California, Stati Uniti

I ricercatori utilizzano le immagini satellitari per mappare l'utilizzo delle acque sotterranee nella Central Valley

I dati satellitari rivelano la variabilità nell'utilizzo delle acque sotterranee in diverse colture, un vantaggio per la definizione delle politiche di irrigazione in tutto lo Stato della California (Usa).

I ricercatori dell'Università della California, a San Diego, riportano in un nuovo studio un modo per migliorare il monitoraggio delle acque sotterranee, utilizzando una tecnologia di telerilevamento (nota come InSAR), insieme ai dati sul clima e sulla copertura del suolo, per colmare le lacune in materia di conoscenza della sostenibilità nelle acque sotterranee nella San Joaquin Valley californiana.

Il loro lavoro potrebbe essere rivoluzionario nella gestione  delle acque sotterranee nelle regioni agricole di tutto il mondo, poiché il monitoraggio e la gestione delle acque sotterranee sono notoriamente difficili da portare avanti, a causa della mancanza di dati attendibili.

L'InSAR (radar interferometrico ad apertura sintetica), su piattaforma satellitare, viene utilizzato per creare mappe ad alta risoluzione del movimento della superficie terrestre nello spazio e nel tempo, compresa la misurazione di subsidenza (o affondamento). La subsidenza può verificarsi quando grandi quantità di acque sotterranee vengono rimosse dai depositi sotterranei, chiamati falde acquifere.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters, ha sfruttato la risoluzione in scala ultra ridotta dell’InSAR per valutare i modelli di subsidenza in base al tipo di coltura, mostrando risultati sorprendenti. Ad esempio, nonostante i rapporti sull'elevato consumo di acqua in frutticoltura in California, i tipi di colture con i maggiori tassi di subsidenza e, per associazione, i maggiori tassi di utilizzo delle acque sotterranee, sono colture in pieno campo, come mais e soia, seguite da colture foraggere, come l'erba medica, colture orticole come i pomodori e, infine, colture frutticole come mandorle e uva da tavola.

Durante il periodo di studio, si è registrato un valore medio di 272 millimetri di cedimento cumulativo totale per le colture in pieno campo (come mais e soia). Per i raccolti frutticoli (come mandorle e uva da tavola) il valore medio è stato di 62 millimetri di cedimento totale.

"La nostra ipotesi iniziale era che i raccolti frutticoli sono associati ad alcuni dei più alti tassi di subsidenza, ma abbiamo scoperto il contrario", ha detto l'autore principale dello studio, Morgan Levy, professore associato con un incarico congiunto presso la Scripps Institution of Oceanography and School of Global Policy and Strategy.

Poiché lo spostamento è una risposta al cambiamento dello stoccaggio delle acque sotterranee in luoghi con geologia, suolo e vegetazione variabili, l'interpretazione di InSAR varia a seconda delle località, a differenza delle misurazioni satellitari del clima che hanno la stessa interpretazione, in qualsiasi luogo. Pertanto, InSAR deve essere combinato con altre fonti di dati geofisici per ottenere una visione georefenziata sull'uso delle acque sotterranee.

Clicca qui per l'articolo completo (in inglese).


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto