Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto

State utilizzando un software che blocca le nostre pubblicità (cosiddetto adblocker).

Dato che forniamo le notizie gratuitamente, contiamo sui ricavi dei nostri banner. Vi preghiamo quindi di disabilitare il vostro software di disabilitazione dei banner e di ricaricare la pagina per continuare a utilizzare questo sito.
Grazie!

Clicca qui per una guida alla disattivazione del tuo sistema software che blocca le inserzioni pubblicitarie.

Sign up for our daily Newsletter and stay up to date with all the latest news!

Registrazione I am already a subscriber
Wijnand de Mooij: "Il settore Horeca si sta adeguando piu' rapidamente rispetto al primo lockdown"

Per cominciare a importare verdure italiane, i Paesi Bassi dovrebbero registrare gelate notturne

La stagione di importazione di verdure italiane sta cominciando in maniera difficile. "Il clima olandese, infatti, è ancora troppo favorevole. Abbiamo bisogno di alcune notti di gelo e poi potremo cominciare con le prime spedizioni. L'attuale fornitura di baby leaf, in particolare, è ancora troppo elevata. L'offerta di finocchi, ravanelli e cavolo rapa sono terminate nei Paesi Bassi. Da qualche tempo stiamo importando spinaci. I nostri fornitori italiani vorrebbero passare alle verdure invernali. Anche loro avvertono la mancanza dei clienti del settore Horeca". A sostenerlo è Wijnand de Mooij, grossista ortofrutticolo di Rotterdam.

Il secondo lockdown per l'Horeca sta avendo un notevole impatto anche sull'azienda De Mooij. "Le nostre attività sono scese del 30% e non penso che la situazione migliorerà fino alla fine dell'anno. Tuttavia, le attività si stanno adeguando più rapidamente rispetto al primo lockdown di marzo, quando lo shock iniziale è stato notevole. Le vendite, infatti, diminuirono del 40% per otto settimane. In quel periodo molti mercati erano chiusi. Ora le attività commerciali sono preparate e stanno passando all'asporto più rapidamente".

Eppure, secondo il grossista non è tutto rose e fiori. "Per esempio, i negozi turchi hanno cominciato a vendere molto di più in primavera. Quei clienti ora ripetono l'acquisto più spesso. La cosa positiva è che da maggio fino alle vacanze estive abbiamo ripreso completamente le attività - afferma de Mooij - Ce n'era estremamente bisogno per recuperare. Quel commercio esplosivo ora è non c'è più. Le persone sanno che fare incetta di prodotti non è necessario e si sono abituati alla situazione. Le vendite di alcune referenze stanno beneficiando del fatto che ora le persone cucinano a casa".

"Questo mercato sta creando altre opportunità. Ecco perché abbiamo investito su un nuovo furgone Volvo di grandi dimensioni che si è andato ad aggiungere a quello che già avevamo. Abbiamo anche un furgone Iveco di piccole dimensioni per fornire un servizio migliorato. Inoltre, ove possibile, vogliamo effettuare consegne a domicilio. Sempre più clienti hanno turni di lavoro più lunghi ed è per questo che vogliamo offrire questo servizio di consegna - conclude de Mooij - l'intenzione è di migliorare ulteriormente il nostro servizio".

Per maggiori informazioni:
Wijnand de Mooij
170 Groothandelsmarkt
3044 HG, Rotterdam - Paesi Bassi
Tel.: + 31 (0) 104 373 984
Email: info@mooijquality.nl 
Web: www.mooijquality.nl

Data di pubblicazione: