Bernd Bodiselitsch (Imprint LLC) sulle frodi in materia di etichettatura

Le differenze di prezzo possono rendere redditizia la falsificazione dell'origine geografica

Qualche settimana fa si è verificato un caso di frode da un milione di dollari nel commercio di frutta austriaco: 460 tonnellate di mele di origine ceca sono arrivate sul mercato come merce austriaca. La Imprint LLC, con sede a Neutal nel Burgenland, combatte questo tipo di frode da molti anni. L'amministratore delegato, Bernd Bodiselitsch, spiega come funziona questa analisi dell'origine, in particolare per frutta e verdura.

Il fattore decisivo nel controllo dell'origine geografica dichiarata è la determinazione e l'interpretazione dei suoi rapporti isotopici stabili di carbonio, azoto, zolfo, idrogeno e ossigeno. Ogni rapporto isotopico è influenzato da alcune fonti di informazione - come il clima, il tipo di suolo, la fertilizzazione, le tecniche di coltivazione - e genera l'impronta digitale dell'isotopo.

"La cosiddetta impronta isotopica è tipica del campione e viene confrontata con i dati di riferimento. Il campione viene quindi confrontato con l'intervallo di variazione previsto dei cinque rapporti isotopici. Sulla base di questi risultati, possiamo giudicare se l'origine geografica indicata del campione di prova è corretto", afferma Bodiselitsch.


Bernd Bodiselitsch, amministratore delegato della Imprint LLC

Frode sull’indicazioni di origine
Negli ultimi mesi, ci sono state diverse segnalazioni di frode sull'etichettatura di frutta e verdura. Al giorno d'oggi, si può scegliere tra prodotti a denominazione di origine protetta (DOP) e prodotti a indicazione geografica protetta (IGP), nonché alimenti locali e regionali. "Di conseguenza, la differenza di prezzo tra tali prodotti premium e prodotti convenzionali è in aumento. Ciò significa che l'adulterazione dei prodotti può essere piuttosto redditizia. Maggiore è il margine di profitto, dovuto alla falsa etichettatura d'origine di un prodotto, maggiori sono i rischi ovviamente".

Le interruzioni nella catena di fornitura, come accade in tempi di crisi, hanno un effetto diretto sul rischio di falsificazione. "Le nostre armi più potenti, tuttavia, sono le misure per la riduzione e la prevenzione dei rischi. Un programma regolare e appropriato di test è il modo più sicuro ed economico per raggiungere questo obiettivo".


Alla fine del 2012, a Neutal è stato istituito il primo laboratorio commerciale austriaco per l'analisi di isotopi stabili.

Aumento del rischio in tempi di coronavirus
Le falsificazioni dei marchi di origine possono verificarsi in tutte le fasi della catena di approvvigionamento. "Per soddisfare la domanda, i produttori con bassi volumi potrebbero portare prodotti esteri con i propri lotti - dice Bodiselitsch - Commercianti, esportatori e importatori potrebbero essere tentati di mescolare prodotti di origini diverse, per realizzare un rapido profitto economico. I rivenditori potrebbero cambiare la denominazione dell'origine per mantenere sugli scaffali i prezzi premium. Tuttavia, è stato riscontrato che il rischio di frode alimentare tende a essere maggiore nelle fasi intermedie della catena di approvvigionamento, e inferiore all'inizio e alla fine".

La pandemia ha creato grandi squilibri nelle catene di approvvigionamento alimentare, particolarmente gravi tra domanda e offerta. Questa instabilità aumenta notevolmente il rischio di frode alimentare. "L'insolito surplus di alimenti all'inizio della pandemia, o la riduzione delle misure di garanzia della qualità, a causa del lockdown o per motivi economici, ha offerto nuove occasioni ai truffatori. Stiamo anche osservando una carenza di manodopera in agricoltura, a causa della chiusura delle frontiere. Infine, bisogna considerare il cambiamento dei modelli di acquisto dei consumatori: ad esempio, stiamo assistendo a un forte aumento degli acquisti online e una chiara preferenza per i prodotti locali".

Per maggiori informazioni
Bernd Bodiselitsch
Imprint Analytics GmbH
Werner von Siemens Straße 1
7343 Neutal - Austria
Tel.: +43 (0) 59010 8900
Email: bodiselitsch@imprint-analytics.at 
Web: www.imprint-analytics.at  


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto