Herbert Scholdei (Macalea LLC) all'inizio della stagione d'oltreoceano

Uve da tavola brasiliane: la finestra commerciale tende a ridursi

Inizia la stagione dell'uva da tavola d'oltreoceano. Sono attesi a breve i primi arrivi dal Brasile, afferma Herbert Scholdei, importatore di frutta di Amburgo e amministratore delegato della Macalea LLC & Co. "Nelle aree di produzione, i problemi legati al coronavirus stanno complicando l'inizio della stagione delle coltivazioni precoci del Brasile e della Namibia. Al momento, è difficile stimare se ci saranno in seguito maggiori forniture".

Se e in che misura la situazione attuale influenzerà i prezzi, è ancora difficile da prevedere. Scholdei dice: "Certo, questo dipende in parte anche dalla situazione dell'offerta europea. Tutto quello che ha a che fare con l'uva da tavola europea finisce solitamente quando inizia a piovere. Normalmente, avremmo già avuto la pioggia. Ho il sospetto che ci saranno ancora delle forniture dall'Europa nelle prossime settimane e, purtroppo, le merci d'oltreoceano non riescono a essere competitive sui prezzi".

La stagione dell'uva da tavola nell'emisfero australe inizia tradizionalmente in Brasile, per poi passare ai lotti namibiani e sudafricani. Poi prosegue successivamente con Argentina, India e infine - da fine marzo – con l’Egitto. "A causa degli elevati requisiti di qualità del commercio al dettaglio tedesco, è difficile avere una fornitura cilena di uve da tavola in questo Paese. Invece, l'India è sul mercato da molto tempo e quindi ha la stagione d'oltreoceano più lunga di circa 10 settimane", spiega Soldei.

Nel frattempo, la stagione namibiana tende a essere sempre più spesso precoce: "Questo significa che il Brasile avrà solo una finestra commerciale molto breve, di circa tre settimane nel prossimo futuro - dalla settimana 45 alla 49, per esempio. La Namibia dominerà l'offerta fino alla settimana 53. A differenza dei Paesi fornitori, c’è molta movimentazione sul mercato, in termini di varietà. "Tutti cercano di coltivare varietà resistenti alla pioggia, motivo per cui c'è un numero così vario di tipologie, che il cliente non le nota nemmeno più".

Sin dall'inizio della sua attività, la Macalea LLC & Co, fondata nel 2016, si è specializzata nell'importazione di frutta d'oltreoceano. Oltre all'uva da tavola, anche i mango sono un importante pilastro della produzione dell'azienda. "Attualmente, forniamo lotti brasiliani e peruviani. La domanda è molto buona e i prezzi sono adeguati e stabili".

Secondo Scholdei, anche la difficile situazione del trasporto aereo, verificatasi all'inizio della pandemia di coronavirus, si è in qualche modo normalizzata. "Lufthansa e KLM hanno convertito gli aerei passeggeri in aerei cargo; quindi, negli ultimi tre mesi, la situazione è migliorata".

Negli ultimi anni, in Spagna si coltiva sempre più il mango, come sa anche Soldei. "Dal mio punto di vista, la coltivazione spagnola non è una minaccia per i prodotti d'oltreoceano, ma anzi è una cosa positiva. I gustosi manghi provenienti dalla Spagna aprono il mercato anche a quelli aviotrasportati dall'estero, perché i consumatori ora sanno che i manghi buoni dovrebbero avere lo stesso sapore. Alla fine, si dovranno cercare anche delle alternative, dal momento che la produzione spagnola non è abbastanza grande da coprire il consumo totale".

Per maggiori informazioni:
Macalea GmbH & Co KG
Herbert Scholdei
Oberhafenstraße 1
D - 20097 Hamburg 
Tel.: +49 – 40 – 30 37 27 – 111
Fax: +49 – 40 – 30 37 27 – 100
E-mail: herbert.scholdei@macalea.com  
www.macalea.com 


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto