Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Álvaro Martínez, direttore di Axarfruit: 'Il raccolto e' inferiore al previsto'

I prezzi elevati del mango spagnolo all'origine rendono difficile la vendita sui mercati

A Malaga, il raccolto del mango è inferiore alle attese. L’entrata in produzione di piantagioni più giovani non ha impedito un calo dei volumi rispetto alla scorsa stagione.

"A causa della scarsa fornitura di mango in Spagna, i prezzi all'origine sono alti e continuano a salire, ma i mercati europei non sono disposti a pagarli", afferma Álvaro Martínez, direttore di Axarfruit. "E' difficile giustificare queste quotazioni e la domanda non è così alta perché i grandi distributori si aspettavano prezzi più vantaggiosi in questa stagione".

Secondo l'esportatore, le stagioni del mango sono migliori quando si raccolgono grandi volumi. "E' meglio avere grandi quantitativi perché sebbene il prezzo sia inferiore, i produttori finiscono per guadagnare di più, viste le vendite più alte. Inoltre, quando le quotazioni sono più competitive, riusciamo anche a vendere di più. Gli importatori europei possono acquistare mango a 4 o 5 euro a cassa per gran parte dell'anno, quindi cercare di vendere quelli spagnoli per alcune settimane a 9 euro a cassa non funzionerà, non importa quanto siano buoni", continua Martínez.

"Se i prezzi dei mango spagnoli sono un po' più alti di quelli di altre origini (tra 6 e 7 euro a cassa), allora gli acquirenti europei preferiscono il nostro per la qualità, la vicinanza, la diversità dei calibri e la velocità delle operazioni di acquisto. Ma se li vendiamo a un prezzo quasi raddoppiato, è tutta un'altra storia".

"E' una campagna intensa, ma sarà più breve del solito a causa della bassa produzione", spiega Álvaro Martínez. "Vale la pena notare, tuttavia, che quest'anno siamo molto soddisfatti della qualità e dei calibri dei frutti".

Tra circa 10 giorni, Axarfruit finirà di vendere il mango Osteen e continuerà con la varietà Keitt. Successivamente, sarà la volta del mango Palmer, una varietà in cui l'azienda di Malaga vuole continuare a investire nelle prossime campagne. "Il settore subtropicale di Malaga si è reso conto che le varietà tardive raggiungono prezzi migliori rispetto a quelle precoci, come l'Osteen, che rappresenta più della metà della produzione totale di mango. Negli ultimi anni, è stato piantato un numero maggiore di mango Keitt per questo motivo ed è stato introdotto gradualmente anche il Palmer. Il nostro obiettivo è riuscire a coprire il mese di novembre con il Palmer e chiudere una campagna di mango spagnola lunga 3 mesi".

Buone vendite di avocado
L'azienda ha già iniziato a commercializzare l'avocado Bacon da Malaga, importando anche l’Hass da Messico, Colombia e Cile. Secondo il direttore di Axarfuit, "al momento le condizioni sono ottimali per il mercato dell'avocado. Il Perù ha praticamente finito e i volumi in arrivo da Cile e Colombia non sono ancora molto abbondanti. Ci auguriamo che le cose continuino così per almeno un'altra settimana. Alla fine di questo mese, inizieremo con gli avocado Hass provenienti da Malaga".

Per maggiori informazioni
Álvaro Martínez
Axarfruit
Polígono industrial Carvajal s/n, 
29718 Benamargosa, Malaga - Spagna 
Tel.: +34 952 549 562
Cell.: +34 656 647 475
Email: alvaro@axarfruit.es
Web: www.axarfruit.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto