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto