Si deve acquistare una varieta' che funzioni nel singolo contesto

Le ciliegie vengono coltivate in Scozia da diversi anni, ma solo ora stanno diventando realmente disponibili a livello commerciale. Un coltivatore, Stead Nicolle, ha iniziato a coltivare ciliegie nel 2010, utilizzando il sistema Upright Fruiting Offshoot (UFO) sviluppato da Matt Whiting della Washington State University.

Pur coltivando ancora su piccola scala, Stead ha avviato la seconda fase del progetto, costituito da un lotto di 20 tunnel di 1.280 alberi, che possono essere facilmente gestiti da una sola persona, grazie all'efficienza del sistema UFO.

"Nel primo trial, ho piantato otto diverse varietà su 3 diversi portinnesti. Cinque varietà hanno dato buoni risultati, le rimanenti sono state estirpate e ripiantate. Ora ho la piena produzione in alcuni tunnel e sono molto soddisfatto dei raccolti che questi alberi stanno producendo".

Situato a Rosehill Farm, sulla costa orientale di Angus, il problema più grande è il meteo, soprattutto quando si hanno tunnel di polietilene non assicurabili. "I tunnel che utilizzo sono più piccoli della maggior parte di quelli standard attualmente in uso e creano una struttura più robusta. Il grande vantaggio che abbiamo qui sono i livelli di luce, esaltati dal riflesso sul mare. Questo ci dà la capacità di produrre ciliegie super dolci. La nostra vicinanza al mare presenta degli inconvenienti, quando arrivano le nebbie estive che creano botrite e cracking nei frutti, a causa dell'incapacità delle piante di perdere l'umidità in eccesso. La nostra latitudine ci consente di piantare varietà tardive e puntare al mercato di fine stagione, quando le scorte mondiali si stanno esaurendo".

Stead non si occupa solo di varietà particolari, ma guarda anche alla qualità del suolo e ha iniziato a incorporare nel terreno il biochar prodotto dai tagli della potatura annuale. "Il biochar mi permette di riciclare i rifiuti del nostro frutteto, senza il rischio di reintrodurre malattie. All'interno del suolo agisce come una barriera per microrganismi e funghi. Inoltre, stiamo efficacemente eliminando il carbonio dall'atmosfera, immagazzinandolo indefinitamente nel suolo. Credo che la biologia del suolo sia importante, se non più importante della sua chimica. Spesso viene posta troppa attenzione sui livelli di conducibilità elettrica".

Stead ammette che non è facile realizzare un profitto coltivando ciliegie su scala così ridotta. Continua, infatti, a fornire componenti per l'irrigazione ad altri frutticoltori scozzesi, come secondo reddito. Tuttavia, ha deciso di aumentare la sua produzione e ha investito in un numero maggiore di alberi.

"E' un grande investimento: prima l'acquisto e la costruzione dei polytunnel e poi l'acquisto dei ciliegi. Devi assicurarti di comprare una varietà che funzioni per nel tuo particolare contesto e ambiente, in quanto è un impegno a lungo termine".

Al momento, Stead vende le ciliegie attraverso piccoli negozi e fruttivendoli locali e, quando i volumi lo consentiranno, prenderà in considerazione altri punti vendita.

Per maggiori informazioni
Stead Nicolle
steadnicolle@googlemail.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto