Robert Elshof, della Elshof Organic Fruit

Prendere l'iniziativa per andare oltre le regole che ci hanno imposto

La superficie coltivata a pomacee presso la Elshof Organic mostra un'espansione stabile, nei Paesi Bassi. "Ogni anno si aggiungono uno o due coltivatori biologici. Attualmente abbiamo una superficie coltivata totale di circa 200 ettari. Riusciamo a gestire bene questa crescita, in quanto la nostra forza di vendita è sufficientemente organizzata per affrontarla". A spiegarlo è Robert Elshof, che non nasconde di temere che il mercato arrivi a saturazione.

"Le rese delle mele biologiche di quest'anno sono un po' più basse rispetto all'anno scorso, ma quelle delle pere biologiche sono un po' più alte. In ogni caso, le vendite procedono bene per entrambi i prodotti. Le mele bio si stanno vendendo particolarmente bene e ne siamo soddisfatti. Non ci sono molti lotti adatti alla lunga conservazione. Non certo dopo la calda estate che abbiamo avuto. Abbiamo, comunque, un'ampia gamma di clienti, quindi siamo in linea con i programmi".

Distribuzione
"Come succede nel mercato convenzionale, le vendite di mele biologiche avvengono a livello domestico. Tuttavia, vendiamo le nostre pere in tutta Europa e siamo rappresentati bene in luoghi come Scandinavia e Germania. Anche il Regno Unito è un mercato importante, per noi. La differenza di scala e di distribuzione dei nostri clienti è fondamentale. La nostra clientela comprende grandi supermercati, ma apprezziamo anche i nostri clienti che acquistano solo uno o due pallet di piccole dimensioni. Dopotutto, ogni dimensione e qualità hanno bisogno di trovare una casa".

Secondo Robert, anche le vecchie varietà come la Elstar e la Conference vanno bene sul mercato biologico. "Le pere Xenia sono una piacevole aggiunta. Tuttavia, basandomi sulla mia esperienza, non supereranno mai le Conference. Tuttavia, nella seconda metà della stagione c'è spazio per una gamma di mele biologiche adatta. La prima metà della stagione è generalmente ben assortita. Tuttavia, la seconda metà viene spesso integrata con frutta d'importazione ed è qui che i consumatori olandesi mostrano il desiderio per il consumo di mele biologiche locali. Stiamo rispondendo a questa tendenza con sempre maggiore successo con la nostra varietà BelleBio".

Robert e le pere biologiche Xenia

La piattaforma Bio Grownection
Robert si occupa sempre meno di coltivazione e vendite. "Fortunatamente, posso fare affidamento a una squadra che si occupa di questo. Insieme ai coltivatori, la mia missione è di incrementare i livelli di consapevolezza. Il settore biologico è nel pieno della professionalizzazione. A questo scopo, abbiamo implementato la piattaforma Bio Grownection. Siccome si tratta di un mercato di nicchia, dobbiamo lavorare con i coltivatori per portare alle persone questo tipo di conoscenza".

"La coltivazione biologica comporta rischi maggiori. Lavorando insieme, possiamo renderla molto redditizia. Aiutiamo i coltivatori nella conversione e ciò risulta in una qualità maggiore. Dico sempre che aiutando l'altro si aiuta anche se stessi. Potrebbe suonare un discorso idealistico, ma ritengo che sia una pura realtà di mercato. Se un agricoltore dei nostri consegna una qualità inferiore, finisce con influenzare il mercato per tutti".

Una situazione vincente per tutti
"Anche io sono stato cresciuto con l'idea del prezzo di costo. Tuttavia, la nostra società si batte per arrivare a una situazione vincente per tutte le parti coinvolte. Nessuno nella nostra filiera dovrebbe avvantaggiarsi a spese dell'altro. In questo modo, ogni anello della catena ne beneficia. Partiamo da un modello di valore aggiunto. Un prodotto ha un determinato valore. Il nostro servizio e la nostra qualità vanno ad aggiungersi a questo. Si tratta di un modello di acquisto completamente diverso".

"E' molto diverso dai margini che vanno sempre a incidere solo sul coltivatore. Fortunatamente, anche i buyer si stanno allineando sempre di più a questo concetto. Inoltre, gli acquirenti preferiscono avere un rapporto con parti affidabili e vogliono lavorare con queste per molto tempo. I buyer ritengono che il profitto a breve termine causi problemi sul lungo termine".

"Si tratta di un discorso condivisibile. Sostengo che si dovrebbe poter acquistare da noi a occhi chiusi. Anche valori come la responsabilità sociale d'impresa, l'uso del territorio e l'energia sostenibile fanno parte delle nostre operazioni commerciali. Vogliamo ottenere risultati elevati sotto tutti questi aspetti - continua Elshof - Molti agricoltori si lamentano delle regole imposte loro dal governo".

"Ma noi vogliamo fare un passo in avanti. E lo stiamo già facendo in una certa misura. Per esempio, la nostra frutta proviene solo da magazzini refrigerati che utilizzano energia generata in maniera sostenibile e vogliamo continuare a migliorare sotto questo punto di vita. Il prossimo passo sarà di fornire una garanzia di vita del suolo attraverso un metodo di misurazione che vada oltre la Skal o qualsiasi altra certificazione".

"Ciò significa che bisogna stare sempre attenti. Bisogna lavorare sodo e restare efficienti. Abbiamo a che fare anche con la competizione, ma se si osserva il quadro generale l'acquisto non è il problema più rilevante. I nostri clienti vogliono crescere insieme a noi. Allora si parla la stessa lingua e si ottiene un prezzo equo per il prodotto. In particolare - conclude Robert - è gratificante riuscire a dare un senso a qualsiasi cosa si faccia".

Per maggiori informazioni:
Robert Elshof
Elshof Organic Fruit
8251 RX, Dronten, NL
Tel: + 31 (0) 321 312 719
Email: info@elshoffruit.nl    
Web: www.elshoforganicfruit.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto