Avvisi



















Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Erik Waterman, Waterman Onions, Paesi Bassi

La sfida del climate change non puo' essere sottovalutata nel settore delle cipolle

Alla fine di settembre, il principale raccolto di cipolle da seme della Waterman Onions, nei Paesi Bassi, si è esaurito. Il proprietario, Erik Waterman, afferma che i raccolti variano moltissimo fra loro. "A volte differiscono dal 20 al 30%. I lotti di terra che presentano una struttura più leggera sono andati bene e i risultati sembrano buoni. Ma i lotti di terreno pesante devono affrontare un inizio più difficile".

"La primavera è stata secca e calda a giugno, e questo non ha aiutato. Molti di questi lotti hanno una distribuzione del raccolto molto irregolare. Fortunatamente, la situazione su molti lotti è migliorata, ma ci sono ancora grandi differenze regionali. Dovremo aspettare e vedere come andranno le cose, sia in termini di resa che di qualità".

Erik ritiene che le condizioni di mercato siano abbastanza buone. "Solitamente, in questo periodo bisogna affrontare la pressione che arriva dalle piantine di cipolle concorrenti. Ma non è più questo, il problema principale. Finora le vendite sono state abbastanza stabili. Due anni fa, il clima secco ha fatto salire alle stelle la domanda di cipolle. Ora non è così. Quest'anno c'è più di un'aspettativa di raccolto "normale". Se riusciamo a mantenere dei prezzi competitivi, penso che le nostre possibilità sul mercato mondiale saranno buone. Con un prezzo della cipolla selezionata di circa 0,20 euro, possiamo essere competitivi a livello globale".

Il proprietario della Waterman Onions nota che la domanda di cipolle biologiche continua a crescere. Ma la superficie coltivata è anch'essa aumentata. "In tutta Europa, le cipolle biologiche hanno avuto alcuni problemi con le malattie. Le rese e la qualità, quindi, varieranno notevolmente da regione a regione. Qui nei Paesi Bassi, le maggiori opportunità con le cipolle biologiche si realizzeranno in primavera", prevede Erik.

Quest'anno, le prospettive sul mercato mondiale delle cipolle rosse sono abbastanza buone. "Tuttavia, in Europa le vendite di cipolle rosse ai settori della ristorazione e dell'ospitalità sono diminuite drasticamente. L'anno scorso si è creata una situazione unica. L'India e i Paesi limitrofi si sono proposti come acquirenti della cipolla rossa, una richiesta piuttosto insolita. I prezzi attuali di questa referenza sono abbastanza stabili".

Il confezionatore ritiene che, per ora, il settore delle cipolle stia affrontando bene la crisi del coronavirus. "Quando si tratta di vendite, ogni Paese ha i suoi problemi, che potrebbero verificarsi nelle operazioni di pagamento. Ma alcuni Paesi spesso canalizzano le loro vendite attraverso mercati aperti (all'ingrosso), dove le vendite sono spesso inferiori rispetto al solito. Il vantaggio delle cipolle, tuttavia, è che se non vengono vendute in un modo, verranno vendute in un altro. In questo caso, tramite diversi canali di vendita".

"Per quanto riguarda il consumo complessivo, non abbiamo comunque notato effetti negativi di rilievo. Come il sale e il pepe, le cipolle sono un prodotto indispensabile. Trovi le cipolle in ogni cucina del mondo. Non sono un lusso, ma un ortaggio necessario. Non c'è da meravigliarsi quindi che esse, insieme ai pomodori, siano le verdure più popolari e più importanti al mondo".

Quando si parla di innovazione, la sostenibilità è un tema caldo per la Waterman. "Nel settore degli imballaggi, ad esempio, stiamo cercando di trovare qualcosa affinché la produzione non si basi sui combustibili fossili. Non l'abbiamo ancora trovata, ma questo è il nostro obiettivo. Per noi, sostenibilità non è solo una parola d'ordine. Sta diventando una parte sempre più integrante di tutta la nostra azienda. Nelle nostre sedi olandesi generiamo quasi tutta l'energia di cui abbiamo bisogno in modo sostenibile. Anche la nostra flotta è quasi interamente elettrica. E, ultimo ma non meno importante, stiamo lavorando duramente sulla coltivazione della cipolla a residuo zero".

"Ma non deve essere necessariamente biologica. La coltivazione sostenibile, quella convenzionale e le colture ecologiche si stanno lentamente fondendo. Questo fa guadagnare di più? Non sempre o non abbastanza bene, ma potrebbe cambiare, considerati gli sforzi e i costi a volte straordinari. Questi vengono affrontati per creare valore aggiunto ai partner dell'intera filiera, che è necessario organizzare in modo trasparente. Essere partner deve davvero significare qualcosa. Avere cipolle certificate GlobalGAP solitamente costituisce un vantaggio, ma al giorno d'oggi questo è diventato sempre più uno standard".

Quello del segmento convenience è un altro sviluppo significativo nel settore delle cipolle. "La nostra generazione e quella precedente avevano un grande sacco di cipolle conservato in cantina. Ora confezioniamo le cipolle a coppia o separatamente, per determinati clienti. Il menu delle giovani generazioni è sempre più determinato da HelloFresh o da una particolare applicazione. La comodità è fondamentale. Una volta hanno bisogno di uno scalogno, l'altra di una cipolla dorata, rossa, rosa o bianca. Abbiamo anche il vantaggio che le cipolle vengono utilizzate in molti modi diversi, nelle diverse tradizioni gastronomiche".

Erik considera le condizioni meteo una sfida importante per il settore. "Due anni, fa era estremamente secco e caldo. Ma tutti hanno subito liquidato la situazione meteo come "accade solo ogni 20 anni". Adesso è la terza estate secca consecutiva, con molta meno pioggia. Questa situazione rende indispensabile la disponibilità di acqua dolce e un'irrigazione sufficiente. Qui nella provincia olandese del Flevoland, dovremmo avere abbastanza acqua disponibile".

"Ma se non riusciremo ad attenuare questa situazione in tutta l'Olanda, avremo un problema. Mi rendo conto, tuttavia, che il Flevoland è il Valhalla, per le cipolle. Non solo per la presenza dei polder. Ci sono anche aree di coltivazione emergenti nelle vicine province olandesi. Quindi, ci troviamo in un'ottima posizione centrale. Pertanto, ci concentriamo principalmente sulle cipolle olandesi. Ma abbiamo sempre bisogno di cipolle di altri Paesi come Tasmania, Nuova Zelanda ed Egitto".

"Le sfide per le cipolle sono tante, ma la nostra azienda vuole sicuramente affrontarle con entusiasmo e ambizione", conclude Erik.

Erik Waterman
|erik@waterman-onions.nl

Voor meer informatie:
Waterman Onions
Hannie Schaftweg 12
8304 AR Emmeloord
+31 (0)527 617 496
info@waterman-onions.nl   
www.waterman-onions.nl    


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto